Brecciarola, Chieti, 07.05.1944

(Chieti - Abruzzo)

Brecciarola, Chieti, 07.05.1944

Brecciarola, Chieti, 07.05.1944
Descrizione

Località Brecciarola, Chieti, Chieti, Abruzzo

Data 7 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Pochi giorni dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 i tedeschi occuparono Chieti, stabilendovi un comando di presidio, innalzando la bandiera di guerra germanica su Palazzo Mezzanotte.
In città trovarono la piena collaborazione da parte delle autorità cittadine e, coadiuvati da spie locali, presero controllo del territorio, adoperandosi per l’individuazione dei partigiani, impegnati in continue azioni di sabotaggio.
Le truppe tedesche commisero sistematiche azioni di rastrellamento di automezzi e armi, il che comportò una crescente ostilità da parte della popolazione: in particolare,durante il primo mese di occupazione ebbe luogo un’operazione di rastrellamento, con la città bloccata da compagnie di fanteria tedesca e decine di pattuglie che perquisirono tutti gli appartamenti, incuranti di anziani, ammalati, donne e bambini, sorpresi ancora a letto.
Ma episodi di questo genere si registrano ben oltre i primissimi mesi dell’occupazione tedesca.
Per motivi a noi sconosciuti, nel maggio del 1944, un maresciallo tedesco insieme ad alcuni soldati prelevarono dalla sua abitazione, nel cuore della notte, Ciammaichella Cesare che, messo contro un muro della sua stessa casa, fu ucciso con un colpo di moschetto.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Annotazioni: Non abbiamo certezze sul reparto, ma sappiamo che da febbraio ad agosto 1944 a Chieti erano di stanza:
278.Infanterie-Division,
305.Infanterie-Division,
Feld-Ersatz-Bataillon 305,
334.Infanterie-Division,
3 Regiment Brandeburg.

Scheda compilata da Silvia Checchia
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-22 14:25:27

Vittime

Elenco vittime

Ciammaichella Cesare, fu Carmine e fu Sartorelli Anna, nato il 30/08/1903, domiciliato a Chieti Scalo, Contrada Brecciarola, morto a Chieti Scalo il 7/05/1944

Elenco vittime civili 1

Ciammaichella Cesare

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Sacrario Militare di Chieti

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Sacrario Militare di Chieti

    Descrizione: Chieti, lapide situata nel Sacrario Militare di Chieti, sito all’interno del cimitero comunale di Sant’Anna in cui sono incisi i nomi delle vittime, tra cui lo stesso Ciammaichella: “Il popolo di Chieti/ con rinsaldato ardente amore/ per i suoi eroi immortali/ immolatisi per un supremo ideale/ di patria e di libertà/ incide in questo ricordo/ i nomi gloriosi/ fulgida consacrazione di italiche/ partigiane virtù. 1943-1944”

Bibliografia


Angelo Meloni, Chieti città aperta. Relazione storica sulle vicende belliche del 1943-1944,De Arcangelis, Pescara, 1947;
Aldo Rasero, Morte a Filetto: la Resistenza e le stragi naziste in Abruzzo, Milano, Mursia, 1970;

Sitografia


http://194.242.233.149/ortdb/it/ortdb.php?Suche=chieti&Seite=2&Suchbereich=alle&Modus=trunkiert&Zeilen=10

Fonti archivistiche

Fonti

ACS, ACC, s.245, bob. 1230 B, fot. 41.0
ASCH, Stato Civile, Registro Atti di Nascita Chieti, 1903
AUSSME, N 1/11, b. 2132 bis
DB “Banca dati delle violenze nazifasciste denunciate dai Carabinieri”
DB di Carlo Gentile
DD(WASt), OdB
DD(WASt), NVM, Bd.4