Piazzale della Vittoria (ora Viale Mazzini), Sulmona 11-10-1943

(L'Aquila - Abruzzo)

Piazzale della Vittoria (ora Viale Mazzini), Sulmona 11-10-1943

Piazzale della Vittoria (ora Viale Mazzini), Sulmona 11-10-1943
Descrizione

Località Piazzale della Vittoria, Sulmona, L'Aquila, Abruzzo

Data 11 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 1

Numero vittime bambini 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Nella mattina dell’11 ottobre 1943, un nutrito gruppo di persone, in prevalenza donne, si radunò nei pressi di un deposito dell’Esercito posto in prossimità della caserma militare Umberto I, fuori Porta Napoli, ora dedicata a Cesare Battisti, chiedendo a viva voce di poter prelevare qualcosa, viveri o generi di conforto. La massa fu inizialmente contrastata da alcuni carabinieri che stavano, però, per essere sopraffatti, fino a quando non intervenne una pattuglia tedesca che, vista vana ogni minaccia, cominciò a sparare e, addirittura, a lanciare alcune bombe a mano contro quella povera gente disperata.
Un bambino, Ivo Coccia, morì quasi subito, vanamente trasportato all’ospedale; una giovane donna, ferita gravemente e trasportata in ospedale su di una sedia, morì qualche ora dopo. Da alcune testimonianze si apprese che la donna, oltre a lasciare orfana una bimba, era anche incinta. Le testimonianze riportano che la Puglielli lavorava come agente di custodia nel vicino carcere mandamentale di S. Pasquale, contrariamente a quanto riportato invece sull’atto di morte che la voleva casalinga. Vi furono, infine, anche altri feriti. Altre testimonianze vorrebbero che, qualche giorno dopo, i Tedeschi fucilassero al Cimitero di Sulmona un loro commilitone ritenuto improvvido autore di questa strage.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Scheda compilata da Roberto Carrozzo
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-01-22 16:19:47

Vittime

Elenco vittime

1. Coccia Ivo, di Rocco e Concetta Collaldo, nato a Pescara il …, di anni 8, residente in Sulmona, scolaro, deceduto alle ore 9

2. Puglielli Addolorata Gemma, fu Luigi e fu Maria Pizzoferrato, nata a Pratola Peligna il 6/11/1906, di anni 36 e ivi residente, casalinga (?), coniugata con Francesco D’Aurelio, deceduta alle ore 12

Elenco vittime civili 2

1. Coccia Ivo, di Rocco e Concetta Collaldo, nato a Pescara il …, di anni 8, residente in Sulmona, scolaro, deceduto alle ore 9

2. Puglielli Addolorata Gemma, fu Luigi e fu Maria Pizzoferrato, nata a Pratola Peligna il 6/11/1906, di anni 36 e ivi residente, casalinga (?), coniugata con Francesco D’Aurelio, deceduta alle ore 12

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

3. Panzer Grenadier Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie
Bibliografia


Lando Sciuba, La via dell’onore…, Sulmona, Tip. Labor, 1996, pp. 142-143

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Comune di Sulmona, Ufficio Anagrafe, Atti di Morte, Parte II serie B, n° 76/1943 (Coccia) e n° 77/1943 (Puglielli)

Sezione di Archivio di Stato di Sulmona (SASS), Archivio Civico Sulmonese (ACS), V dep., Cat. 8, n° provv. 1810, f. 43 “Partigiani, caduti, feriti e deportati in azioni stesse, 1943-1946”. In una minuta di lettera inviata dal sindaco in data 4/12/1945 all’Ufficio provinciale di assistenza post-bellica di Aquila, compaiono i nomi delle due vittime in un elenco di morti civili per rappresaglie tedesche.