BOVES, 19.09.1943

(Cuneo - Piemonte)

BOVES, 19.09.1943
Descrizione

Località Boves, Boves, Cuneo, Piemonte

Data 19 settembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 21

Numero vittime uomini 20

Numero vittime uomini adulti 14

Numero vittime uomini anziani 6

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Nei giorni seguenti l’armistizio dell’8 settembre, si sbandano a Boves e in valle Colla, alle spalle della cittadina, alcune centinaia di militari che i tedeschi occupanti temono come potenziali partigiani. Il 16 settembre, il maggiore Joachim Peiper si reca a Boves e invita i capi famiglia a indurre gli sbandati a presentarsi alle autorità di occupazione o a sciogliersi. Il 19 seguente un reparto tedesco si scontra brevemente con il gruppo degli sbandati (un morto per parte, per gli italiani il marinaio Burlando), ma i militari della valle Colla avevano preso prigionieri, in un incontro fortuito in mattinata, due SS del battaglione del Peiper, il quale si reca personalmente a Boves con un nutrito reparto corazzato e invia due ambasciatori a chiederne la restituzione. Sono incaricati il parroco don Bernardi e l’industriale Vassallo i quali tornano con i due prigionieri e con il cadavere della SS caduta il mattino. Malgrado le promesse di non commettere rappresaglie, Peiper scatena i suoi in incendi e in un massacro indiscriminato che causa 23 vittime e 350 case bruciate, compresi i parlamentari. Tra i caduti, alcuni saranno riconosciuti partigiani, anche se la “commissione Peiper” per lo studio del caso, ha ritenuto che si trattasse ancora di militari sbandati. Gli sbandati superstiti, una ventina al comando di Ignazio Vian, saranno ritenuti subito dopo i primi partigiani: Il riconoscimento alle vittime del 19 settembre fu dato, evidentemente, per motivi politici.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Tipo di massacro: rappresaglia

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): memoria abbastanza monolitica con tentativi neofascisti che si succedono nel tempo di ridimensionarla

Scheda compilata da MICHELE CALANDRI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-27 09:19:25

Vittime

Elenco vittime

Adriano Carlo, nato Roddino (CN) 06/04/1900, residente Boves, autista, riconosciuto partigiano;
Agnese Michele, nato Bove 01/09/1871, residente Boves, sarto, invalido;
Bernardi Giuseppe, nato Caraglio (CN) 25/11/1897, residente Boves, parroco, mitragliato e poi bruciato, riconosciuto partigiano, ;M.d’O al V.M.;
Bo Caterina, nata Boves 09/12/1856, residente Boves, casalinga;morta per asfissia in seguito all’incendio;
Cerato Paolo, nato Boves 13/03/1880, residente Cuneo, panettiere;
Dalmasso Francesco, nato Boves 23/04/1896, residente Boves, falegname, grande mutilato 1ª g.m.;
Dutto Antonio, nato Boves 11/10/1889, residente Boves, contadino;
Ghibaudo Mario, nato Borgo S. Dalmazzo (CN) 18/01/1920, residente Boves, vice-curato, riconosciuto partigiano, M.d’A. al V.C.;
Dutto G.Battista, nato Boves 31/12/1874, residente Boves, contadino, morto il 20/09/1943 in seguito alle ustioni riportate nell’incendio della propria casa;
Ghinamo Bartolomeo, nato Boves 01/12/1897, residente Boves, invalido;
Giuliano Paolo, nato Boves 23/04/1910, residente Boves, carrettiere, riconosciuto partigiano;
Grossi Angelo, nato Castelfranco di Sotto (PV) 01/11/9010, residente S. Mari a Monte (PV), carabiniere;
Maccario Riccardo, nato a Boves 30/08/1915, residente Boves, muratore, riconosciuto partigiano;
Marro Angelo, nato Boves 10/06/1900, residente Boves, contadino;
Masino Giacomo, nato Shenler (USA) 30/10/1906, residente Torino, meccanico;
Olivero Bartolomeo, nato Boves 01/05/1875, residente Boves, contadino;
Peano Carlo, nato a Boves 20/02/1873, residente Boves, fabbro;
Pepino Luigi, nato Seyne (F.)1898, residente Boves, maniscalco;
Re Benvenuto, nato Boves 16/07/1927, residente Boves, ciclista, riconosciuto partigiano;
Vallauri Stefano, nato Vernante (CN) 13/07/1911, residente Vernante, contadino;
Vassallo Antonio, nato a Nizza (F.) 24/10/1894, residente Boves, industriale, mitragliato e poi bruciato, riconosciuto partigiano, M’d’O. V.C.;

Elenco vittime civili 13

Agnese Michele
Bo Caterina
Cerato Paolo
Dalmasso Francesco
Dutto Antonio
Dutto G.Battista
Ghinamo Bartolomeo
Marro Angelo
Masino Giacomo
Olivero Bartolomeo
Peano Carlo
Pepino Luigi
Vallauri Stefano

Elenco vittime partigiani 5

Adriano Carlo
Giuliano Paolo
Maccario Riccardo
Re Benvenuto
Vassallo Antonio

Elenco vittime carabinieri 1

Grossi Angelo

Elenco vittime religiosi 2

Bernardi Giuseppe
Ghibaudo Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Erhard Gührs

    Nome Erhard

    Cognome Gührs

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Tenente

    Note procedimento Maggiore Joachim Peiper, comandante III battaglione, e i suoi subordinati tenente Otto Heinrich Dinse e tenente Erhard Gührs, nomi dei responsabili,imputati in procedimento intentato presso il tribunale di Stoccarda dal comune di Boves e dalla Provincia di Cuneo costituitisi in una Commissione per il caso Peiper presieduta da Nuto Revelli. Il tribunale di Stoccarda proscioglieva in istruttoria gli imputati con sentenza 28 dicembre 1968.

    Nome del reparto nazista Waffen-SS

    Nome del reparto III./Regiment 2./SS-Panzer-Division “Leibstandarte Adolf Hitler”

  • Joachim Peiper

    Nome Joachim

    Cognome Peiper

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Maggiore Joachim Peiper, comandante III battaglione,

    Note procedimento Maggiore Joachim Peiper, comandante III battaglione, e i suoi subordinati tenente Otto Heinrich Dinse e tenente Erhard Gührs, nomi dei responsabili,imputati in procedimento intentato presso il tribunale di Stoccarda dal comune di Boves e dalla Provincia di Cuneo costituitisi in una Commissione per il caso Peiper presieduta da Nuto Revelli. Il tribunale di Stoccarda proscioglieva in istruttoria gli imputati con sentenza 28 dicembre 1968.

    Nome del reparto nazista Waffen-SS

    Nome del reparto III./Regiment 2./SS-Panzer-Division “Leibstandarte Adolf Hitler”

  • Otto Heinrich Dinse

    Nome Otto Heinrich

    Cognome Dinse

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile tenente

    Note procedimento Maggiore Joachim Peiper, comandante III battaglione, e i suoi subordinati tenente Otto Heinrich Dinse e tenente Erhard Gührs, nomi dei responsabili,imputati in procedimento intentato presso il tribunale di Stoccarda dal comune di Boves e dalla Provincia di Cuneo costituitisi in una Commissione per il caso Peiper presieduta da Nuto Revelli. Il tribunale di Stoccarda proscioglieva in istruttoria gli imputati con sentenza 28 dicembre 1968.

    Nome del reparto nazista Waffen-SS

    Nome del reparto III./Regiment 2./SS-Panzer-Division “Leibstandarte Adolf Hitler”

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • luogo della memoria a Boves

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Boves

    Descrizione: Scuola di pace in Boves istituita dal comune.

  • onorificenza alla città a Boves

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Boves

    Anno di realizzazione: 1961

    Descrizione: Medaglia d’oro al Valor Civile alla città di Boves consegnata dal presidente del Consiglio, Amintore Fanfani, il 23 settembre 1961;

  • onorificenza alla città a Boves

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Boves

    Anno di realizzazione: 1963

    Descrizione: Medaglia d’oro al Valor Militare alla città di Boves consegnata dal presidente della Repubblica, Antonio Segni, il 29 settembre 1963.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Vassallo Antonio: medaglia d\'oro al VM

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Ghibaudo Mario: medaglia d\'argento al VM

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Bernardi Giuseppe: medaglia d\'oro al VM

  • commemorazione a Boves

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Boves

    Descrizione: Tutti gli anni il 19 settembre (o date vicine) nel comune di Boves con l’intervento di oratori istituzionali e cerimonie.

  • monumento a Boves

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Boves

    Descrizione: Presso l’ala del municipio di Boves un monumento e varie lapidi

  • lapide a Boves, strfa provinciale di Castellar

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Boves, strfa provinciale di Castellar

    Descrizione: Lapide presso la strada provinciale di Castellar (frazione di Boves);

  • lapide a Boves, corso Trieste

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Boves, corso Trieste

    Descrizione: due lapidi in corso Trieste n°4 in ricordo di don Bernardi e Vassallo;

  • luogo della memoria a Badina

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Badina

    Descrizione: una in via Badina è stata intitolata a don Ghibaudo.

Bibliografia


Guido Argenta-Nicola Rolla, Le due guerre 1940-1943, 1943-1945. Censimento “cippi e lapidi” in provincia di Cuneo, Istituto storico della Resistenza in Cuneo e provincia, 1985;
Michele Calandri (a cura), Boves. Storie di guerra e di pace, Primalpe editore, Cuneo, 2002, pp.272;
Comune di Boves, Caduti bovesani della 2ª guerra mondiale. Celebrazioni per il 30° anniversario del 19 settembre 1943, Istituto Grafico Bertello, Borgo S. Dalmazzo, 1973, pp. 131;
Id., Vite spezzate. I 15510 morti nella guerra 1940-45. Un censimento in provincia di Cuneo, Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Cuneo, Cuneo, 2007 (seconda edizione);
Istituto storico della Resistenza e sella società contemporanea in provincia di Cuneo, Boves, 140 testimoni del 19 settembre 1943, Primalpe, Cuneo, 2013, pp. 268.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Registro Atti di morte di Boves
AUSSME, N 1/11, b. 2131
CPI