DONNINI REGGELLO 14.08.1944

(Firenze - Toscana)

DONNINI REGGELLO 14.08.1944

DONNINI REGGELLO 14.08.1944
Descrizione

Località Donnini, Reggello, Firenze, Toscana

Data 14 agosto 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Il 14 agosto 1944, alcuni soldati tedeschi prelevarono dalla propria abitazione la signora Giuseppina Ricci, residente in località Cappello nel comune di Reggello. L'intenzione dei militari è quella di condurre la giovane in una casa abitata in località Reggi, frazione di Donnini, per usarle violenza sessuale. Mentre la conducono con sé, cercano di intervenire in suo soccorso altre due donne del luogo, Maria Tozzi nei Papi e Marianna [o Anna] Fornaciai vedova Tozzi. Le due donne vengono però fatte oggetto di colpi d'arma da fuoco, forse sparati dalla finestra dell'abitazione nella quale hanno portato la Ricci, uno dei quali colpisce al petto la Fornaciai che, ferita gravemente, muore poco dopo.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: stupro

Tipo di massacro: violenze di genere

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-03 01:35:08

Vittime

Elenco vittime

Tozzi Marianna [o Anna], vedova Fornaciai fu Filippo e fu Vivoli Assunta, nata a Reggello il 01/05/1868 e ivi residente in frazione Donnini.

Elenco vittime civili 1

Tozzi Marianna [o Anna].

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Paolo Bonci (a cura di), Le vittime civili della 2° Guerra mondiale nei comuni della diocesi di Fiesole, Servizio Editoriale Fiesolano, Fiesole, 1994, p. 18.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi nazifasciste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, p. 151.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CSIT, AUSSME N/11, b. 2132, Firenze, dichiarazione di Maria Tozzi del 7 novembre 1944.