Viale Tibaldi, Milano, 28.08.1944

(Milano - Lombardia)

Viale Tibaldi, Milano, 28.08.1944

Viale Tibaldi, Milano, 28.08.1944
Descrizione

Località Viale Tibaldi 26, Milano, Milano, Lombardia

Data 28 agosto 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: Appartenenti a una squadra della 85. brg Garibaldi Valgrande Martire distaccata a Milano. Catturati su delazione a mezzogiorno del 28 agosto ’44 all’interno del Bar Roma in via Tibaldi 26, all’esterno del quale furono fucilati alle ore 19.oo circa dopo essere stati torturati per tutto il pomeriggio nella sede della Legione Muti di via Rovello.

Testimonianza di un negoziante di Tibaldi.
[…] verso le 18,30 di quel giorno, automezzi carichi di quelli della milizia invasero via Tibaldi e vie adiacenti: mitra imbracciati e rivoltelle in pugno fecero chiudere tutti i negozi, i passanti costretti ad entrare nei portoni subito sprangati; minacce a coloro che erano alle finestre e ordine di chiuderle. Dapprima un po’ di confusione, un fuggi fuggi generale, qualche strillo di donna, poi tutto cadde nel silenzio, un silenzio di morte; il grande viale deserto e i fascisti che scrutavano da ogni parte accennando a sparare. Anch’io avevo dovuto abbassare la saracinesca del negozio, ma da una fessura potei assistere a quanto stava avvenendo e ritengo di essere stato uno dei pochissimi che poterono osservare l’orrendo eccidio.
Pochi minuti dopo la milizia era divenuta padrona della strada deserta, vidi giungere un camion, dal quale fecero scendere i quattro arrestati. Dovettero sorreggerli, tanto erano stati seviziati, che non riuscivano a fare un passo. Furono allineati al muro, anzi appoggiati contro il muro dell’osteria, con il viso rivolto verso gli assassini. Non vi fu alcuna lettera di sentenza, una decina di brigatisti neri che avevano in testa un berretto rotondo comandati da uno che aveva dei gradi, imbracciarono i mitra a non più di tre metri di distanza. All’ultimo momento, quando il comandante ebbe ordinato il fuoco, uno degli arrestati trovò la forza di voltare il viso contro il muro e farsi il segno della croce. Bastò una sola scarica, data la breve distanza e caddero. L’ufficiale si avvicinò ai corpi straziati sferrando dei calci, notò che qualcuno respirava ancora. Si fece dare da uno dei carnefici un mitra e nuovamente sparò sui morti.
Dopo risalirono sul camion e partirono. Dai cortili, le scariche avevano impaurito gli inquilini, si udivano pianti e grida. Gli altri fascisti che avevano presidiato la strada, permisero che fossero riaperti negozi e portoni, si raggrupparono, armi alla mano, nei pressi del mucchio dei cadaveri, impedendo di avvicinarsi. I martiri furono lasciati sul marciapiede arrossato di sangue che a piccoli rivoli scendeva fin sulla strada.
Rimasero al sole di agosto con le mosche che ronzavano, […] sino a sera inoltrata.”

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Giovanni Scirocco e Luigi Borgomaneri
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-18 23:24:02

Vittime

Elenco vittime

1. Abico Albino, nato a Chiaravalle Milanese il 24 novembre 1919,operaio fonditore, Medaglia d’argento al valor militare alla memoria
2. Alippi Gianni, nato a Corsico (MI) il 23 settembre 1920, appartenente alla 85. brg Garibaldi Valgrande Martire
3. Calpiz Bruno, appartenente alla 85. brg Garibaldi Valgrande Martire
4. Del Sale Maurizio, nato a Senno (NO), il 16 aprile 1897, appartenente alla 85. brg Garibaldi Valgrande Martire

Elenco vittime partigiani 4

Abico Albino ,
Alippi Gianni,
Calpiz Bruno,
Del Sale Maurizio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a viale Tibaldi 26, Milano

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: viale Tibaldi 26, Milano

    Descrizione: Lapide sul luogo della fucilazione

  • onorificenza alla persona a Albino Abico

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Ubicazione: Albino Abico

    Descrizione: Medaglia d’argento al valor militare alla memoria ad Albino Abico

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Celebrazione annuale, nell’anniversario della fucilazione

Bibliografia


I martiri della libertà, Milano, A.N.P.I., [1945]
Abico. Una famiglia antifascista in «Il diciotto» a. XVII, n. 4, Milano, aprile 1997
Luigi Borgomaneri, Due inverni un’estate e la rossa primavera. Le Brigate Garibaldi a Milano e provincia, Franco Angeli, Milano 1996, pp. 189-190
La nostra lotta in «Bellaciao. Resistenza oggi"»a. 2, n. 6, Milano, Sezione A.N.P.I. Attilio Clerici, luglio/agosto 2004
Giuliana Cislaghi Baggio antifascista, Milano, Tipografia antifascista, 2005
Piero Malvezzi - Giovanni Pirelli (a cura di) Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana: 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 2003, p. 8

Sitografia


www.ultimelettere.it
www.anpi.it
http://lombardia.anpi.it/lombardia.php?p=3010&more=1&c=1&tb=1&pb=1

Fonti archivistiche

Fonti

ISEC, Carte Anpi Milano, e Carte Luigi Maradini