Piano Sale, Filetto, 05.12.1943

(Chieti - Abruzzo)

Piano Sale, Filetto, 05.12.1943
Descrizione

Località Piano Sale, Filetto, Chieti, Abruzzo

Data 5 dicembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 8

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime uomini senza informazioni 3

Numero vittime donne 4

Numero vittime donne senza informazioni 4

Descrizione: Perduta la battaglia del Sangro, l’esercito tedesco si riorganizzò sul sistema di colli che si alza a nord del torrente Moro, da Orsogna al mare, passando per i centri di Arielli, Canosa Sannita e Tollo. Lungo l’intera linea del fronte, giunta nell’inverno 1943/1944 a sconvolgere questa zona della provincia di Chieti, i tedeschi avevano creato in numerosi casali rurali altrettanti capisaldi protetti da reticolati e zone minate, garantendosi una efficace difesa che fu vinta soltanto nel mese di giugno 1944. Anche in questa zona le truppe germaniche fecero ricorso alla cosiddetta “terra bruciata”, che comportò la distruzione pressoché totale degli abitati interessati dal fronte, ed anche queste zone pagarono un pesante tributo in termini di civili uccisi. È in questo contesto che matura l’eccidio di Filetto.
A seguito degli ordini di sfollamento dei paese a ridosso della linea di fuoco e degli incessanti scontri tra truppe alleate e tedesche, molte donne e molti uomini si trovarono costretti a trovare ripari di fortuna, come le numerose grotte scavate nel terreno e tuttora presenti nell’area in questione. In una di queste, in località Piano Sale nel territorio comunale di Filetto, avevano trovato rifugio 19 persone: si trattava, per lo più, di sfollati dei vicinissimi comuni di Guardiagrele, che soltanto due giorni prima dell’eccidio aveva subito un pesantissimo attacco aereo e carristico che causò 29 vittime, ed Orsogna, che fu letteralmente tagliata in due con i neozelandesi asserragliati nel cimitero ed i tedeschi barricati tra le macerie del centro abitato, ambedue teatro di durissimi scontri tra i due eserciti in campo.
La sera del 5 dicembre 1943, verso le ore 20, una pattuglia tedesca, avuto contezza della presenza di civili in quella zona, raggiunse i rifugiati e, giunta nei pressi della grotta aprì il fuoco con mitragliatori e bombe a mano: infine, prima di allontanarsi, posero delle mine con l’intento di far crollare la volta della grotta e seppellire gli uomini al suo interno. Contrariamente alle previsioni dei militari germanici, la grotta fu distrutta solo parzialmente: ciò fece sì che le persone ancora in vita, la maggior parte dei rifugiati, potessero salvarsi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: ripulitura e desertificazione

Annotazioni: Non si hanno notizie per individuare con certezza il reparto che compì la strage.
Nel dicembre 1943 in quella zona erano presenti le seguenti unità:
1FJD – Fallschirm-J?ger-Regiment 4 – Btl. III, di stanza a Orsogna, distante da Filetto 5 km, Guardiagrele (6 km) ed Ari (8 km) da dicembre 1943 a gennaio 1944;
1FJD – Fallschirm-J?ger-Regiment 4 – Btl. II, di stanza a Orsogna da dicembre 1943 a febbraio 1944;
1FJD – Fallschirm-J?ger-Regiment 1 – Btl. II, di stanza a Orsogna e Vacri (11 km da Filetto)da dicembre 1943 a gennaio 1944;
26PD – 26^ Panzer-Division, di stanza a Orsogna da luglio a dicembre 1943;
334ID – 334^ Infanterie-Division, di stanza a Orsogna e Guardiagrele, da dicembre 1943 alla liberazione;
1FJD – Fallschirm-J?ger-Regiment 1 – Btl. I, di stanza a Guardiagrele, distante da Filetto 6 km, da dicembre 1943 a febbraio 1944.

In C. Gentile, La presenza tedesca in Italia (1943-1945) in http://194.242.233.149/ortdb/it/ortdb.html

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Episodio pressoché sconosciuto alla comunità e nel circondario

Scheda compilata da Nicola Palombaro
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-09-07 10:03:07

Vittime

Elenco vittime

1. Bonanni Oreste
2. Bucci Rosa
3. Del Greco Rachele
4. Di Martino Nicola fu Michelangelo, nato a Guardiagrele ed ivi residente, anni 72
5. Iocco Antonio
6. Iocco Giuseppe
7. Simeone Antonietta
8. Simeone Maria Vincenza

Elenco vittime civili 8

Bonanni Oreste,
Bucci Rosa,
Del Greco Rachele,
Di Martino Nicola,
Iocco Antonio,
Iocco Giuseppe,
Simeone Antonietta,
Simeone Maria Vincenza

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N 1/11, b. 2132 bis