Rizziconi 6-9-1943

(Reggio di Calabria - Calabria)

Rizziconi 6-9-1943

Rizziconi 6-9-1943
Descrizione

Località Rizziconi, Rizziconi, Reggio di Calabria, Calabria

Data 6 settembre 1943 - 7 settembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 17

Numero vittime uomini 9

Numero vittime bambini 1

Numero vittime uomini ragazzi 2

Numero vittime uomini adulti 4

Numero vittime uomini anziani 2

Numero vittime uomini senza informazioni 8

Numero vittime donne 2

Numero vittime donne bambine 3

Numero vittime donne ragazze 2

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Nell’estate del 1943, dopo lo sbarco in Sicilia e in vista dell’approdo in Calabria, divengono più intense, da parte degli alleati, le azioni dell’artiglieria e le incursioni aeree, che dall’inizio dell’anno avevano peraltro già fatto molte centinaia di vittime in tutta la Calabria. La Piana di Gioia Tauro, per la vicinanza allo stretto e per i numerosi insediamenti tedeschi che vi sono dislocati, rappresenta una zona di particolare interesse militare. Il 3 settembre, sotto un’ingente copertura navale e aerea, si conclude, senza alcuna resistenza da parte delle truppe italiane, l’operazione di sbarco a Reggio Calabria dell’VIII armata britannica del generale Montgomery (Operazione Baytown). Com’è noto i comandi tedeschi decidono di non contrastare l’avanzata nemica, disponendo il ritiro delle truppe dal territorio calabrese e ritirandosi verso Nord, non senza effettuare azioni di retroguardia mirate a contenere e rallentare l’avanzata anglo-canadese. Al momento dello sbarco alleato opera in Calabria la Divisione 29 Panzergrenadier, schierata in piccoli contingenti sullo stretto ed in Aspromonte (15° Reggimento), mentre il 71° Reggimento è schierato a semicerchio a difesa della Piana di Gioia, dove il comando tedesco pensava sarebbero sbarcati in forze gli alleati e dove, dislocati in diversi accampamenti, si trovano alcuni reparti, a supporto della 211.ma Divisione Costiera e al 53.mo Reggimento dell’E.I. Il 5 sett. il generale Fries dispone la ritirata verso Nord, lungo la linea Nicotera-Laureana, ma già nella notte del 4 sett. le truppe tedesche accampate nella periferia di Rizziconi, dove si trovava anche un imponente deposito di armi, avevano cominciato ad evacuare la zona dirigendosi verso Nicotera e le alture del Monte Poro. Del tutto improvviso ed inaspettato è dunque, per il paese, peraltro insignificante dal punto di vista strategico e assente dalle mappe militari tedesche, il fitto cannoneggiamento che colpisce il centro abitato intorno alle 13 del 6 sett., protraendosi per quasi ventiquattro ore. In un momento in cui comincia a prevalere, tra i tedeschi, la netta sensazione di muoversi all’interno di un paese ostile (prove di atti di saccheggio e razzie tedesche nel territorio sono contenute in un telegramma del prefetto di Reggio Calabria al Ministero degli Interni, del 16 agosto) il cannoneggiamento su Rizziconi, è forse connesso all’esposizione, sul campanile della chiesa, di un lenzuolo bianco, a mò di bandiera, che doveva servire, segnalando la ritirata tedesca, ad evitare azioni ostili sulla popolazione civile da parte degli inglesi, ma che, avvistato dalle alture del Monte Poro, funziona - al contrario - da bersaglio per i Tedeschi, inducendoli forse a credere che gli inglesi fossero già in paese.

Modalità di uccisione: cannoneggiamento volontario

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: Secondo un’unica informazione di fonte giornalistica (Domenico Argirò, Quell’ultimo rigurgito di guerra, Gazzetta del Sud, 3 ottobre 1987) i tedeschi accampati nella periferia di Rizziconi avrebbero fatto parte della Divisione Goering, alla quale avrebbe fatto capo un’imponente deposito di armi. Tale informazione non ha tuttavia trovato riscontro in alcuna delle fonti militari consultate, anche se sono imputate generalmente alla Divisione le stragi, di poco precedenti ,di Mascalucia e Castiglione di Sicilia. La divisione aveva lasciato comunque la Sicilia il 1° agosto ed è probabile che alla data dell’eccidio avesse già attraversato la Calabria meridionale, diretta, come tutte le altre forze tedesche, verso la testa di ponte di Salerno.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): È mancata sostanzialmente, nel caso di Rizziconi,la costruzione di una memoria civile pubblica e condivisa, non avendo né le successive Amministrazioni Comunali, né la Scuola, assunto su di sé questo compito in senso forte e formativo. La conoscenza e divulgazione dell’episodio è stata probabilmente tardiva, segnata da un’estrema difficoltà a recuperare il ricordo degli ultimi testimoni, ed interamente consegnata ad un testo del 2006 di un ricercatore del luogo, davvero meritorio, ma che non sposta di molto- purtroppo- la percezione di una memoria pubblica assente o comunque “leggera”, spesso confliggente con i dati “esterni” e intrisa di dati mitologici. La forte significanza di un evento così drammatico ed immotivato, unico nella regione, come il cannoneggiamento del 6 settembre del ’43, è stata molto meno presente e viva, negli anni, di quanto lo sia il ricordo dei distruttivi bombardamenti alleati dello stesso anno, in tutto il territorio circostante

Scheda compilata da Donatella Arcuri, Antonino Catananti Teramo
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-25 21:41:28

Vittime

Elenco vittime

1. Bova Emilia, nata a Gioia Tauro il 18.09.1923 , luogo ferimento Corso Umberto I, il 6.9.43-15,00, 19 anni
2. Bova Giuseppina nata a Rizziconi il 04.02.1939, luogo del ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-15,00, 4 anni
3. Bova M.Rosa nata a Rizziconi il 01.02.1930, luogo del ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-15,00, 13 anni
4. Carlino Vincenzo D., nato a Rizziconi il 27.10.1910 , luogo ferimento Via Lepre-Fabbricato il 7.9.43-01,30, 32 anni
5. Coppola Carmine, nato a Rizziconi il 18.10.1886, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 56 anni
6. Coppola Santo Espedito, nato a Rizziconi il 07.01.1934, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 9 anni
7. Coppola Teodoro, nato a Rizziconi il 20.02.1929, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 14 anni
8. Costa Arturo, nato a Rizziconi il 23.04.1928, luogo ferimento Corso Umberto I, 6.9.43-14,30, 15 anni
9. De Maria Giovanni , nato a Cittanova il 23.04.1891, luogo ferimento Largo San Nicola il 23.9.43-13,00, 52 anni
10. Forgione Petronilla T., nata a Rizziconi il 16.04.1929, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 14 anni
11. Lizzi Concetta, nata a Polistena il 22.02.1870, luogo ferimento Orto del Signore il 22.9.43-15,30, 73 anni
12. Nava Domenico, nato a Rizziconi il 17.04.1924, luogo ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-22,00, 19 anni
13. Papalia Antonino nato a Rizziconi il 20.02.1870, luogo ferimento Via Municipio, 23 il 6.9.43-16,30, 73 anni
14. Pappatico Elisabetta, nata a Rizziconi il 26.01.1891, luogo ferimento Rifugio vico Ropa il 6.9.43-18,00, 52 anni
15. Romeo Carmela G., nata a Rizziconi il 01.02.1935, luogo ferimento Loc.”Orto del Signore” il 6.9.43-17,00, 8 anni
16. Scarfò Domenico, nato a Rizziconi il 22.05.1924, luogo ferimento “Orto Signore” via Ricasoli il 6.9.43-15,00, 19 anni
17. Sganga Carmela, nata a Rizziconi il 17.10.1929, luogo ferimento Via S.Maria Superiore,4 il 6.9.43-15,40, 13 anni

Elenco vittime civili 17

1. Bova Emilia, nata a Gioia Tauro il 18.09.1923 , luogo ferimento Corso Umberto I, il 6.9.43-15,00, 19 anni
2. Bova Giuseppina nata a Rizziconi il 04.02.1939, luogo del ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-15,00, 4 anni
3. Bova M.Rosa nata a Rizziconi il 01.02.1930, luogo del ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-15,00, 13 anni
4. Carlino Vincenzo D., nato a Rizziconi il 27.10.1910 , luogo ferimento Via Lepre-Fabbricato il 7.9.43-01,30, 32 anni
5. Coppola Carmine, nato a Rizziconi il 18.10.1886, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 56 anni
6. Coppola Santo Espedito, nato a Rizziconi il 07.01.1934, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 9 anni
7. Coppola Teodoro, nato a Rizziconi il 20.02.1929, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 14 anni
8. Costa Arturo, nato a Rizziconi il 23.04.1928, luogo ferimento Corso Umberto I, 6.9.43-14,30, 15 anni
9. De Maria Giovanni , nato a Cittanova il 23.04.1891, luogo ferimento Largo San Nicola il 23.9.43-13,00, 52 anni
10. Forgione Petronilla T., nata a Rizziconi il 16.04.1929, luogo ferimento C.da Fontana Vecchia il 6.9.43-15,00, 14 anni
11. Lizzi Concetta, nata a Polistena il 22.02.1870, luogo ferimento Orto del Signore il 22.9.43-15,30, 73 anni
12. Nava Domenico, nato a Rizziconi il 17.04.1924, luogo ferimento Corso Umberto I il 6.9.43-22,00, 19 anni
13. Papalia Antonino nato a Rizziconi il 20.02.1870, luogo ferimento Via Municipio, 23 il 6.9.43-16,30, 73 anni
14. Pappatico Elisabetta, nata a Rizziconi il 26.01.1891, luogo ferimento Rifugio vico Ropa il 6.9.43-18,00, 52 anni
15. Romeo Carmela G., nata a Rizziconi il 01.02.1935, luogo ferimento Loc.”Orto del Signore” il 6.9.43-17,00, 8 anni
16. Scarfò Domenico, nato a Rizziconi il 22.05.1924, luogo ferimento “Orto Signore” via Ricasoli il 6.9.43-15,00, 19 anni
17. Sganga Carmela, nata a Rizziconi il 17.10.1929, luogo ferimento Via S.Maria Superiore,4 il 6.9.43-15,40, 13 anni

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Grenadier-Regiment 71/29. Panzer-Grenadier-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a

    Tipo di memoria: lapide

    Descrizione: A ricordo dei caduti del 6 settembre 1943, il 6 settembre 1976 l\'amministrazione comunale di Rizziconi ha fatto erigere una stele marmorea posta in piazza Calvario, realizzata dallo scultore di Avenza (Massa Carrara), Alberto Sparapani (1911-2004)

Bibliografia


Antonino Catananti Teramo, Lo Sbarco in Continente:il bombardamento tedesco del 6 settembre 1943, Città del Sole, Reggio Calabria,2006
Rocco Lentini, Fascismo,Borgesia e lotte popolari in Calabria:Rizziconi 1918-1946,Jason editrice, Reggio Calabria,1992
Giuseppe Marcianò,Operazione Baytown-Lo sbarco alleato in Calabria, Città del Sole, Reggio Calabria,2003
Agazio Trombetta, La Nembo in Aspromonte per quell’ultima battaglia,Grafica Enotria,Gallina (RC),2005
German withdrawal from Calabria in The campaign in Southern Italy (september –december 1943), report n.18 Historical Section, Army Headquarters, cfr.p19 e segg.,1947

Sitografia


video-intervista a Don Francesco Riso, testimone oculare ( di Antonio Catananti Teramo,1985)

Fonti archivistiche

Fonti

AS del Comune di Rizziconi; SC; RAM;
AUSSME cart.2020(ComandoXXX Corpo d’Armata, Diario storico-militare,settembre –ottobre 1943);
ACS, Ministero Interno, A5G, II guerra mondiale, busta 123, fascicolo 61, Reggio Calabria;