Villa San Giovanni Rosciano 7-4-1944

(Pescara - Abruzzo)

Villa San Giovanni Rosciano 7-4-1944

Villa San Giovanni Rosciano 7-4-1944
Descrizione

Località Villa San Giovanni, Rosciano, Pescara, Abruzzo

Data 7 aprile 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: In una lettera scritta dal sindaco di Rosciano al prefetto di Chieti (datata 9.7.1944), in cui si chiede la esumazione dei cadaveri di tre persone fucilate dai tedeschi allo scopo di rendere loro le onoranze funebri, si legge che durante l’occupazione tedesca vennero per l’appunto fucilati dalla “gendarmeria teutonica” tre italiani, il primo dei quali era di Battista Ermagora (sic), “sospetto di spionaggio antitedesco, cui furono trovati [sic] parecchie armi nascoste”. Secondo quanto risulta da una relazione redatta da don Lorenzo Della Valle, allegata alla predetta lettera del sindaco, Ermagora fu trovato in possesso, in seguito a delazione, di n. 17 moschetti e n. 10 caricatori. Dalla relazione si desume, inoltre, che la vittima doveva essere stata detenuta, in precedenza, nel campo di prigionia di Civitaquana (PE), da cui “poteva evadere e non l’ha fatto”. In altra lettera, spedita dal questore al prefetto di Pescara in merito alla questione dell’esumazione dei cadaveri, si spiega che a seguito degli accertamenti effettuati dai carabinieri risultò che il giorno del venerdì santo 1944 venne fucilato Di Battista Ermagora [sic] “perché sospetto di spionaggio e perché trovato in possesso ingiustificato di armi e munizioni”. Ermagora venne dunque fucilato il 7 aprile 1944, forse da un reparto di gendarmeria presente a Rosciano, in località Villa San Giovanni. Sembrerebbe, dunque, di poter dedurre che Ermagora fosse attivo nella Resistenza e per questo motivo fu denunciato e in seguito fucilato. A conferma dell’ipotesi sta il fatto che nella documentazione il suo nome è sempre citato insieme a quello di altri due fucilati a Rosciano dai tedeschi, ovvero Melchiorre Leonetto e Di Marcantonio Emilio, fucilati insieme il 24 maggio 1944, anch’essi impegnati in attività antifasciste.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Stefania Di Primio
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-29 16:08:37

Vittime

Elenco vittime

Ermagora Giovanni Battista Antonio, nato a Cividale del Friuli il 15.07.1902

Elenco vittime antifasciste 1

Ermagora Giovanni Battista Antonio, nato a Cividale del Friuli il 15.07.1902

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie
Bibliografia


N. Palombaro, Secondo i nostri interessi, Villamagna, Casa editrice Tinari, 2009, pp.116-117.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio di Stato di Pescara, Prefettura, Gabinetto, b. 84, fasc. 19
Archivio comunale di Rosciano, Ufficio anagrafe e stato civile, Registro degli atti di morte, 1945