DOGLIANI, 16.11.1944

(Cuneo - Piemonte)

DOGLIANI, 16.11.1944

DOGLIANI, 16.11.1944
Descrizione

Località Dogliani, Dogliani, Cuneo, Piemonte

Data 16 novembre 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 7

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 6

Descrizione: Alta Langa invasa da alcuni giorni. Si diffonde il panico anche a Dogliani e la gente sfolla. «Alle 12,15 del giovedì 15 novembre nuclei di tedeschi indisturbati entrano in paese, e poi anche i repubblicani. […] Piccoli manifestini battuti a macchina comunicano che l’autorità militare occupante vuole dalla popolazione, per le 8 del mattino seguente, n. 40 biciclette e tutti gli apparecchi radio. E’ notte e ben pochi sono a conoscenza dell’ordine perentorio. L’indomani ben poche sono le biciclette e le radio portate. Si minaccia di portar via Podestà e Segretario; quindi lo si lascia in libertà e si rinnova l’ordine, purché tutto sia pronto per l’indomani. […] Frattanto giungono voci allarmnti di morti alla Martina, ai Finassi di Valdibà, ove la sera precedente dai But di S. Luigi si era sparato contro la colonna tedesca in marcia per Monforte […]. Un orribile scempio era avvenuto il giovedì alla Martina. Bombardata la Lovera di Bonvicino sede di un gruppo garibaldino, i tedeschi alle 9 circa alla Martina trucidavano barbaramente cinque persone; cinque parrocchiani intenti ai lavori campestri: tre membri della stessa famiglia Sardo Francesco di anni 52, padre di sette figli; di cui Giuseppe (1926) e Mario, di appena 14 anni, uccisi con lui. E due fratelli di altra famiglia Sardo Luigi di 46 anni, sposato, e Giuseppe di anni 33 uccisi in casa di Barroero Battista, e con essi Masante Giuseppe della Lovera.»

Modalità di uccisione: fucilazione,uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da MICHELE CALANDRI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-01 19:26:11

Vittime

Elenco vittime

Daniele Giovanni, nato Dogliani (CN) 27/03/1906, residente Dogliani, contadino, ucciso Dogliani 16/11/1944;
Masante Giuseppe, nato Farigliano (CN) 26/01/1902, residente Bonvicino (CN), contadino, ucciso Dogliani (CN) 16/11/1944;
Sardo Francesco, nato Dogliani (CN)29/01/1892, residente Dogliani, contadino, ucciso Dogliani 16/11/1944;
Sardo Giuseppe, nato Dogliani (CN) 07/07/1926, residente Dogliani (CN), contadino, ucciso Dogliani 16/11/1944;
Sardo Giuseppe, nato Dogliani 04/10/1911, residente Dogliani, contadino, ucciso Dogliani 16/11/1944;
Sardo Luigi, nato Dogliani (CN) 10/11/1898, residente Dogliani, contadino, ucciso Dogliani 16/11/1944;
Sardo Mario, nato Dogliani (CN) 24/06/1930, residente Dogliani, studente, ucciso Dogliani 16/11/1944.

Elenco vittime civili 7

Daniele Giovanni,
Masante Giuseppe,
Sardo Francesco,
Sardo Giuseppe,
Sardo Giuseppe,
Sardo Luigi
Sardo Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


34. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Cacciatori degli Appennini

Tipo di reparto: Esercito

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Aurelio Languasco

    Nome Aurelio

    Cognome Languasco

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Aurelio Languasco, nato Oneglia 1904, colonnello del 2° Rgt del Raggruppamento “Cacciatori degli Appennini”, comandante del presidio di Alba nell’agosto 1944, poi quello di Ceva dall’autunno 1944 al marzo 1945

    Note procedimento Condannato a morte dalla Corte di Assise Straordinaria di Cuneo quale criminale di guerra per omicidi, incendi, sevizie particolarmente efferate: La sentenza fu annullata “per vizio di forma

    Tipo di reparto fascista Esercito

    Nome del reparto Cacciatori degli Appennini

Memorie
Bibliografia


Gli anni 1944-45. I diari “Martinengo” e “Delpodio”, in Giovanni Conterno, Dogliani. Una terra e la sua storia, Milanostampa, Dogliani, 1986, pp.437-460,
Michele Calandri (a cura di), Vite spezzate. I 15510 morti nella guerra 1940-45. Un censimento in provincia di Cuneo, Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Cuneo, Cuneo, 2007 (seconda edizione),
Marco Ruzzi, L’apparato militare della RSI in provincia di Cuneo: le unità del Centro addestramento reparti speciali (CARS). Aprile-dicembre1944, in «Il presente e la storia», n°46, dicembre 1994

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

RAM Dogliani