Vicoli 10-6-1944

(Pescara - Abruzzo)

Vicoli 10-6-1944

Vicoli 10-6-1944
Descrizione

Località Vicoli, Vicoli, Pescara, Abruzzo

Data 10 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Nonostante fosse distante dal fronte, Vicoli rappresentava un importante crocevia sin dall’autunno 1943 poiché il suo territorio, come quelli dei Comuni viciniori che insistono sul fiume Nora, era attraversato da uno dei percorsi di fuga degli ex prigionieri di guerra alleati (e successivamente di collegamento di alcune bande partigiane abruzzesi): la relazione del LI Corpo alpino tedesco al comando della 10^ Armata del marzo 1944 individuava la zona di Vicoli (in particolare Civitella Casanova e Carpineto della Nora, rispettivamente a 5 e 6 km da Vicoli), come inizio di uno dei percorsi che conduceva gli ex prigionieri di guerra sino al fronte; l’attività, inoltre, sarebbe andata avanti sin dal settembre 1943. Non a caso, le locali autorità della RSI predisposero una disposizione che istituiva posti di blocco e di controllo in entrata e in uscita dalla provincia di Pescara in prossimità delle località citate nella relazione del LI Corpo alpino tedesco. L’avvicinarsi del fronte e l’imminenza della ritirata delle truppe germaniche resero ancora più stringenti, se possibile, controlli e reazioni.
Il 10 giugno 1944, verso le 17.30, Vincenzo Taricani fu avvistato in località Selva, in territorio di Vicoli, nei pressi di un ponte precedentemente minato: la sentinella tedesca preposta alla sorveglianza della zona non esitò a sparare al contadino, che, ferito da un colpo di fucile, riuscì a raggiungere casa dove gli furono prestate le prime cure da parte dei familiari. Verso le 23.00 dello stesso giorno, si presentarono a casa di Taricani due militari tedeschi che uccisero a colpi di pistola sia Vincenzo Taricani che il figlio diciassettenne Rocco, il primo accusato di tentato sabotaggio alle linee telefoniche tedesche e di essere filoinglese, il secondo perché tentò di intervenire in soccorso del padre.
Il giorno successivo i tedeschi lasciarono Vicoli alla volta di Penne.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Estremi e note penali: Su denuncia dei carabinieri di Civitaquana, fu aperto dalla Procura generale militare del Regno, Ufficio procedimento contro criminali di guerra tedeschi, il fascicolo a carico di Krupp e Walter Von Schlesburg, entrambi appartenenti alla 2^ Compagnia 3^ Squadra Pionieri di stanza a Civitaquana, con RG n. 24 (fascicolo della CPI n. 2106/94 R. mod. 22 A, identificato con n. 9/35).
Il 17/01/1946 il Procuratore Generale militare, Umberto Borsani, espresse parere favorevole per l’inizio dell’azione penale a carico dei due militari tedeschi, che furono segnalati alle autorità alleate perché li mettessero a disposizione della Procura militare per essere giudicati. La risposta alleata fu negativa, in quanto non esistevano tra i tedeschi prigionieri militari che rispondessero a quei nominativi, che furono comunque inclusi nell’elenco dei criminali di guerra da ricercare.
Il 14/01/1960 fu ordinata la provvisoria archiviazione degli atti dal Procuratore generale militare Enrico Santacroce; la definitiva archiviazione avvenne il 9/11/1999.

Annotazioni: Vi sono alcune incongruenze tra le deposizioni di Gianfelice Domenica e Ciarrocca Aurelio; parzialmente differente nella dinamica dei fatti raccontata dai due si presenta il rapporto dei Carabinieri di Civitaquana, dal quale mosse il procedimento intentato nei confronti dei due militari tedeschi. Non è, infine, chiaro se Taricani Vincenzo si trovasse nei pressi del ponte con l’effettivo intento di sabotare i cavi telefonici.

Scheda compilata da Nicola Palombaro
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-29 12:34:40

Vittime

Elenco vittime

1. Taricani Vincenzo, fu Rocco e fu Guglielmini Maria, nato a Vicoli il 7/07/1901, contadino
2. Taricani Rocco, fu Vincenzo e di Gianfelice Domenica, nato a Vicoli il 7/03/1927, contadino

Elenco vittime civili 2

1. Taricani Vincenzo, fu Rocco e fu Guglielmini Maria, nato a Vicoli il 7/07/1901, contadino
2. Taricani Rocco, fu Vincenzo e di Gianfelice Domenica, nato a Vicoli il 7/03/1927, contadino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • tenente Krupp

    Nome tenente

    Cognome Krupp

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

  • Walter Von Schlesburg

    Nome Walter

    Cognome Von Schlesburg

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Nome del reparto 2. Kompanie/3. Pionier/LI. Gebirgs-Armeekorps

Memorie
Bibliografia


Antonio Bertillo, Giampietro Pittarello, Il martirio di una città. Pescara e la guerra 1940-1944, Montesilvano, Progetto Incontro, 1998, p. 340
Nicola Palombaro, Secondo i nostri interessi. Alleati e Resistenza in Abruzzo nella documentazione dell’Allied Control Commission, Villamagna, Tinari, 2009, pp. 42-47

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N 1/11, b. 2132 bis
CPI, n. 9/35
CPI, n. 9/151