SAN PIERO A PONTI CAMPI BISENZIO 31.07.1944

(Firenze - Toscana)

SAN PIERO A PONTI CAMPI BISENZIO 31.07.1944

SAN PIERO A PONTI CAMPI BISENZIO 31.07.1944
Descrizione

Località San Piero, Campi Bisenzio, Firenze, Toscana

Data 31 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il giovane Renato Bettini è renitente alla leva di Salò, nonché collaboratore di una SAP locale. Nel pomeriggio del 31 luglio 1944, accortosi che quattro soldati tedeschi si stanno dirigendo in direzione della sua abitazione in località Brozzi, cerca rifugio scappando nei campi circostanti, dove però viene individuato poco dopo da altri soldati. Questi ultimi, assai probabilmente, sono intenti a presidiare i vicini ponti del Macinante, oggetto nei giorni precedenti di numerosi minamenti ad opera di partigiani, ai quali peraltro sembra avesse partecipato lo stesso Bettini. Una volta catturato, quest'ultimo è condotto al comando di San Martino a Campi dove viene interrogato e sicuramente accusato di appartenere al movimento partigiano. Quindi viene caricato su di un camion e portato in via de “La Mulattiera” in località San Piero a Ponti. Qui è ucciso a colpi d'arma da fuoco in prossimità di un cratere prodotto da un obice alleato.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-25 15:49:55

Vittime

Elenco vittime

Bettini Renato, di Angelo e di Tilli Teresa, nato a Firenze l\'8/05/1925 e ivi domiciliato in via del Cantone n. 8 a Brozzi (Firenze), contadino.

Elenco vittime renitenti 1

Bettini Renato.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CSIT, AUSSME, N1/11, b. 2132, Firenze, dichiarazione di Bettini Sante del 29 marzo 1945.