MONTALBINO MONTESPERTOLI 20.07.1944

(Firenze - Toscana)

MONTALBINO MONTESPERTOLI 20.07.1944

MONTALBINO MONTESPERTOLI 20.07.1944
Descrizione

Località Montalbino, Montespertoli, Firenze, Toscana

Data 20 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Nella zona di Montalbino, nel comune di Montespertoli, nelle settimane e nei mesi precedenti al passaggio del fronte hanno trovato riparo numerose famiglie sfollate dai comuni della Val d'Elsa e da altri municipi toscani. La mattina del 20 luglio due soldati tedeschi già visibilmente ebbri si presentano presso una casa del luogo detta Palazzina dove sono alloggiate alcune famiglie di sfollati. Tra queste vi è quella di Ugo Canaccini, un industriale di Livorno. I due tedeschi con la minaccia delle armi chiedono di poter mangiare e bere, venendo subito accontentati. Dopo essersi rifocillati lasciano l'abitazione completamente ubriachi, sparando raffiche in aria e facendo fuoco su un contadino del luogo, tale Venturini, senza però colpirlo. Poco dopo, però, fanno di nuovo ritorno alla Palazzina, chiedendo ulteriormente del cibo e pretendendo in particolare un prosciutto, che però non si trova. Di fronte all'impossibilità di vedersi soddisfare questa loro richiesta uno dei due militari, qualificatosi come appartenente al reparto di paracadutisti che aveva liberato Mussolini sul Gran Sasso nel settembre 1943, punta il mitra sul Canaccini, il quale però riesce ad afferrare la canna e a rivolgerla in alto, pregando nel frattempo l'altro soldato di voler calmare il compagno. Il milite chiede al Canaccini di lasciare la canna del fucile con la promessa che non gli sarebbe accaduto nulla. Ma appena fatto quanto richiesto, l'assalitore punta di nuovo l'arma sul Canaccini uccidendolo con un colpo all'addome. Subito dopo i due tedeschi, minacciando gli altri presenti con le armi, si danno alla fuga.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Annotazioni: Nel saggio di Ivan Tognarini in bibliografia, si riferisce delle possibili origini ebraiche della vittima.

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-03 11:05:48

Vittime

Elenco vittime

Canaccini Ugo, nato il 01/04/1898.

Elenco vittime civili 1

Canaccini Ugo.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


4. Fallschirm-Jäger-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Montespertoli, piazza del Popolo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Montespertoli, piazza del Popolo

    Anno di realizzazione: 1952

    Descrizione: Il 27 luglio 1952 nel settimo anniversario della Liberazione il Comune di Montespertoli eresse in piazza del Popolo un monumento ai caduti della prima e seconda guerra mondiale, recante i nomi delle vittime militari, partigiane e civili del comune.

Bibliografia


Andrea Pestelli, Montespertoli '44. Il passaggio del fronte nei documenti d'archivio alleati e tedeschi e nei ricordi della gente del paese, Comune di Montespertoli, Nuova Toscana Editrice, Campi Bisenzio, 2010, pp. 65-66.
Ivan Tognarini, Tra l'Elsa e la Pesa: mondo rurale, fascismo e antifascismo, massacri nazifascisti e resistenza, in Paolo Gennai, a cura di, Mezzadria e Resistenza nella Toscana centrale, Atti della giornata di incontro pubblico presso il Museo della Vite e del Vino di Montespertoli, 4 dicembre 2010, Federighi editori, Certaldo, 2012, p. 32-33.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

BA-MA, Armeeoberkommando 14, RH 20-14/114
CSIT, AUSSME, N 1/11, b. 2132