Fonte D'amore, Sulmona 23-10-1943

(L'Aquila - Abruzzo)

Fonte D'amore, Sulmona 23-10-1943

Fonte D'amore, Sulmona 23-10-1943
Descrizione

Località Fonte D'amore, Sulmona, L'Aquila, Abruzzo

Data 23 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Dopo l'8 settembre 1943 Sulmona divenne una delle città di "confine" tra l'Italia centro-settentrionale occupata dai Tedeschi, e l' Italia meridionale occupata dalle forze alleate. La linea "Gustav" era distante dal capoluogo peligno poche decine di chilometri. Il Capitano dell'aeronautica italiana, Francesco Santoro, assieme a suo cognato, il Tenente Colonnello Carlo Fioroni, appena rientrato dall'Albania dopo lo sbandamento dell'8 settembre, tentava di raggiungere le terre liberate del Sud per ricongiungersi a quel che restava dei reparti militari italiani e poter combattere al fianco degli alleati. La notte tra il 20 ed il 21 ottobre, in località "Casali di Scontrone", nei pressi di Alfedena, a pochi chilometri da Castel di Sangro, i due furono intercettati da una pattuglia tedesca della 305° Divisione di Fanteria che in quei mesi presidiava la zona. Fioroni e Santoro furono arrestati, poiché, a breve distanza dal luogo di cattura, vennero rinvenute delle armi e alcuni documenti compromettenti, il cui possesso i tedeschi lo attribuirono ai due militari italiani. Fioroni e Santoro furono immediatamente trasferiti a Sulmona per essere prima interrogati e poi processati dal locale Tribunale militare tedesco che, dopo un processo senza le dovute garanzie, li condannava a morte. Dopo le formalità giudiziarie i due prigionieri vennero avviati alla volta del Campo di prigionia n. 78 di Fonte d'Amore, una contrada nella periferia orientale della città. In un ultimo disperato gesto per guadagnare la libertà, il Capitano Santoro tentava la fuga lanciandosi dal camion quando questo si trovava ormai a pochi metri dall'ingresso del Campo di prigionia. La fuga fu breve. Il capitano fu raggiunto da una raffica di mitra che lo lasciò a terra privo di vita. Erano le 20.30 del 23 ottobre 1943. Il suo corpo fu recuperato la mattina successiva da una pattuglia tedesca, e consegnato al custode del cimitero di Sulmona per le esequie. Nel frattempo, la stessa mattina del 24 ottobre, i tedeschi scoprirono che il Tenente Colonello Carlo Fioroni era fuggito dal Campo 78.
Francesco Santoro fu seppellito in tutta fretta in una buca improvvisata e poco profonda. L'8 ottobre 1944 la salma di Francesco Santoro fu dissotterrata, per ordine del Comando Alleato per i dovuti funerali solenni che si tennero nella Cattedrale di S. Panfilo a Sulmona. Secondo la delibera n. 144 del 18/10/1944 della Giunta comunale di Sulmona fu proprio il Comando Militare Alleato a impartire, a suo tempo, precise disposizioni in proposito. Le spese furono anticipate dalla famiglia per poi essere rimborsate dal Comune di Gioia De Marsi, dove Santoro in vita era residente.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Annotazioni: Nei documenti contenuti in AUSSME, N 1/11, b. 2132 bis è riportato erroneamente il nome "Franco" al posto di "Francesco". Da più fonti, tra le quali gli archivi della Presidenza del Consiglio (elenco dei Decorati con la Medaglia d'Oro al Valor Militare), e della banca dati di Onorcaduti (Ministero della Difesa) si riporta il nome di Francesco. Il nome Francesco è riportato anche nei documenti presenti nell'Archivio del Comune di Sulmona (Atti di Morte presso i registri del cimitero comunale) e nel dispositivo con cui il Ministero della Difesa assegna a Santoro la Medaglia d'Oro alla "Memoria".

Il Sito dell' Anpi, (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia), alla pagina dedicata al Capitano Santoro, http://anpi.it/b928/ riporta l'anno di nascita errato (1916 al posto di quello esatto che è 1910).

La banca dati di "Onorcaduti" (Ministero della Difesa), ignora il luogo di sepoltura.

Scheda compilata da Giulio Mario Salzano
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-06-21 13:50:59

Vittime

Elenco vittime

Santoro Francesco nato a Gioia de Marsi il 22 luglio 1910. Capitano in Servizio Permanente Effettivo (S.P.E.), Arma Aeronautica ruolo navigante (A.A.r.n.), pilota, Regio Esercito Italiano.

Elenco vittime sbandati 1

Santoro Francesco nato a Gioia de Marsi il 22 luglio 1910. Capitano in Servizio Permanente Effettivo (S.P.E.), Arma Aeronautica ruolo navigante (A.A.r.n.), pilota, Regio Esercito Italiano.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Sulmona, Fonte d\'Amore

    Descrizione: Nel Comune di Sulmona, A Fonte d\'Amore, nel presunto luogo di morte del capitano Santoro sorge una Cappella votiva con una lapide che segnala la vicenda(realizzata negli anni Sessanta). La cappella si trova nei pressi dell\'ingresso principale dell\'ex Campo di prigionia n.78.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d\'Oro al Valor Militare \"alla memoria\". Motivazione: \" Ufficiale di elette virtù militari, all’atto dell’armistizio si sottraeva alle imposizioni delle autorità tedesche e decideva di portarsi in territorio nazionale liberato per continuare ad adempiere con onore il suo dovere di soldato. Catturato in prossimità del fronte veniva sottoposto ad un giudizio sommario e condannato a morte perché in possesso di notizie sullo schieramento tedesco. Alle offese e alle violenze degli inquisitori reagiva con contegno altero e sprezzante, accogliendo con visibile fermezza la comunicazione della suprema condanna. Poco dopo, in audace tentativo di sfuggire ai suoi aguzzini veniva barbaramente trucidato. Badia di Sulmona, 23 ottobre 1943.\" Fonte: Ministero della Difesa, Decreto Luogotenenziale del 3 maggio 1946. Registrato alla Corte dei Conti, addì 5 giugno 1946. Registro 7 Aer. Foglio 114. Pubblicato BUAM 1946 disp. 14° pag.679.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: A venti anni dall\'episodio, L\'Anfim (Associazione Nazionale tra le Famiglie Italiane dei Martiri Caduti per la libertà della Patria), in collaborazione con il Comune di Sulmona, il giorno 14 giugno 1964, celebrò la memoria del Capitano Santoro con una sontuosa cerimonia pubblica nella città capoluogo peligno. Durante le celebrazioni fu officiata una SS. Messa, furono deposte corone di fiori, e si registrarono gli interventi delle Autorità Comunali civili e militari e dei rappresentanti dell\'Esercito Italiano, oltre ai rappresentanti dell\' Anfim stesso. Presente alla cerimonia fu la Dott.ssa Fioroni, vedova del Capitano Santoro.

Bibliografia


Lando Sciuba, I giustiziati di Sulmona , ed. Qualevita, Torre de Nolfi (AQ), 2005, pp.85-92.

Lando Sciuba, La via dell'onore, Sulmona e il circondario peligno-altosangrino dal primo bombardamento aereo alleato (27-8-1943) alla ritirata delle truppe tedesche (9/10-6-1944), Sulmona, 1996, pp.172-175.

Angelo Maria Scalzitti, Il Quarantatré, l'invasione tedesca in Abruzzo, edizioni della rivista Circolo Letterario, Sulmona, 1973,p.117.

Aldo Rasero, Morte a Filetto. La Resistenza e le stragi naziste in Abruzzo, ed. Mursia, Milano, 1970,pp.71-72; 256;266.

Sitografia


http://anpi.it/b928/
http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=45633
http://www.difesa.it/Il_Ministro/ONORCADUTI/Pagine/Amministrativo.aspx

Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N 1-11, b. 2132 bis, fasc. \" l\'Aquila\"
ASAq, Prefettura-Atti di Gabinetto. II Versamento, cat. XIX, b.150
Banca Dati dei Caduti in Guerra \"Onorcaduti\", Ministero della Difesa.
Ministero della Difesa, Decreto Luogotenenziale del 3 maggio 1946. Registrato alla Corte dei Conti, addì 5 giugno 1946. Registro 7 Aer. Foglio 114. Pubblicato BUAM 1946 disp. 14° pag.679
SASS (Sezione Archivio di Stato Sulmona), Fondo ACS (Archivio Civico Sulmonese), V dep., Cat. XIV, b. “Visita dell’on. Cotellessa… [ed altro], f. “Onoranze funebri ai cittadini fucilati dai nazifascisti”
SASS (Sezione Archivio di Stato di Sulmona) Fondo ACS (Archivio Civico Sulmonese) V dep., cat.XIV, n. provvisorio 2333, fasc.n21 \"Francesco Santoro\".