Bertoni, Paglieta, 08.11.1943

(Chieti - Abruzzo)

Bertoni, Paglieta, 08.11.1943

Bertoni, Paglieta, 08.11.1943
Descrizione

Località Bertoni, Paglieta, Chieti, Abruzzo

Data 8 novembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini ragazzi 1

Descrizione: Nell’autunno del 1943 Paglieta si trovò compresa nell’area della Linea Gustav; non si trattava di un’unica linea difensiva, ma di una successione di fortificazioni sul principio di assi trasversali, che sfruttando le caratteristiche orografiche ed idrografiche di quelle zone intendeva rendere difficile qualsiasi operazione militare contro nazisti e fascisti.
I tedeschi cominciarono a requisire gli alloggi dei privati, ad intimare la consegna degli animali, a commettere violenze. Nel mese di ottobre divennero più sistematiche e cruente le azioni di rastrellamento degli uomini validi, presi prigionieri e obbligati a lavorare per i tedeschi, e più frequenti le razzie di merci ed animali.
DI Matteo Giustino, fratello della vittima nonché testimone del delitto così ricordava nella denuncia resa ai carabinieri di Paglieta. Il giorno 8/11/1943 verso le ore 10 cinque militari tedeschi giunsero nella loro abitazione costringendoli ad uscire con l’accusa di aver sottratto una divisa. Mentre tre soldati si allontanavano, i restanti due con i fucili in braccio costringevano i fratelli ad addossarsi al pagliaio con l’intento di fucilarli. In quel frangente giunse la madre che si diresse urlando verso i tedeschi per cercare di impedire l’uccisione dei figli. Tuttavia alcuni colpi raggiunsero in fronte Donato, che morì all’istante, mentre Giustino veniva colpito alla spalla sinistra. Approfittando del trambusto seguito all’arrivo della madre, il giovane riuscì a fuggire e a mettersi in salvo anche perché nessuno lo inseguì. Nello stesso giorno Giustino si fece curare dalle truppe alleate incontrate mentre queste si dirigevano in paese per liberarlo.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Nella zona ad ottobre 1943 era operativo il 16. Panzer – Division.
Nell’area operava la 1a divisione paracadutisti tedesca (Gen. Heidrich) 3° reggimento (Artese).
Nell’elenco numero 6 dei carabinieri, riguardo alle violenze commesse dai nazifascisti in Abruzzo, questo episodio viene datato 08/11/1944. Si tratta in realtà del 08/11/1943, come si evince dalla data di morte di Di Matteo e dalla deposizione di Giustino Di Matteo riportata dagli stessi carabinieri.

Scheda compilata da Marco D’Urbano
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-22 11:34:13

Vittime

Elenco vittime

Di Matteo Donato, nato a Paglieta (CH) il 15/4/1927, figlio di Sebastiano e Di Matteo Felicia, contadino.

Elenco vittime civili 1

Di Matteo Donato

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • luogo della memoria a Paglieta

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Paglieta

    Descrizione: La via in cui è ubicato il municipio di Paglieta è denominata via Martelli Di Matteo, in onore dei due civili uccisi.

  • monumento a Piazza Martiri Lancianesi, Paglieta

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Piazza Martiri Lancianesi, Paglieta

    Anno di realizzazione: 1981

    Descrizione: Monumento ai caduti di Paglieta. Opera dedicata ai caduti di Paglieta in tutte le guerre. Frontalmente è in pietra scolpita, mentre sul retro vi è una lastra di granito nero su cui sono incisi i nomi dei caduti, militari e civili, di entrambi i conflitti mondiali. Sullo sfondo è affissa al muro una lastra in marmo, che dà il nome al luogo, Piazza Martiri Lancianesi, in ricordo di una delle rappresaglie tedesche compiute a Lanciano il 6 ottobre del 1943. Il monumento è stato collocato nel novembre del 1981.

Bibliografia


Nicola Troilo, Storia della Brigata Maiella, Milano, Mursia, 2011;
Casoli 5 dicembre 1943. Ettore Troilo e la Brigata Maiella, Pescara, Ianieri, 2007;
Nicola Palombaro, Secondo i nostri interessi. Alleati e Resistenza in Abruzzo nella documentazione dell’Allied Control Commission, Villamagna, Tinari, 2009;
Costantino Felice, Dalla Maiella alle Alpi. Guerra e Resistenza in Abruzzo, Roma, Donzelli, 2014.
Idem (a cura di), La guerra sul Sangro: eserciti e popolazione in Abruzzo 1943-44, Milano, Franco Angeli, 1994;
Gino Melchiorre (a cura di), Voci dalla guerra. Gessopalena dal settembre ’43 alla strage di Sant’Agata, Bomba, Troilo, 1999;
Patricelli Marco, I banditi della libertà. La straordinaria storia della Brigata Maiella, partigiani senza partito e soldati senza stellette, Torino, Utet, 2005;
Artese Giovanni, La guerra in Abruzzo e Molise (1943-1944), vol. 2, La battaglia del Sangro, la battaglia del Moro e di Ortona, i combattimenti nell'area a nord di Venafro, [Teramo], Edigrafital, [1994?].

Sitografia


http://www.pietredellamemoria.it/pietre/monumento-ai-caduti-di-paglieta/
http://www.comune.paglieta.ch.it/index.php?option=com_content&view=article&id=71&Itemid=60
http://www.fondazionebrigatamaiella.it;
http://www.camminarenellastoria.it/index/gustav_it_5_paesi_distrutti.html;
http://www.brigatamaiellasvp.it/;
Docufilm a cura di Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni, La guerra in casa. La Linea Gustav: Chieti e provincia.

Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME n.1/11 b. 2132 bis;
DB Carlo Gentile - Istituto storico germanico di Roma;
Servizio Anagrafe Comune Paglieta.