BROZZI-PERETOLA FIRENZE 03.08.1944

(Firenze - Toscana)

BROZZI-PERETOLA FIRENZE 03.08.1944

BROZZI-PERETOLA FIRENZE 03.08.1944
Descrizione

Località Brozzi-Peretola, Firenze, Firenze, Toscana

Data 3 agosto 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Sin dal giugno 1944, soldati tedeschi occupano le abitazioni dei fratelli Ermenegildo, Vincenzo, Alessandro e Dino Bacci e i locali del lanificio di famiglia situati in via della Sala, in località Brozzi. A partire dai primi di agosto, con l'approssimarsi della battaglia per la liberazione di Firenze, i tedeschi intensificano la loro presenza e un comando agli ordini del Maggiore Meitzel si installa nell'abitazione di Ermenegildo Bacci. La sera del 3 agosto 1944, senza apparente motivo, alcuni soldati tedeschi prelevano dalla sua abitazione Alessandro Bacci e lo trascinano presso il comando del Meitzel. L'uomo, presumibilmente, è accusato di spionaggio e collaborazione con i partigiani. Il fratello Vincenzo assieme al suocero di Alessandro, il Cav. Marino Martellotta, cercano di recarsi presso il comando, forse per chiedere spiegazioni, ma vengono respinti dai soldati armi alla mano. Non molto tempo dopo, l'ostaggio viene condotto dai tedeschi in prossimità del lanificio di famiglia dove è ucciso a colpi di pistola. Il corpo è gettato in una fossa laterale e occultato alla meglio con dei panni. I soldati tedeschi, compiuto il fatto, ritornano al comando dove passano la notte cantando e bevendo. L'indomani, il comando tedesco impartisce a Ermenegildo e Vincenzo Bacci l’ordine di lasciare le proprie abitazioni assieme alla famiglia, quindi i tedeschi saccheggiano il lanificio. Infine, il 5 agosto, lo fanno saltare dopo averne minato edifici e macchinari. Il corpo di Alessandro Bacci sarà rinvenuto dai familiari solamente due giorni dopo la sua morte, ma il trasporto al cimitero di Brozzi sarà concesso dalle autorità tedesche solo alcuni giorni più tardi.

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: indefinita

Estremi e note penali: In data 1 novembre 1947 il procuratore generale Dott. Borsari chiede al Maggiore Tighe, ufficiale di collegamento alleato, se negli elenchi dei criminali di guerra tedeschi sia compreso il Maggiore Meitzel. La risposta è però negativa. Presso il tribunale di Firenze inizia quindi un procedimento penale per i responsabili italiani di collaborazionismo coinvolti nell'episodio.

Annotazioni: Sul cippo posto in via della Sala in memoria di Alessandro dai fratelli la data dell'uccisione è il 5 agosto 1944.

Scheda compilata da Francesco Fusi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-25 15:49:55

Vittime

Elenco vittime

Bacci Alessandro fu Giuseppe e Cialdini Carlotta, nato a Prato il 13/01/1906, domiciliato a Peretola, via della Sala 136, industriale.

Elenco vittime civili 1

Bacci Alessandro.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Elio Cecchi

    Nome Elio

    Cognome Cecchi

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note procedimento Procedimento nel 1947 presso il Tribunale di Firenze per collaborazionismo.

  • Elio Ridolfi

    Nome Elio

    Cognome Ridolfi

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note procedimento Procedimento penale per collaborazionismo presso il Tribunale di Firenze nel 1947.

  • Sconosciuto Meitzel

    Nome Sconosciuto

    Cognome Meitzel

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile maggiore identificato da testimoni come comandante del locale comando tedesco responsabile dell\'episodio.

    Note procedimento In data 1 novembre 1947 il procuratore generale Dott. Borsari chiede al Maggiore Tighe, ufficiale di collegamento alleato, se negli elenchi dei criminali di guerra tedeschi sia compreso il Maggiore Meitzel. La risposta è però negativa.

    Nome del reparto Reparto tedesco non precisato

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a Firenze, via della Sala 4

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Firenze, via della Sala 4

    Anno di realizzazione: 1954

    Descrizione: I fratelli della vittima, Ermenegildo, Vincenzo e Dino Bacci il 4 novembre 1954 posero un cippo in via della Sala n. 154 in ricordo dell\'uccisione di Alessandro.

Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CSIT, AUSSME, N 1/11 b. 2132, Firenze, testimonianza di Ermenegildo Bacci del 29 marzo 1945.