Morgia, Gessopalena, 18.1.1944

(Chieti - Abruzzo)

Morgia, Gessopalena, 18.1.1944

Morgia, Gessopalena, 18.1.1944
Descrizione

Località Morgia, Gessopalena, Chieti, Abruzzo

Data 18 gennaio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Nell’autunno del 1943 i paesi di Gessopalena e Torricella Peligna si trovarono compresi nell’area della Linea Gustav; non si trattava di un’unica linea difensiva, ma di una successione di fortificazioni sul principio di assi trasversali, che sfruttando le caratteristiche orografiche ed idrografiche di quelle zone intendeva rendere difficile qualsiasi operazione militare contro nazisti e neofascisti.
I tedeschi cominciarono a requisire gli alloggi dei privati, ad intimare la consegna degli animali, a commettere violenze. Nella seconda metà di ottobre, divennero più sistematiche e cruente le azioni di rastrellamento degli uomini validi, presi prigionieri e obbligati a lavorare per i tedeschi, e più frequenti le razzie di merci ed animali. Nei primi giorni di dicembre prolungandosi l’occupazione, i comandi militari tedeschi, per proteggersi le spalle, intimarono alla popolazione dei paesi posizionati tra il Sangro e l’affluente Aventino di “sfollare”.
Nei primi giorni di dicembre gli abitanti di Gessopalena e Torricella, oltre a subire la devastazione dei loro paesi, furono costretti ad abbandonare le loro abitazioni e a cercare rifugio nei casali e nelle masserie situate nelle zone limitrofe.
Domenico PICCONE, testimone diretto dell’omicidio, così ricordava il 4 ottobre 1944 nella denuncia resa ai carabinieri di Torricella Peligna.
Il giorno 18 gennaio verso le ore 10 Antonio MANCINI si trovava nella località di La Morgia nel comune di Gessopalena, insieme a Domenico e Nicola PICCONE, poiché voleva sapere notizie della moglie che aveva da poco partorito quando venne raggiunto da colpi di fucile sparati da militari tedeschi.
I fratelli PICCONE che si erano gettati a terra per sottrarsi ai colpi, una volta rialzatisi si accorsero che MANCINI era stato ucciso. Fatti oggetto di nuova sparatoria da parte dei soldati tedeschi riuscirono a salvarsi allontanandosi frettolosamente tra i campi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ripulitura e desertificazione

Estremi e note penali: Per l’omicidio di Antonio Mancini la Procura generale militare del Regno aprì un procedimento a carico di ignoti militari tedeschi fascicolo n. 814/66 R.G.
Il 19 dicembre 1966 la Procura generale militare della Repubblica ordinava l’archiviazione degli atti per impossibilità di identificare gli autori del fatto.
La documentazione è riportata nel fascicolo n. 100/139 della Commissione parlamentare d’inchiesta.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Il nome di Mancini Antonio è inciso nei due monumenti eretti, in memoria dei caduti civili della seconda guerra mondiale, nel comune di Torricella Peligna.

Scheda compilata da Marco D’Urbano
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-22 11:03:06

Vittime

Elenco vittime

Mancini Antonio nato a Torricella Peligna il 27/8/1910, figlio di Ferdinando e La Mura Concetta

Elenco vittime civili 1

Mancini Antonio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


305. Infanterie Division


Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Gessopalena

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Gessopalena

    Descrizione: Monumento alla Resistenza, posto sulla sommità del borgo medievale di Gessopalena.

  • onorificenza alla città a Gessopalena

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Gessopalena

    Descrizione: Il comune di Gessopalena, luogo di nascita di Domenico Troilo vice-comandante della Brigata Maiella, per la lotta esemplare contro il nazifascismo è stato insignito della Medaglia d’Oro al Valor Civile con la seguente motivazione. «Comune strategicamente importante, all\'indomani dell\'armistizio, subiva la violenta reazione delle truppe tedesche occupanti che, nel praticare la strategia della \"terra bruciata\", avevano raso al suolo il centro abitato e minato strade e mulattiere. La popolazione, costretta a trovare rifugi occasionali nelle campagne vicine, con coraggio, indomito spirito patriottico e profonda fede nei valori della libertà e della democrazia, contribuiva alla guerra di Liberazione con la costituzione di spontanee formazioni partigiane, subendo feroci rappresaglie che provocavano la morte di numerosi ed eroici cittadini». Gessopalena (CH) 1943-44.

  • luogo della memoria a Gessopalena

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Gessopalena

    Descrizione: Il Borgo antico di Gessopalena, di origine medioevale, interamente scavato nel gesso, fu minato e distrutto completamente il 4 dicembre 1943 dalle truppe tedesche. Sotto le sue rovine trovò la morte la madre del Vice Comandante della Brigata Maiella, Domenico Troilo. Grazie ad un restauro conservativo il borgo è attualmente valorizzato come luogo della memoria.

Bibliografia


Gino Melchiorre (a cura di), Voci dalla guerra. Gessopalena dal settembre ’43 alla strage di Sant’Agata, Bomba, Troilo, 1999;
Attilio Calabrese, Torricella Peligna 1943-44: Ricordi di guerra, Chieti, Tipografia Moderna, 1976;
Idem (a cura di), Un paese d’Abruzzo: Torricella Peligna, Chieti, Tipografia Moderna, 1968;
Nicola Troilo, Storia della Brigata Maiella, Milano, Mursia, 2011;
Casoli 5 dicembre 1943. Ettore Troilo e la Brigata Maiella, Pescara, Ianieri, 2007;
Salvatore Copertino, La storia di Torricella Peligna: su queste pagine c’è tutta la nostra storia, Pescara, Sigraf, 2013;
Nicola Palombaro, Secondo i nostri interessi. Alleati e Resistenza in Abruzzo nella documentazione dell’Allied Control Commission, Villamagna, Tinari, 2009;
Costantino Felice, Dalla Maiella alle Alpi. Guerra e Resistenza in Abruzzo, Roma, Donzelli, 2014.
Idem (a cura di), La guerra sul Sangro: eserciti e popolazione in Abruzzo 1943-44, Milano, Franco Angeli, 1994;
Patricelli Marco, I banditi della libertà. La straordinaria storia della Brigata Maiella, partigiani senza partito e soldati senza stellette, Torino, Utet, 2005;
Artese Giovanni, La guerra in Abruzzo e Molise (1943-1944), vol. 2, La battaglia del Sangro, la battaglia del Moro e di Ortona, i combattimenti nell'area a nord di Venafro, [Teramo], Edigrafital, [1994?];
Coladonato Guglielmo, Ragazzo di strada, in corso di pubblicazione con edizioni Tracce.

Sitografia


http://www.comune.gessopalena.ch.it/;
http://www.torricellapeligna.com/Martyrs%20at%20Gessopalena.html;
http://www.torricellapeligna.com/SantAgata.htm;
http://www.fondazionebrigatamaiella.it/immagini/medaglia_alpopolo/B%20ONOR_ABR.pdf;
http://www.camminarenellastoria.it/index/gustav_it_5_paesi_distrutti.html;
http://www.brigatamaiellasvp.it/;
Docufilm a cura di Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni, La guerra in casa. La Linea Gustav: Chieti e provincia.

Fonti archivistiche

Fonti

CPI 9/144;
CPI 100/139;
DB Carlo Gentile - Istituto storico germanico di Roma.