Fontanazzo, Marano sul Panaro, 15-24.06.1944

(Modena - Emilia-Romagna)

Fontanazzo, Marano sul Panaro, 15-24.06.1944

Fontanazzo, Marano sul Panaro, 15-24.06.1944
Descrizione

Località Fontanazzo, Marano sul Panaro, Marano sul Panaro, Modena, Emilia-Romagna

Data 15 giugno 1944 - 24 giugno 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 6

Numero vittime uomini 6

Numero vittime uomini adulti 6

Descrizione: All’inizio di maggio del 1944, il reggente del fascio di Pavullo Bruno Rivaroli organizza una vasta operazione di polizia per stroncare il movimento partigiano nella valle del Panaro e guadagnare credito presso i nazisti. I successi del comandante garibaldino Mario Ricci (“Armando”) convincono i militi di Pavullo ad attuare un’azione preventiva per evitare il collasso delle istituzioni della RSI. Gli arresti colpiscono le strutture periferiche della V Zona partigiana, ma complicano notevolmente anche i contatti fra l’organizzazione bolognese e l’Appennino modenese: alla fine della primavera l’antifascista maranese Arnaldo Retelli viene arrestato e rinchiuso nel carcere di Pavullo insieme alle mogli dei comandanti partigiani Leonida Patrignani e Iris Malagoli, mentre fra il 15 e il 24 giugno Luciano Dardani, Gino Garagnani, Giorgio Parisini, Ferdinando Parisini, ed Evaristo Sandoni – cinque giovani resistenti originari della provincia di Bologna – sono sorpresi dai fascisti nel territorio vignolese, che frequentano per tessere contatti clandestini fra i nuclei felsinei e le formazioni dell’Appennino modenese. Gli arrestati vengono fucilati in località imprecisate dopo essere stati torturati, come testimoniato dai loro corpi straziati, ma i militi della GNR decidono di seppellirli tutti in una sola località: scavano tre piccole fosse nella località Fontanazzo (Marano sul Panaro), sul greto del fiume, e ricoprono i corpi a coppie con un sottile strato di terra, ma l’esplosione di un ordigno smuove la superficie polverosa e fa riemergere una parte dei resti. Il 25 giugno 1944 i contadini delle adiacenti case Galassi e Landi segnalano il macabro ritrovamento alle autorità di Marano sul Panaro, che riportano alla luce i cadaveri dei sei partigiani e procedono con il riconoscimento: particolarmente struggente è l’identificazione della salma sfigurata di Arnaldo Retelli, originario del paese e, con ogni probabilità, vittima di aspre torture.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Daniel Degli Esposti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-07 15:51:20

Vittime

Elenco vittime

1. Luciano Dardani: nato a Bologna il 13 dicembre 1921, figlio di Francesco e Rita Carboni, residente a Bologna, partigiano. Il 18 maggio 1944 entra in contatto con la Brigata Comando delle forze della montagna modenese e partecipa alla Resistenza, ma poco tempo dopo viene arrestato dai fascisti di Pavullo. I militi della GNR lo uccidono fra il 15 e il 24 giugno 1944 in una località imprecisata e lo seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri cinque partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i suoi resti.
2. Gino Garagnani: nato a Castello di Serravalle il 17 gennaio 1924, figlio di Gualtiero e Maria Degli Angeli, residente a Castello di Serravalle, fattorino, partigiano. La mancanza di tre dita della mano destra lo esentano dalla leva, ma dopo l’8 settembre 1943 si avvicina alla Resistenza. Il 2 gennaio 1944 entra nella Brigata “Scarabelli” e si occupa di costruire legami fra il movimento clandestino della provincia di Bologna e la rete dell’Appennino modenese. Nella seconda metà di febbraio prende in affitto un locale di via Bernardoni, nel centro di Vignola, e apre una gelateria insieme a Evaristo Sandoni: la bottega diventa un luogo di passaggio e di scambio di informazioni per le staffette, ma una spia fascista si accorge dei movimenti sospetti e li segnala ai camerati di Pavullo. Nel tardo pomeriggio del 23 giugno 1944 gli uomini di Bruno Rivaroli irrompono nella gelateria e arrestano Garagnani insieme a Sandoni, a una ragazza e a un giovane responsabile dei collegamenti partigiani; questi ultimi due vengono rilasciati dopo un breve interrogatorio, ma Garagnani e Sandoni vengono uccisi fra il 24 e il 25 giugno 1944 in una località imprecisata. I fascisti li seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri quattro partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i loro resti.
3. Ferdinando Parisini: nato a Bologna il 22 settembre 1920, figlio di Otello e Giuseppina Rimondini, residente a Bologna, partigiano. Il 1 marzo 1944 entra nella 36° Brigata Garibaldi “Bianconcini”, poi passa alla Brigata “Scandellari” della Divisione Modena Montagna. Il 20 giugno 1944 viene catturato dai fascisti di Pavullo; i militi della GNR di Bruno Rivaroli lo uccidono fra il 20 e il 24 giugno 1944 in una località imprecisata e lo seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri cinque partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i suoi resti.
4. Giorgio Parisini: nato il 1 marzo 1924, figlio di Lazzaro e Ida Negroni, residente a Bologna, operaio, partigiano. Il 1 marzo 1944 entra nella 36° Brigata Garibaldi “Bianconcini”, poi passa alla Brigata “Scandellari” della Divisione Modena Montagna. Il 22 giugno 1944 viene catturato dai fascisti di Pavullo; i militi della GNR di Bruno Rivaroli lo uccidono fra il 22 e il 24 giugno 1944 in una località imprecisata e lo seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri cinque partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i suoi resti.
5. Arnaldo Retelli: nato a Marano sul Panaro (MO) il 28 marzo 1904, figlio di Remigio e Giuseppina Lucenti, residente a Marano sul Panaro, operaio, partigiano. Durante i moti del Biennio Rosso rimane affascinato dalle idee socialiste e non aderisce mai al fascismo; anche se gli esponenti del PNF maranese lo controllano con sospetto, gli abitanti del paese lo apprezzano per il carattere gioviale e nascondono le sue “stravaganze” politiche. Dopo l’armistizio si avvicina ai nuclei clandestini del PCI e, insieme a Pietro Maleti, prende contatto con il militante vignolese Samuele Simonini: grazie all’attività di questi uomini, la Fornace Cavallini di Marano sul Panaro diventa un punto di contatto fra l’organizzazione clandestina bolognese e l’Appennino modenese. Nella primavera del 1944 i movimenti dei “ribelli” attirano le attenzioni dei fascisti di Rivaroli sullo stabilimento: Retelli viene arrestato e condotto nelle carceri di Pavullo. I militi della GNR lo uccidono fra il 15 e il 24 giugno 1944 in una località imprecisata e lo seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri cinque partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i suoi resti.
6. Evaristo Sandoni: nato a Zola Predosa (BO) il 12 giugno 1919, figlio di Alberto e Maria Dosi, residente a Bologna, macellaio, partigiano. Dal 12 gennaio 1940 all’8 settembre 1943 presta servizio militare in fanteria. Il 2 gennaio 1944 entra nella 66° Brigata “Jacchia”, poi diventa vice-comandante di compagnia della 7° Brigata Garibaldi della Divisione Modena Montagna. Nella seconda metà di febbraio prende in affitto un locale di via Bernardoni, nel centro di Vignola, e apre una gelateria insieme a Gino Garagnani: la bottega diventa un luogo di passaggio e di scambio di informazioni per le staffette, ma una spia fascista si accorge dei movimenti sospetti e li segnala ai camerati di Pavullo. Nel tardo pomeriggio del 23 giugno 1944 gli uomini di Bruno Rivaroli irrompono nella gelateria e arrestano Garagnani insieme a Sandoni, a una ragazza e a un giovane responsabile dei collegamenti partigiani; questi ultimi due vengono rilasciati dopo un breve interrogatorio, ma Garagnani e Sandoni vengono uccisi fra il 24 e il 25 giugno 1944 in una località imprecisata. I fascisti li seppelliscono in località Fontanazzo, sul greto del Panaro, insieme ad altri quattro partigiani; pochi giorni dopo, lo scoppio di alcuni ordigni fa emergere i loro resti.

Elenco vittime partigiani 6

Luciano Dardani,
Gino Garagnani,
Ferdinando Parisini,
Giorgio Parisini,
Arnaldo Retelli,
Evaristo Sandoni

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR, distaccamento di Pavullo nel Frignano

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

GNR, distaccamento di Vignola

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Bruno Rivaroli

    Nome Bruno

    Cognome Rivaroli

    Note responsabile Bruno Rivaroli, comandante della GNR di Pavullo.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR, distaccamento di Pavullo nel Frignano

  • sconosciuto Frontini

    Nome sconosciuto

    Cognome Frontini

    Ruolo nella strage Delatore

    Note responsabile Frontini, delatore fascista vignolese.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a Fontanazzo, Marano sul Panaro

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Fontanazzo, Marano sul Panaro

    Descrizione: Il luogo nel quale sono state trovate le salme dei partigiani è contraddistinto da un cippo: l’epigrafe ricorda sinteticamente l’episodio e le generalità delle vittime, mentre una colonna troncata costituisce la parte artistica del monumento.

  • commemorazione a Scuola media "Salvatore Quasimodo" di Marano sul Panaro

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Scuola media \"Salvatore Quasimodo\" di Marano sul Panaro

    Descrizione: Da circa dieci anni la scuola media “Salvatore Quasimodo” di Marano sul Panaro commemora il ritrovamento dei corpi dei partigiani a Fontanazzo con la deposizione di una corona e un racconto delle vicende storiche nel “giro della memoria” che precede il 25 aprile.

Bibliografia


Miria Burani, Quegli anni difficili. Marano sul Panaro dal fascismo alla Resistenza, pp. 74-75.
Daniel Degli Esposti, Lacrime di pietra. Cippi e lapidi della Resistenza nell’Unione Terre di Castelli, a cura del Gruppo di Documentazione Vignolese “Mezaluna – Mario Menabue”, Modena, Il Fiorino, 2012, pag. 114.
Daniel Degli Esposti, Memorie sepolte. La guerra aerea e le macerie del quotidiano nelle Terre di Castelli, Gruppo di Documentazione Vignolese “Mezaluna – Mario Menabue”, Bologna, Dupress, 2015, pp. 168-170.
Daniel Degli Esposti, Marano sul Panaro: lo specchio della guerra, relazione per il riconoscimento di una medaglia al merito civile al Comune di Marano sul Panaro, in Archivio Comunale di Marano sul Panaro, busta della richiesta di un riconoscimento al valor civile per la rappresaglia germanica di Ospitaletto, pp. 21-26.
Mario Menabue, L’eccidio di Casa Landi di Marano, in Gente di Panaro. Rassegna di storia, “storie” e cultura locale della Valle del Panaro, numero 1 – 1999, Modena, il Fiorino, 1999, pp. 53-58.
Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, Bologna, Comune-ISREBO, 2005, pag. 359.
Ilva Vaccari, Dalla parte della libertà, Santa Sofia di R., Stab. Tip. dei Comuni per COOP Estense, 1999, pag. 560.

Sitografia


http://emilia-romagna.anpi.it/modena/calendario/1944_06.html
https://almanaccoresistente.wordpress.com/2009/06/25/25-giugno/

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio del Gruppo di Documentazione Vignolese “Mezaluna – Mario Menabue”, Cassetto D, Resistenza, Documenti della Resistenza, BD4.
Archivio Comunale di Marano sul Panaro, busta della richiesta di un riconoscimento al valor civile per la rappresaglia germanica di Ospitaletto.