QUERCE DI BUONASERA, PIÈ VECCHIA, LA PANCA, MONTE MOGGIO, GREVE IN CHIANTI 21.07.1944

(Firenze - Toscana)

QUERCE DI BUONASERA, PIÈ VECCHIA, LA PANCA, MONTE MOGGIO, GREVE IN CHIANTI 21.07.1944

QUERCE DI BUONASERA, PIÈ VECCHIA, LA PANCA, MONTE MOGGIO, GREVE IN CHIANTI 21.07.1944
Descrizione

Località Monte Moggio, Querce di Buonasera, Piè Vecchia, La Panca, Cintoia Alta, Greve in Chianti, Firenze, Toscana

Data 21 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 11

Numero vittime uomini 11

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 9

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Il 20 luglio 1944 un reparto di soldati tedeschi, muovendo da Cintoia Alta, nel comune di Greve in Chianti, raggiunge, con lo scopo di requisirne il bestiame, il podere “Fonte del Gallo” situato nei pressi della Abbazia di Montescalari, sui crinali che separano il Chianti dal Val d'Arno. Si tratta di un'area posta al confine dei comuni di Greve in Chianti e di Incisa-Figline Val d'Arno piuttosto strategica rispetto all'avanzata del fronte alleato e nella quale opera un gruppo di partigiani della 2. Compagnia della 22. Brigata bis “Vittorio Sinigaglia”. Forse preavvisati da alcuni civili dell'arrivo dei tedeschi, lo stesso giorno i partigiani ingaggiano con questi ultimi in località “I Marroncini” uno scontro armato, al termine del quale rimangono feriti due militari. Tra questi, un sottufficiale tedesco morirà nella notte tra il 20 e il 21 luglio a causa delle ferite riportate. Dopo lo scontro, che è costato alla Brigata un caduto tra le proprie file, il grosso del gruppo partigiano si sgancia, incalzato dai tedeschi. Il giorno seguente, 21 luglio, questi ultimi fanno irruzione in una casa colonica in località Monte Moggio, non lontano dal luogo dello scontro, sorprendendovi e disarmandovi due partigiani (“Novo” e “Surien”), feriti probabilmente il giorno precedente, che vengono subito trucidati a colpi di pugnale e baionetta. Stessa sorte tocca anche a un civile di Monte Moggio, Carlo Bani, un anziano infermo che i tedeschi sorprendono nelle vicinanze e uccidono a mitragliate lungo il muro di un'abitazione.
Nel frattempo, a seguito dello scontro avvenuto il 20 luglio ai “Marroncini” tra partigiani e tedeschi, il comando dell'8. Compagnia dell'871. Grenadier-Regiment della 356. Divisione di fanteria, acquartierato nella villa Buonasera, a metà strada tra le località di La Panca e Dudda, dà subito luogo per ritorsione a un rastrellamento nei dintorni de La Panca. Circa 10 civili vengono così catturati e trasportati come ostaggi alla villa Buonasera. La mattina del 21 luglio, presa notizia del decesso dell'ufficiale tedesco ferito il giorno prima nello scontro con i partigiani, vengono selezionati per essere fucilati 5 civili tra quelli in ostaggio. Portati a circa 200 metri di distanza dalla villa, in località “Querce di Buonasera”, e costretti a scavarsi la fossa, vengono così fucilati: Fedele e Ferdinando Vettori, Natale Pacenti, Corinto Burgassi e Silio Scarselli. Gli altri ostaggi trattenuti nella villa di Buonasera verranno rilasciati solo alcuni giorni dopo.
Lo stesso giorno, ancora uomini del 871. Grenadier-Regiment fermano in località “Casa Nuova”, non lontano dalla villa di Buonasera, i coloni Giulio Parigi, Zelindo Bernacchioni e Dante Gabrotti, intenti a far pascolare le proprie bestie. Dopo averli perquisiti e malmenati i militari li obbligano a seguirli. Parigi e Bernacchioni sono quindi fucilati in località “Piè Vecchia”, mentre il Gabrotti è ucciso con colpi di pala alla testa in un campo vicino a “La Panca”, probabilmente per essersi rifiutato di scavare un fosso.

Modalità di uccisione: fucilazione,arma da taglio,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,sevizie-torture

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-12-11 15:17:26

Vittime

Elenco vittime

1. Bani Carlo, nato a Borgo S. Lorenzo (Firenze) l\'08/09/1880, residente a Bagno a Ripoli. Ucciso il 21 luglio in località Monte Moggio.
2. Bernacchioni Zelindo fu Angelo e fu Rosa Landini nato a Bagno a Ripoli (Firenze) il 30/03/1911, mezzadro del podere “Poggio a Mandorli” a Strada in Chianti. Fucilato il 21 luglio 1944 nel podere “Palaia” vicino a “Piè Vecchia”.
3. Burgassi Corinto, nato a Greve in Chianti l\'11/04/1889, coltivatore diretto del podere “Sala” a Cintoia Alta. Fucilato il 21 luglio 1944 alla “Querce di Buonasera”.
4. Gabrotti [o Gravotti] Dante di ignoti nato a Firenze il 23 [o 28]/09/1915, residente a Greve in Chianti, frazione di Strada ma domiciliato a Cintoia Bassa. Ucciso il 21 luglio 1944 in un campo vicino a “La Panca”.
5. Kirakonzia [o Kirikonzia] Surien [o Supien], nato in Unione Sovietica il ?/11/1918, partigiano della 22° Brigata Bis Sinigaglia. Ucciso il 21 luglio 1944 in località Monte Moggio.
6. Pacenti Natale, nato a Greve in Chianti il 03/09/1910, mezzadro del podere “La Panca”. Fucilato il 21 luglio 1944 alla “Querce di Buonasera” .
7. Parigi Giulio di Pietro, nato a Dicomano (Firenze) il 16/05/1928, mezzadro residente a Greve in Chianti, frazione di Strada. Fucilato il 21 luglio 1944 nel podere “Palaia” vicino a “Piè Vecchia”.
8. Rossi Alessandro, nato a Poppi (Arezzo) il 29/11/1924, residente a Strada in Chianti. Partigiano combattente della 22° Brgata Bis Sinigaglia, nome di battaglia “Novo”. Ucciso il 21 luglio 1944 in località Monte Moggio.
9. Scarselli Silio (o Sirio) di Giulio, nato a Empoli (Firenze) il 25/06/1896, commerciante. Fucilato il 21 luglio 1944 alla “Querce di Buonasera”.
10. Vettori Ferdinando fu Cesare, nato a Greve in Chianti il 27/09/1898, mezzadro del podere “Le Capanne” a Cintoia Alta. Fucilato il 21 luglio 1944 alla “Querce di Buonasera”.
11. Vettori Fedele fu Gioacchino, nato a Greve in Chianti il 31/03/1895, mezzadro del podere “La Panca”. Fucilato il 21 luglio 1944 alla “Querce di Buonasera”.

Elenco vittime civili 9

Bernacchioni Zelindo,
Burgassi Olinto,
Scarselli Sirio,
Pacenti Natale,
Gravotti Dante,
Parigi Giulio,
Scarselli Silio (o Sirio),
Vettori Ferdinando,
Vettori Fedele

Elenco vittime partigiani 2

Kirakonzia [o Kirikonzia] Surien [o Supien],
Rossi Alessandro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Grenadier-Regiment 871/356. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a Greve in Chianti, Querce di Buonasera e Piè Vecchia

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Greve in Chianti, Querce di Buonasera e Piè Vecchia

    Descrizione: Sul luogo esatto dell\'eccidio i parenti delle vittime edificarono un cippo che, senza indicarne il nome, ne ricorda l\'uccisione.

  • lapide a Greve in Chianti, Querce di Buonasera

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Greve in Chianti, Querce di Buonasera

    Descrizione: Il Comitato di Liberazione Nazionale della Pieve di Cintoia Alta nel primo anniversario dell\'eccidio pose una lapide con i nomi dei cinque fucilati in località La Panca

  • monumento a Greve in Chianti, La Panca

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Greve in Chianti, La Panca

    Descrizione: Nel 50. Anniversario della Liberazione il Comune e la cittadinanza di Greve in Chianti realizzarono un monumento in località La Panca riportante il nome di 22 civili uccisi nell\'estate del 1944, tra cui anche quelli dei cinque fucilati alla villa Buonasera.

  • commemorazione a Greve in Chianti, La Panca

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Greve in Chianti, La Panca

    Descrizione: In località La Panca, in occasione dell\'anniversario della liberazione del Comune (in luglio), l\'amministrazione comunale di Greve in Chianti organizza annualmente una commemorazione delle 22 vittime civili cadute nel territorio comunale. La cerimonia si conclude con la deposizione di una corona sul monumento ai caduti de La Panca.

Bibliografia


Carlo Baldini, La seconda guerra mondiale da Greve in Chianti a Firenze. Sulla strada del cuore, vol. III, Edizioni Polistampa, Firenze, 1994, pp. 1357-1359.
Paolo Bonci (a cura di), Le vittime civili della 2? guerra mondiale nei comuni della diocesi di Fiesole, Servizio Editoriale Toscano, Fiesole, 1994, p. 25.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi nazifasciste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, p. 129.
Angiolo Gracci, Brigata Sinigallia, Ministero dell'Italia occupata, Roma, 1946.
Ugo Jona, Le rappresaglie nazifasciste sulle popolazioni toscane. Diario di diciassette mesi di sofferenze e di eroismi, ANFIM, Firenze, 1993.

Sitografia


-http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/primopiano/6885/notizie-su-greve-inchianti/commemorazione-la-panca.php#.VUs3c5Ozm8A
- http://www.perunaltracitta.org/la-citta-invisibile/geografia-degli-eccidi-nazifascisti-a-firenze/
- http://www.regione.toscana.it/storiaememoriedel900/eccidi-nazifascisti/geografia/firenze
- http://www.pietredellamemoria.it/pietre/lapide-in-memoria-delle-vittime-per-rappresaglia-in-localita-la-panca/
- http://www.pietredellamemoria.it/pietre/monumento-ai-caduti-di-panca/
- http://resistenzatoscana.org/monumenti/greve_in_chianti/monumento_della_panca/
- http://resistenzatoscana.org/monumenti/greve_in_chianti/cippo_ai_caduti_della_querce_di_buonasera/
- http://resistenzatoscana.org/storie/la_fucilazione_alla_querce_di_buonasera/

Fonti archivistiche

Fonti

CSIT, AUSSME, N 1/11, b. 2132, Firenze, dichiarazione di Raffaello Furini dell\'11 novembre 1944.
CSIT, AUSSME, N 1/11, b. 2132, Firenze, dichiarazione di Bianca Giannelli del 26 ottobre 1944.