Garbagnate Milanese, 17.11.1944

(Milano - Lombardia)

Garbagnate Milanese, 17.11.1944

Garbagnate Milanese, 17.11.1944
Descrizione

Località Garbagnate Milanese, Garbagnate Milanese, Milano, Lombardia

Data 17 novembre 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: "Nella mattinata del 3 novembre si presentarono all’ospedale di Garbagnate alcuni squadristi della brigata nera di stanza a Bollate, i quali perquisirono l'ufficio e il domicilio del capo infermiere Arialdo Bianchi e portarono alla caserma di Bollate lui e il vice capo Giovanni Gianetti. Contemporaneamente venivano arrestati il capo disinfettatore Emilio Lattuada e l'infermiere Beniamino Ortolani. I due capi infermieri furono rilasciati il giorno dopo, mentre il Lattuada e l'Ortolani furono trasferiti a S. Vittore, dopo una serie di percosse e di violenze, e successivamente inviati nei campi di sterminio tedeschi. Il Lattuada mori nei giorni in cui terminava la guerra, l'Ortolani poté tornare in patria ma gravemente minato nel fisico morì poco dopo".
"Nella notte del 14 novembre le brigate nere tornarono in ospedale ed arrestarono la dottoressa Osvalda Borelli, aiuto primario, crudelmente seviziata nella caserma di Bollate. Il giorno dopo brigatisti neri e SS italiane bloccarono tutto l'ospedale e arrestarono il dottor Lionello Ribotto, aiuto primario, l'infermiere Luigi Mantica in servizio al centralino telefonico, il dottor Angelo Pasquale, il dottor Mario Gandini, consulente laringologo, il capo infermiere Arialdo Bianchi mentre, nel suo domicilio di Milano veniva arrestato il primario Virgilio Ferrari". Mantica, portato a Bollate, fu torturato a lungo e, dopo tre giorni, il suo cadavere fu riportato a Garbagnate affermando che si era suicidato e con il divieto di esaminarlo. Accertamenti successivi rilevarono che Mantica era deceduto per impiccagione

Testimonianza del professore Luigi Cogo, ex primario dell'ospedale, allora in servizio in sanatorio, rilasciata il 17 novembre 1984 in occasione del 40° anniversario di quegli eventi.
«Triangolo rosso», aprile 1996.

Modalità di uccisione: impiccagione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Luigi Borgomaneri
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-17 23:32:04

Vittime

Elenco vittime

1. Mantica Luigi, n. a Senago (MI) il 17 novembre 1944, appartenente alla 185. brigata Garibaldi Sap

Elenco vittime partigiani 1

Mantica Luigi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


8. Brigata nera “Aldo Resega” di Milano

Tipo di reparto: Brigata Nera

SS italiane reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Ferruccio Stroppa

    Nome Ferruccio

    Cognome Stroppa

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Ferruccio Stroppa, direttore del sanatorio di Garbagnate, fu condannato il 27 luglio 1945 dalla Cas di Milano a 18 anni di reclusione. La Cassazione in data 1 marzo 1948 annullò la sentenza dichiarando il reato estinto per amnistia

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a ospedale di Garbagnate Milanese

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: ospedale di Garbagnate Milanese

    Descrizione: Un monumento all\'ingresso dell\'ospedale di Garbagnate Milanese (ex sanatorio) ricorda l\'arresto, le torture, le condanne e la deportazione nei Lager di sterminio nazisti di medici ed infermieri, arrestati nel novembre 1944 dalle SS e brigate nere di stanza a Bollate.

Bibliografia


Giuseppe Castelnuovo, Garbagnate: un monumento ricorda i medici e gli infermieri deportati, in «Triangolo rosso», aprile 1996.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS Milano. Sentenza N°76 del 27 luglio 1945.
Archivio Fondazione Isec, Fondo Pci Federazione milanese, serie Commissione federale di controllo, b. 59, fasc. 178, Alla Federazione del Pc, Milano 5 ottobre 1944, relazione firmata «Leonida» e «Sandri» (Ugo Argelli).