Poligono di tiro, Modena, 21-22.02. 1944

(Modena - Emilia-Romagna)

Poligono di tiro, Modena, 21-22.02. 1944

Poligono di tiro, Modena, 21-22.02. 1944
Descrizione

Località Poligono di tiro di Modena, Modena, Modena, Emilia-Romagna

Data 21 febbraio 1944 - 22 febbraio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Dopo l’8 settembre 1943 diversi antifascisti modenesi formano la Commissione Clandestina per l’assistenza ai militari delle Nazioni Unite, una rete che nasconde, soccorre e assiste i soldati alleati fuggiti dai campi di prigionia del modenese, dell’Emilia e del Veneto. Questa struttura si avvale del contributo di Arturo Anderlini, uno degli ottici più stimati della città, che s’impegna nel salvataggio dei fuggiaschi stranieri insieme ad alcuni esponenti comunisti e socialisti, alle organizzazioni cattoliche – rappresentate in maniera brillante da Don Elio Monari – e a personaggi della società civile. Negli ultimi giorni di gennaio la maggior parte dei militari alleati ha già raggiunto destinazioni sicure, ma alcuni ex-prigionieri sono ancora a Modena e corrono gravi rischi per la loro immediata riconoscibilità. Quando il Tenente inglese Leather Godwin ha bisogno di cure, Anderlini chiede l’aiuto di un medico, ma la paura delle ripercussioni penali induce il dottore a denunciare l’animatore della rete clandestina. All’inizio di gennaio, i fascisti arrestano Anderlini insieme a Chiarina Rognoni e Dalma Malagoli: i tre finiscono in carcere e vivono quaranta giorni di passione. Dietro le sbarre, Anderlini incontra Alfonso Paltrinieri – un agiato e devoto possidente di San Felice sul Panaro che ha ospitato alcuni prigionieri inglesi ed è stato arrestato insieme alla moglie Ines Gallini e a Vittorio Piva – e Fortunato Cavazzoni, un agricoltore di Nonantola che è stato arrestato insieme a due dei suoi figli il 18 gennaio per aver offerto ospitalità a un soldato del Commonwealth evaso dal campo di prigionia. Il 21 febbraio 1944 il Tribunale Straordinario di Guerra si riunisce a Palazzo Ducale e condanna alla fucilazione Anderlini e Paltrinieri; è la seconda pena capitale inflitta nella città di Modena, dopo quella comminata contro Carlo Tincani e Ultimo Martelli nei primi giorni del 1944. Mentre la sentenza viene pronunciata, Fortunato Cavazzoni muore in circostanze mai del tutto chiarite: i figli vengono scarcerati, ma non possono vedere il corpo del padre. All’alba del giorno successivo, i due detenuti sono condotti al Poligono di Tiro della Sacca e vengono soppressi con raffiche al petto.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da Daniel Degli Esposti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-10 22:58:59

Vittime

Elenco vittime

1. Arturo Anderlini: nato a Modena il 3 febbraio 1896 da una famiglia originaria della Madonnina, antifascista. Cresciuto al Patronato per i Figli del Popolo, negli anni Venti è un attivo sostenitore del Partito Socialista insieme al fratello, assessore nella giunta Teglio; negli anni del regime rimane antifascista, si avvicina al movimento “Giustizia e Libertà” e aderisce al Partito d’Azione. Dopo l’8 settembre 1943 organizza una rete clandestina per salvare i prigionieri alleati dai campi di detenzione della città e della provincia e collabora con i principali protagonisti del CLN di Modena. Segnalato alle autorità occupanti, è catturato nel gennaio del 1944; il 22 febbraio 1944 viene fucilato al poligono di tiro della Sacca insieme ad Alfonso Paltrinieri.
2. Fortunato Cavazzoni: nato a Vignola (MO) il 2 agosto 1884, residente a Nonantola, agricoltore, civile. Il 18 gennaio 1944 viene arrestato dai fascisti poiché ha ospitato un soldato inglese evaso dal campo di prigionia di Fossoli; condotto nelle carceri di Sant’Eufemia, conosce Arturo Anderlini e Alfonso Paltrinieri. Nella tarda serata del 21 febbraio 1944 il Tribunale Straordinario di Guerra si riunisce a Palazzo Ducale e condanna alla fucilazione Anderlini e Paltrinieri; in quelle stesse ore, Fortunato Cavazzoni muore in circostanze misteriose nella sua cella.
3. Alfonso Paltrinieri: nato a Rosario di Santa Fé il 14 luglio 1894 da una coppia di modenesi emigrati in Argentina. Rientrato in Italia, acquista una tenuta a San Felice sul Panaro, apre una piccola azienda casearia, si sposa e ha cinque figli. Cattolico fervente, non ama la violenza fascista; dopo l’8 settembre 1943, si adopera per salvare i militari alleati che fuggono dai campi di prigionia. All’inizio dell’inverno i fascisti scoprono un paracadutista inglese nella sua casa; Paltrinieri è arrestato e rinchiuso nelle celle dell’Accademia Militare. Viene fucilato al poligono di tiro della Sacca insieme ad Arturo Anderlini il 22 febbraio 1944.

Elenco vittime civili 2

Fortunato Cavazzoni,
Alfonso Paltrinieri

Elenco vittime antifasciste 1

Arturo Anderlini

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Modena

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Modena

    Descrizione: Anderlini e Paltrinieri non sono considerati partigiani poiché non hanno partecipato all’organizzazione della lotta armata: il cattolico Paltrinieri ha agito a titolo personale e per carità cristiana, mentre l’azionista Anderlini – ricordato sul monumento anche da una piccola croce personale – è stato uno dei perni della rete di soccorso ai prigionieri alleati. Nell’immediato dopoguerra la lapide è collocata sul muro della fucilazione, ma alla fine degli anni Ottanta l’Amministrazione comunale e l’ANPI decidono di spostarla all’ingresso del parco che divide le vie Benedetto Croce e Giovanni Boccaccio per darle maggiore visibilità.

  • commemorazione a Modena

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Modena

    Descrizione: Nell’immediato dopoguerra le associazioni sportive che si riconoscevano nei valori della Resistenza e delle Sinistre (UISP e federazioni specifiche a essa affiliate) organizzarono la “Coppa Arturo Anderlini”, una corsa ciclistica in memoria del principale organizzatore dell’assistenza ai prigionieri di guerra in fuga dai campi.

Bibliografia


Maria Pia Balboni, Bisognava farlo: il salvataggio degli ebrei internati a Finale Emilia, Firenze, Giuntina, 2012, pag. 110.
Ermanno Gorrieri, La repubblica di Montefiorino, Bologna, Il Mulino, 1970, pp. 124-128.
Claudio Silingardi, Una provincia partigiana, Milano, Franco Angeli, 1998, pp. 174-175.
Ilva Vaccari, Dalla parte della libertà, Santa Sofia di R., Stab. Tip. dei Comuni per COOP Estense, 1999, pag. 546.
Ilva Vaccari, Eroi senza armi. L'opera di aiuto ai militari alleati nella prima fase della Resistenza modenese nel quadro delle persecuzioni razziali, Modena, ISRM, 1960.
Ilva Vaccari, Il tempo di decidere. Documenti e testimonianze sui rapporti tra il Clero e la Resistenza, Modena , 1968.

Sitografia


http://www.istitutostorico.com/app-modena900/index.html#/memorial/17
http://www.istitutostorico.com/app-modena900/index.html#/person/1
http://www.istitutostorico.com/app-modena900/index.html#/person/130
http://www.anpi.it/donne-e-uomini/arturo-anderlini/
http://www.anpi.it/donne-e-uomini/alfonso-paltrinieri/
http://emilia-romagna.anpi.it/modena/archivio_res/dicembre_08/art_23_12_08.htm
http://emilia-romagna.anpi.it/modena/archivio_res/gennaio_04/art_23_01_04.htm
http://www.pietredellamemoria.it/pietre/cippo-ad-arturo-anderlini-e-alfonso-paltrinieri-modena/
https://books.google.it/books?id=zZ-N8VC4W5QC&pg=PA110&lpg=PA110&dq=arturo+anderlini+22+febbraio+1944&source=bl&ots=jw-By9bWhO&sig=iwvMmOINnnCoXVDn4O-mZg2AJ48&hl=it&sa=X&ei=xvSbVZ-SDaSUygO4hISoBg&ved=0CD0Q6AEwBQ#v=onepage&q=arturo%20anderlini%2022%20febbraio%201944&f=false
https://storiedimenticate.wordpress.com/2012/02/22/22-febbraio/
http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2013/04/19/news/l-ottico-che-aiuto-gli-americani-1.6914311
http://anpimodena.it/allalba-del-22-febbraio-44/
http://www.santiebeati.it/dettaglio/91835
http://anpimodena.it/category/resistenza-e-antifascismo-oggi/page/20/
https://sites.google.com/site/progettolineagotica/resistenzacivile
http://beniculturali.ilc.cnr.it:8080/Isis/servlet/Isis?Conf=/usr/local/IsisGas/InsmliConf/Insmli.sys6.file&Obj=@Insmlie.pft&Opt=search&Field0=zzL10%20*%20cts=b
http://www.modenainbici.it/event/staffette-storia-e-memoria-della-resistenza-a-modena-in-bicicletta/
http://www.comune.modena.it/eventi/eventi-2015/staffette-storia-e-memoria-della-resistenza-a-modena-in-bicicletta
http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=142

Fonti archivistiche

Fonti

Adamo Pedrazzi, Cronaca dell’Occupazione Nazi-Fascista di Modena – MCMXLIII-MCMXLV, Archivio dell’Istituto Storico di Modena, pp. 648-661.