FIGLINE PRATO 06.09.1944

(Prato - Toscana)

FIGLINE PRATO 06.09.1944

FIGLINE PRATO 06.09.1944
Descrizione

Località Figline, Prato, Prato, Toscana

Data 6 settembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 30

Numero vittime uomini 30

Numero vittime uomini senza informazioni 30

Descrizione: Il territorio comunale di Prato viene liberato tra il 2 e il 9 settembre 1944. Il 5 settembre, le avanguardie della V Armata americana avanzarono da Campi Bisenzio, dove erano arrivate il 1° settembre, e raggiunsero Prato con relativa velocità, attestandosi all'altezza di Porta Santa Trinita. Il giorno seguente, 6 settembre, a seguito della ritirata delle truppe tedesche, la città sarebbe stata liberata.
La sera del 5 settembre, verso le undici di sera, i distaccamenti partigiani della brigata Bogardo Buricchi (circa 250 uomini), attestati sul monte Javello, con campo base ai Faggi di Javello, decidono di iniziare la discesa in direzione di Prato allo scopo di entrarvi prima dell'arrivo degli Alleati. Le disposizioni per l'entrata in città della formazione, le cui prime istruzioni erano state trasmesse dal Comando Militare del CTLN di Firenze ai dirigenti antifascisti pratesi, erano state comunicate una prima volta alla formazione Buricchi dal maggiore Mario Martini, comandante militare del movimento, e in un secondo tempo dal commissario politico dei partigiani pratesi, Loris Cantini, il quale indicò al comando della formazione un itinerario diverso rispetto a quello fornito in precedenza dal Martini (ritenuto poco sicuro) facendo sapere altresì ai partigiani d'aver disposto l'invio di una staffetta presso la casa colonica detta Pesciola, a metà del percorso verso Prato, che avrebbe dovuto condurli in città. I partigiani, giunti in località Pesciola, nei pressi di Figline, si fermarono come convenuto per attendere Domenico Fabbrini (la staffetta designata) il quale però, per ragioni mai del tutto chiarite, non si fece trovare sul luogo. A quel punto, dopo una discussione sul da farsi sorta entro il raggruppamento, si decide lo stesso di avanzare. Ma passa poco tempo che all'alba del 6 settembre il gruppo partigiano, tra Coiano e Figline di Prato, viene intercettato da un'unità della 334° Divisione di fanteria, forse al corrente dello spostamento della Buricchi. Nei campi attorno alla località di Pacciana ne nasce un conflitto a fuoco durissimo e impari, con perdite da entrambe le parti. Gli uomini della Buricchi, sorpresi e in evidente inferiorità numerica, si disperdono. Mentre alcuni riescono fortunosamente a mettesi in salvo, una trentina di loro sono fatti prigionieri dai tedeschi a seguito di un minuzioso rastrellamento seguito allo scontro e vengono quindi condotti a Villa Nocchi, sede del comando. Qui, il maggiore Karl Laqua improvvisa un processo farsa, al termine del quale viene pronunciata una condanna a morte per impiccagione. Nelle prime ore mattutine del 6 settembre, mentre gli Alleati stanno già entrando a Prato, gli ostaggi sono condotti dai tedeschi nel paese di Figline e qui impiccati a turno a delle travi in prossimità dell'arco di via Maggio. Stando da alcune testimonianze, a causa dell'improvviso avvio di un cannoneggiamento alleato sulla città, i carnefici accelerano l'esecuzione, fucilando alcuni dei partigiani in attesa di essere impiccati. Del gruppo dei condannati, il partigiano Santino Grassi e (sulla base delle ricerche di Michele Di Sabato) forse anche il compagno d'armi Romano Villani, riescono a scappare un istante prima di essere impiccati approfittando della confusione generata dal contemporaneo bombardamento alleato. I cadaveri degli impiccati sono lasciati dai tedeschi appesi per un giorno intero, prima che alcuni abitanti di Figline, vincendo la paura, provvedano a dar loro una prima sommaria sepoltura.

Modalità di uccisione: fucilazione,impiccagione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Sin dall'immediato dopo liberazione un'investigazione alleata indaga sulla responsabilità del maggiore Laqua rispetto ai fatti di Figline, oltreché nei riguardi di altre uccisioni compiute negli stessi giorni a Coiano di Prato dalla stessa unità comandata dal Laqua. A quella americana, conclusasi nel novembre del 1944, si affianca un'ulteriore indagine svolta dal SIB nell'aprile e nel giugno 1945. Nel corso di entrambe le indagini sono sentiti alcuni testimoni tra i quali don Milton Nesi, parroco di Coiano, che per primo fa il nome del maggiore Laqua, consegnando all'agente del SIB, il sergente W. Carteright, un lasciapassare firmato dallo stesso Laqua. Il 5 dicembre 1946, le carte relative alle indagini sono poi trasmesse al governo italiano e quindi alla Procura Generale Militare di Roma. Il Procuratore militare generale Umberto Borsari il 5 giugno 1947 chiede senza successo al Deputy Judge Advocat General di Padova notizie su Laqua, richiedendo inoltre un supplemento di indagine ai carabinieri di Prato, i quali però concludono le proprie ricerche in breve tempo e con scarsa cura. Il 14 gennaio 1960, l fascicoli relativi sono archiviati provvisoriamente (cioè occultati) assieme a tutti gli altri presso la sede della Procura Generale Militare di Roma dal Procuratore Enrico Santacroce. A seguito del ritrovamento dell'”armadio della vergogna”, il 19 dicembre 1994 i fascicoli sull'eccidio di Figline sono trasmessi al Sostituto Procuratore Generale Militare Nicolisi della Procura Militare di La Spezia. Le nuove indagini condotte dal Comando Provinciale dei Carabineri di La Spezia si concludono nel maggio del 2003 e portano con l'aiuto dell'Interpol alla scoperta delle generalità del maggiore Laqua, il quale però non viene rintracciato. Una prima richiesta di archiviazione del caso viene respinta nel 2003 mentre, a seguito di nuove indagini, si rintraccia un vecchio indirizzo di residenza del Laqua in Polonia, che tuttavia si rivela ancora una volta inutile a rintracciarlo. Il procedimento è quindi definitivamente archiviato il 25 gennaio 2005 dal Pubblico Ministero Marco De Polis, anche a seguito della probabile morte del Laqua (classe 1903).

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-12-05 11:00:48

Vittime

Elenco vittime

Bruno Cialdini.
Benicasa Guido.
Bini Fiorello.
Cialdini Bruno
Ciampi Natale.
Danesi Elio.
Delfini Gustavo.
Giraldi Giovanni.
Giunti Guido.
Lippini Leonetto.
Marradi Mauro.
Martini Quinto.
Mugnaini Fiorenzo.
Nicolaief, partigiano sovietico.
Pagli Rolando.
Panconi Marcello.
Pasquinelli Manfredo.
Pizzicorni Dino.
Rapezzi Fernando.
Ridolfi Umberto.
Risaliti Lorenzo.
Spano Attilio.
Staicovik – partigiano sovietico.
Toccafondi Adolfo.
Tronci Mario.
Vannoni Alessandro.
Ventura Benito.
Ventura Domenico.
Zucca Bruno.
Ignoto partigiano sovietico.

Elenco vittime partigiani 30

Bruno Cialdini.
Benicasa Guido.
Bini Fiorello.
Ciampi Natale.
Cialdini Bruno.
Danesi Elio.
Delfini Gustavo.
Giraldi Giovanni.
Giunti Guido.
Lippini Leonetto.
Marradi Mauro.
Martini Quinto.
Mugnaini Fiorenzo.
Nicolaief, partigiano sovietico.
Pagli Rolando.
Panconi Marcello.
Pasquinelli Manfredo.
Pizzicorni Dino.
Rapezzi Fernando.
Ridolfi Umberto.
Risaliti Lorenzo.
Spano Attilio.
Staicovik – partigiano sovietico.
Toccafondi Adolfo.
Tronci Mario.
Vannoni Alessandro.
Ventura Benito.
Ventura Domenico.
Zucca Bruno.
Ignoto partigiano sovietico.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Karl Laqua

    Nome Karl

    Cognome Laqua

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Maggiore Karl Laqua, nato il 28/07/1903 a Maerzdorf (Germania), ritenuto responsabile sulla base di indagini alleate e in quando imputato di procedimento giudiziario italiano.

    Note procedimento Sin dall\'immediato dopo liberazione un\'investigazione alleata indaga sulla responsabilità del maggiore Laqua rispetto ai fatti di Figline, oltreché nei riguardi di altre uccisioni compiute negli stessi giorni a Coiano di Prato dalla stessa unità comandata dal Laqua. A quella americana, conclusasi nel novembre del 1944, si affianca un\'ulteriore indagine svolta dal SIB nell\'aprile e nel giugno 1945. Il 5 dicembre 1946, le carte relative alle indagini sono poi trasmesse al governo italiano. Il Procuratore militare generale Umberto Borsari il 5 giugno 1947 chiede al Deputy Judge Advocat General di Padova notizie su Laqua, richiedendo inoltre un supplemento di indagine ai carabinieri di Prato. Il 14 gennaio 1960, il fascicolo relativo è archiviato provvisoriamente. Viene poi trasmesso al Tribunale di La Spezia il 19 dicembre 1994. Il procedimento è però definitivamente archiviato nel 2005 a seguito della probabile morte di Laqua (classe 1903).

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto 334. Infanterie-Division

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Prato, Chiesanuova, cimitero

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Prato, Chiesanuova, cimitero

    Anno di realizzazione: 1945

    Descrizione: Nel 1945, presso il cimitero della Chiesanuova dove vennero sepolti definitivamente le salme degli impiccati di Figline, è stato realizzato un monumento a loro dedicato, opera dello scultore pratese Mario Cappelli.

  • lapide a Prato, Figline

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Prato, Figline

    Anno di realizzazione: 1945

    Descrizione: In occasione del primo anniversario della strage, l\'amministrazione comunale di Prato pose una lapide commemorativa a Figline di Prato.

  • altro a Prato, piazza "XXIX Martiri di Figline"

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Prato, piazza \"XXIX Martiri di Figline\"

    Descrizione: L\'amministrazione comunale di Prato ha intitolato una piazza della città ai “XXIX Martiri di Figline”.

  • monumento a Prato, Figline

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Prato, Figline

    Descrizione: A Figline di Prato, in prossimità dell\'arco di via Maggio dove vennero impiccati i 29 partigiani, è stato realizzato dall\'artista pratese Leonetto Tintori un monumento a ricordo delle vittime.

  • monumento a Montemurlo, Faggi di Javello

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Montemurlo, Faggi di Javello

    Anno di realizzazione: 1985

    Descrizione: Nel 40. Anniversario della Liberazione è stato realizzato presso i Faggi di Javello, campo base della brigata “Buricchi” nel settembre 1944, un monumento a ricordo dei martiri per la libertà.

  • museo a Prato, Figline

    Tipo di memoria: museo

    Ubicazione: Prato, Figline

    Descrizione: Museo della Deportazione e della Resistenza di Figline di Prato.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: In occasione dell\'anniversario della liberazione della città, l\'amministrazione comunale di Prato organizza in tutto il territorio provinciale una serie di commemorazioni dedicate alla vittime di Figline di Prato. Nel capoluogo, al termine di una marcia per la pace, viene solitamente deposta una corona d\'alloro al monumento di Piazza XXIX Martiri.

  • monumento a Figline di Prato, piazza XXIX Martiri

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Figline di Prato, piazza XXIX Martiri

    Anno di realizzazione: 2003

    Descrizione: Nel 2003 è stato inaugurato a Figline di Prato in piazza XXIX Martiri un monumento in cemento a forma trapezoidale in ricordo delle vittime.

Bibliografia


- Alessandro Affortunati, Cinquant'anni di lotte operaie a Prato e nella valle del Bisenzio (1900-1950), Nuova Cesat coop., Firenze 1992, p. 87.
- Orazio Barbieri, I sopravvissuti, Feltrinelli, Milano 1972.
- Orazio Barbieri, Ponti sull'Arno. La Resistenza a Firenze, Vangelista, Milano 1984, pp. 289-97.
- Luciano Casella, La Toscana nella guerra di liberazione, La Nuova Europa, Carrara 1972, pp. 287-93.
- Italicus, Come si muore per l'Italia libera. I martiri di Figline di Prato, Comune di Prato, Prato 1945
- Diocesi di Prato, L'estate tragica del 1944. Passione civile e testimonianza di carità della Chiesa pratese, s.e., s.l. 1994.
- C. Brunelli, 6 settembre 1994: la liberazione di Prato e l'eccidio di Figline, in Fondazione Museo e centro di documentazione della Deportazione e Resistenza, Grafiche Martinelli, Firenze 2010.
- Michele Di Sabato, La guerra nel pratese 1943-1944. Cronaca e immagini, Pentalinea, prato 1993.
- Michele Di Sabato, Ricerche e documenti sulla resistenza pratese, Pentalinea, Prato 1995
- Michele Di Sabato, Prato. Dalla guerra alla ricostruzione. Diario della città e dintorni dal 1943 al 1945, Pentalinea, Prato 2006.
- Giuseppe Gregori e Michele di Sabato, Fatti e personaggi della Resistenza di Prato e dintorni. Dalla caduta del fascismo alla Liberazione (luglio 1943-settembre 1944), Pentalinea, Prato 2014.
- Elisabetta Faldi, L'ultimo anno di guerra a Prato, Pentalinea, Prato 2006.
- Carlo Ferri, La valle rossa. Cronache del movimento operaio, dell'antifascismo, della Resistenza nella valle del Bisenzio, Viridiana, Prato 1975, pp. 289-97.
- Annalisa Marchi (a cura di), Storia e storie della Val di Bisenzio, Quaderni del centro documentazione storico etnografico. I luoghi della memoria: itinerari della Liberazione, Comuni di Vaiano, Cantagalle, Vernio, 1994.
- Enrico Iozzelli, L'eccidio di Figline di Prato. Storia e retroscena di una strage, in Marco Palla (a cura di), Storia dell'antifascismo pratese. 1921-1953, Pacini, Pisa 2013, pp. 331-376.
- G. Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci editore, Roma 2009, pp. 240-241.

Sitografia


? http://www.museodelladeportazione.it/modules/smartsection/item.php?itemid=28
? http://www.associazioni.prato.it/resistente/pratese/htm/figline.htm#salvi
? http://www.toscananovecento.it/custom_type/leccidio-di-figline-di-prato/
? http://prato.tiportoalmuseo.it/musei/museo-della-deportazione-e-resistenza/
? http://resistenzatoscana.org/monumenti/prato/lapide_dell_eccidio_di_figline/
? http://resistenzatoscana.org/storie/la_brigata_buricchi_e_l_eccidio_di_figline/
? http://resistenzatoscana.org/monumenti/prato/monumento_dell_eccidio_di_figline/

Fonti archivistiche

Fonti

BA-MA, RH 2/669, IC-M 6 e 7 settembre 1944
BA-MA, RH 20-14/114, IC-M 6 settembre 1944
Archivio Comunale di Prato, Serie Speciale, “Prato città martire 1970”, filza “prato Città martire”, pratica di riconoscimento 1940-45, fasc. “Elenco dei partigiani caduti”; ivi, fascicolo “Elenco dei cittadini deceduti in conflitto contro tedeschi”; ivi, fascicolo “Civili caduti al seguito di azione di rappresaglia da parte dei nazifascisti”.
Procura Militare del Tribunale di La Spezia, Procedimento penale n. 310/03 a carico di Laqua Karl, La Spezia 2003.