San Silvestro, Pennapiedimonte, febbraio 1944

(Chieti - Abruzzo)

San Silvestro, Pennapiedimonte, febbraio 1944

San Silvestro, Pennapiedimonte, febbraio 1944
Descrizione

Località Contrada San Silvestro, Pennapiedimonte, Chieti, Abruzzo

Data imprecisata

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Pennapiedimonte è un piccolo paese arroccato ai piedi della Majella, a pochi chilometri dal fronte; la sua particolare posizione lo ha reso inaccessibile agli alleati e, quindi, una importante roccaforte per i tedeschi, in quanto consentiva loro di avere il controllo sulle strade che collegavano Casoli a Palombaro, sulle quali nel mese di settembre si organizzarono i primi nuclei partigiani.

Quando la Banda Palombaro si stanziò nella frazione Capo Le Macchie, altri piccoli gruppi si dislocarono nel territorio circostante: quello capitanato da Di Luzio e Grifone copriva il territorio della statale 81 verso Pennapiedimonte.

Nell'aprile del 1944 Pennapiedimonte fu al centro dell'operazione Klärchen (Claretta): il rastrellamento operato dal Generalkommando LI Gebirgs-Armeekorps, durante il quale furono catturati 11 inglesi, 22 italiani e 82 civili tra cui donne e bambini.

Le due vittime morirono fucilate dai tedeschi, i corpi furono ritrovati nel giugno del 1944. Nella comunicazione della Procura generale all'Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo, D'Addario Maria risulta assassinata dai tedeschi a causa di tre spie italiane che accusarono il figlio di collaborare con gli anglo-americani, ma non appare il nome di Di Bello Natalino.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: indefinita

Annotazioni: Secondo il database Carlo Gentile era stanziata a Pennapiedimonte la 334° Infanterie-Division.
Non si sa con certezza se le due vittime morirono nello stesso episodio, poiché in entrambi i casi non è riportato il giorno della morte.
La morte di D'Addario Maria è collegata a quella del figlio in base a quanto emerge dai documenti della Procura del Regno, tuttavia secondo gli atti di morte non morirono né lo stesso giorno, né nello stesso luogo.

Scheda compilata da Martina Mancinelli
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-02-25 21:24:19

Vittime

Elenco vittime

1. Di Bello Natalino, anni 49, nato a Pennapiedimonte il 24/12/1894, coniugato con Di Marco Maria Nicola
2. D\'Addario Maria, anni 66, nata a Carpineto Sinello nel giugno del 1877, residente a Pennapiedimonte, madre di Boschetti Nicola fucilato dai tedeschi a Bocca di Valle nel gennaio del 1944

Elenco vittime civili 1

D\'Addario Maria

Elenco vittime indefinite 1

Di Bello Natalino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Felice Costantino, Dalla Maiella alle Alpi. Guerra e Resistenza in Abruzzo, Donzelli Editore, Roma, 2014
Palombaro Nicola, Secondo i nostri interessi, Tinari, Chieti, 2010

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Comune di Pennapiedimonte, SC, Atti di morte 1943-44
AS Chieti, SC di Pennapiedimonte, Atti di nascita 1894
AS Chieti, SC di Carpineto Sinello, Atti di nascita 1877
Procura generale del Regno CH, 11/12/1944
ACS, ACSCF, tit. VII, n. 6, f. 40
Database Carlo Gentile