Casale Fracassi, Pizzoferrato 25-12-1943

(Chieti - Abruzzo)

Casale Fracassi, Pizzoferrato 25-12-1943

Casale Fracassi, Pizzoferrato 25-12-1943
Descrizione

Località Casale Fracassi, Pizzoferrato, Chieti, Abruzzo

Data 25 dicembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: La linea Gustav segnava il fronte militare che separava le truppe tedesche da quelle alleate. Per buona parte il fronte attraversava la parte meridionale della regione Abruzzo lungo il corso del fiume Sangro. Gli atti di rappresaglia nei confronti della popolazione civile furono costanti e numerosi, specie nei comuni a ridosso delle linee di fuoco. La popolazione civile, costretta ad evacuare i paesi, in seguito a precise ordinanze degli occupatori, rifiutavano spesso di allontanarsi dai territori comunali. In un'operazione i tedeschi uccisero Rosato Giulio in una delle "masserie" del comune di Pizzoferrato.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Tipo di massacro: ripulitura e desertificazione

Scheda compilata da Giulio Mario Salzano
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-07 13:48:38

Vittime

Elenco vittime

Rosato Giulio, di anni 75, nato a Pescocostanzo, fu Francesco e fu Colamarino Anna, coniugato con Rosato Matilde.

Elenco vittime civili 1

Rosato Giulio, di anni 75, nato a Pescocostanzo, fu Francesco e fu Colamarino Anna, coniugato con Rosato Matilde.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Fallschirm-Jäger-Regiment 4/1. Fallschirmjäger-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Pizzoferrato: Medaglia di Bronzo al Valor Militare 28/11/1969. Motivazione: \" Comune di montagna, preso fra le linee di combattimento e rimasto in zona controllata dalle pattuglie tedesche, valorosamente contribuiva con l\'azione dei suoi partigiani a cacciare, con duro combattimento, il presidio germanico. Ritiratesi le pattuglie italiane ed alleate, la popolazione provvedeva da sola alla difesa del paese e dal 7 Marzo al 29 Aprile 1944 con sorveglianza ininterrotta e fiero ardimento, respingeva ben sedici tentativi di penetrazione da parte di pattuglie nemiche. Tutti i cittadini, uomini donne fornivano belle e ripetute prove di coraggio e di determinatezza dal giorno dell\'armistizio sino alla definitiva ritirata dei tedeschi dalla zona ed il Comune di Pizzoferrato testimoniava con gravi perdite di vite, distruzioni e saccheggi la sua fiera devozione alla Patria. Pizzoferrato, 8 Settembre 1943 - 9 Giugno 1944\"

Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ASAq, Prefettura-Atti di Gabinetto. II Versamento, cat. XIX, b.150.
Comune di Pescocostanzo, Registro Atti di Morte, Parte II, Serie C, n. 18. Contiene: Sentenza del Tribunale di Lanciano in data 19 marzo 1947.