Avezzano, 02.06.1944

(L'Aquila - Abruzzo)

Avezzano, 02.06.1944

Avezzano, 02.06.1944
Descrizione

Località Zona Parco, Avezzano, L'Aquila, Abruzzo

Data 2 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 1944 per Avezzano fu un anno duro, l'inverno rigido e i bombardamenti sempre più frequenti (in preparazione dello sbarco di Anzio-Nettuno con il quale gli alleati volevano sorprendere i tedeschi). La popolazione, scappata nelle campagne e nei paesini più piccoli, aveva lasciato la città semideserta, chi non era riuscito a scappare fuori città si rifugiava nella galleria ferroviaria del Salviano o nelle grotte naturali vicine, come la cosiddetta grotta di Nerone o di Ciccio Felice.
L'occupazione tedesca divenne sempre più dura e di conseguenza si intensificò anche l'attività partigiana che si concretizzava in azioni di sabotaggio e nella lotta armata; nel fucino gli iniziatori del movimento furono Nicola De Feo e Bruno Corbi, e le bande che vi operarono furono la “banda marsicana” guidata da Adriano Salvadori e la “banda Di Vincenzo” guidata da Giovanni Riccottilli.
Zaurrini venne ucciso durante gli ultimi giorni dell'occupazione. La vittima, con altri avezzanesi, si era nascosta con la famiglia presso la grotta di Nerone, quel giorno era tornato a casa a cuocere una pizza per la famiglia, sulla strada del ritorno si era fermato presso una cantina e vi trovò dei soldati tedeschi, i quali gli ordinarono di portare su un camion (distante 100 metri) una damigiana di vino molto pesante e senza l'involucro di vimini. Zaurrini malvolentieri si sottomise all'ordine. Fu trovato morto vicino ai cocci di vetro della damigiana, tuttavia non è molto chiaro se Zaurrini buttò la damigiana e si diede alla fuga guadagnando il fuoco tedesco, o se molto semplicemente scivolò, facendo cadere la damigiana.
Il corpo, sul quale si infierì violentemente dopo l'uccisione, venne piantonato fino al pomeriggio successivo, quando il medico Mario Orlandi ottenne l'autorizzazione al seppellimento. Il figlio di Zaurrini e Giovanni Rosini caricarono a fatica il cadavere martoriato e gonfio per il caldo su un carretto, venne adagiato a pancia in su con braccia e gambe divaricate e rigide.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: indefinita

Annotazioni: Questi sono i reparti tedeschi presenti in città:
Feldpostamt 790 dal novembre del 1943; Feldgendarmerie-Abteilung (mot) 692 dal marzo del 1944; Fallschirm-Jäger-Regiment 3 dal maggio al luglio 1944;
114. Jäger-Division dal maggio 1944;
5. Gebirgs-Division dal maggio 1944;
Feldgendarmerie-Abteilung (mot) 692 dal gennaio 1944;
Platzkommandantur II.

La morte di Zaurrini fece così tanta impressione che spinse molti contadini ad andare verso le montagne , in quanto temevano rappresaglie nazifasciste, dato il clima di generale intolleranza e resistenza della popolazione nei confronti dell'occupazione. Molti di quei contadini che si diressero verso la montagna di Luco non fecero mai ritorno, ma vennero uccisi nella strage di Capistrello.
A tal proposito Luigi Braccilli nel suo testo annota un particolare interessante, verosimile, ma non verificabile, ovvero che un cittadino assistette alla fucilazione di Zaurrini, e pare che a quest'ultimo i tedeschi trovarono in tasca un volantino partigiano, e che di fronte all'arma puntata pronunciò questa frase: “Non sparate perchè se i partigiani che sono lassù sentono i colpi, scendono qui e vi fanno fuori”. La frase insospettì i tedeschi e la spia indicò la località detta “ferro di cavallo” e li accompagnò fino al posto in cui vennero rastrellati i martiri di Capistrello.
Tra i documenti esaminati presso l'Archivio di Stato de L'Aquila vi sono documenti contrastanti circa l'uccisione di Zaurrini, infatti in un documento compilato dalla questura e datato 28 luglio 1947, si dice che Zaurrini venne fucilato per futili motivi dai tedeschi, con i quali esercitava il mercato nero, e quest'informazione risulta alquanto improbabile. In un altro documento si dice che venne fucilato mentre cercava di scappare alla cattura.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La crudele morte di Carlo Zaurrini risulta essere abbastanza consolidata nella letteratura locale e nella memoria locale, ma non viene fatta attività commemorativa specifica sulla vicenda.

Scheda compilata da Claudia Piermarini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-06-21 15:12:35

Vittime

Elenco vittime

Zaurrini Carlo, nato il 29 maggio 1899 ad Avezzano, deceduto il 2 giugno 1944.

Elenco vittime civili 1

Zaurrini Carlo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Avezzano

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Avezzano

    Descrizione: Monumento ai caduti della seconda guerra mondiale. Il nome di Zaurrini è tra i partigiani caduti per la difesa della città.

  • onorificenza alla città a Avezzano

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Avezzano

    Anno di realizzazione: 1961

    Descrizione: Il comune di Avezzano ha ricevuto la medaglia d\'argento al valore civile il 31-12-1961 con questa motivazione: “Sotto l\'infuriare dei bombardamenti e delle rappresaglie nemiche che causavano gravissime perdite umane e materiali, conservò la sua fede nella libertà e nei destini della Patria”.

Bibliografia


Braccilli Luigi, Abruzzo kaputt, Editrice Nepora, Teramo, 1975 p. 104
Cavalieri Walter, L'Aquila dall'armistizio alla repubblica, Edizioni Studio 7 -società Aquilana studi storico-strategici-, L'Aquila, 1994, p.243
Cavalieri Walter, L'Aquila in guerra, Gruppo Tipografico Editoriale, L'Aquila, 1997, p 245
Rosini Antonio, Giustizia Negata, Aleph editrice, L'Aquila, 1998, p.52
Rosini Antonio, Otto mesi di ferro e fuoco (Avezzano e dintorni) 1943-1944, Grafiche Di Censo, Avezzano, 1994, pp.107-167

Sitografia


https://www.google.com/search?q=monumento+caduti+avezzano&ie=utf-8&oe=utf-8#q=zaurrini+partigiano+avezzano
http://www.unuciavezzano.it/monumentiavezzano.htm
http://www.albodoroitalia.it/reg/abruzzo/laquila/com/avezzano/page4.html
http://www.camminodellaccoglienza.it/c/38370/10591/itinerario-terzo-giorno.html

Fonti archivistiche

Fonti

Database Carlo Gentile
Registri atti di nascita e di morte dell\'ufficio anagrafe del comune di Avezzano.
AsAq, Fondo Prefettura, Atti di Gabinetto, II Vers., Cat. XIX b. 150
AsAq, Fondo Questura, Cat. E 3, b. 15, f. 2