Francavilla al Mare, 02.01.1944

(Chieti - Abruzzo)

Francavilla al Mare, 02.01.1944

Francavilla al Mare, 02.01.1944
Descrizione

Località Francavilla al Mare, Francavilla al Mare, Chieti, Abruzzo

Data 2 gennaio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Francavilla fu una delle città più colpite nei lunghi mesi dell'occupazione tedesca: la vicinanza al fronte e la presenza sul territorio della “Banda di Francavilla”, una formazione partigiana guidata da Rocco Angelucci che tra settembre e ottobre era giunta a contare circa 250 uomini (soldati e marinai sbandati, ex prigionieri inglesi, iugoslavi e americani fuggiti dai campi di concentramento della zona), la rendeva una zona assiduamente minacciata da rappresaglie e violenze tedesche.

La città subì la distruzione del 99,8% del suo territorio: beni mobili ed immobili furono irrimediabilmente distrutti. I bombardamenti degli alleati e il brillamento di mine operato dai tedeschi (tra il 22-28 dicembre, prima, e nel febbraio-marzo del 1944, dopo) distrussero completamente sia il paese alto che la marina.

Il primo novembre era stato dato ordine di sfollamento: gli abitanti si rifugiarono nelle campagne limitrofe. Un secondo ordine di evacuazione totale fu emanato il 31 dicembre, i cittadini furono costretti a lasciare tutto il territorio comunale entro 48 ore per sfollare verso nord o verso Chieti.

Proprio negli ultimi giorni di dicembre nella campagna francavillese si consumò la strage di Santa Cecilia.

Giacomo Palazzo, Procuratore del Registro a Francavilla, fu catturato dai tedeschi il 30 gennaio del 1943 assieme al suo superiore, Sebastiano Germano, e condotto presso casa Calvi. Riuscì a fuggire all'eccidio di Santa Cecilia, ma il suo corpo fu trovato nelle campagne abruzzesi il 2 gennaio del 1944, decapitato e con le dita mozzate.
Secondo documenti trovati dalla famiglia, superstite della strage di Santa Cecilia fu inseguito dai tedeschi e ucciso. Nell'archivio dell'Anagrafe risulta morto “per eventi bellici”, nel cedolino dell'anagrafe risulta “rastrellato dai tedeschi e poi trovato morto”, mentre nell'elenco delle vittime civili redatto da Rosito lo troviamo come “trucidato dai tedeschi”.

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Tra il dicembre del 1943 e il gennaio del 1944 erano presenti nella città di Francavilla i seguenti reparti:
Fallschirm-Artillerie-Regiment 1, Bataillon I;
Fallschirm-Jäger-Regiment 3, Bataillon I;
Fallschirm-Jäger-Regiment 3, Stab, Regimentseinheiten;
Fallschirm-Jäger-Regiment 1, Bataillon II;
Fallschirm-Jäger-Regiment 1, Stab, Regimentseinheiten;
305. Infanterie-Division;
334. Infanterie-Division.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Nel 2003 la famiglia ne richiese l\'inserimento nella lista delle vittime di Santa Cecilia. Nonostante ciò, non si hanno prove del collegamento della sua morte con quelle vicende, per questo il Comitato Storico di Francavilla al Mare che si occupa delle commemorazioni delle vittime non ha ancora inserito il suo nome sulla lapida posta in contrada Santa Cecilia.

Scheda compilata da Martina Mancinelli
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-23 15:31:40

Vittime

Elenco vittime

Palazzo Giacomo, anni 29, nato a Bari il 19/04/1913, da Leonardo e Castellana Anna, coniugato con Sanvitale Luisa, residente in Viale Nettuno, Procuratore del Registro a Francavilla al Mare

Elenco vittime civili 1

Palazzo Giacomo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Comune di Francavilla al Mare

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Comune di Francavilla al Mare

    Descrizione: Comune di Francavilla, Lapide posta sul muro esterno. Il nome di Palazzo Giacomo appare nella lista dei “Trucidati dai tedeschi”.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Ogni anno dal 2003, il suo nome è ricordato tra le vittime della strage di Santa Cecilia durante la cerimonia che ha luogo il 30 dicembre.

Immagini delle memorie di pietra
Bibliografia


Iacone Giuseppe, Santa Cecilia 30 dicembre 1943 – 30 dicembre 2008, Francavilla al Mare, con la collaborazione dell'Assessorato alla Pubblica Istruzione - Città di Francavilla al Mare, Centro Studi Michettiano, 2007
Iacone Giuseppe, Kaputt!- Francavilla dal Fascismo alla Resistenza, Emidio Luciani, Francavilla al Mare, 1983
Iacone Giuseppe, Rocco Angelucci. Un partigiano vero, Tipografia Modular, Francavilla al Mare, 2013
Rosito Giovanni, La guerra continua!, Francavilla al Mare, Il Cenacolo, 1994

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Comune di Francavilla al Mare, SC, Atti di Morte, 1943-1944; Anagrafe