Vignanello, 6/8 giugno 1944

(Viterbo - Lazio)

Vignanello, 6/8 giugno 1944

Vignanello, 6/8 giugno 1944
Descrizione

Località Vignanello, Vignanello, Viterbo, Lazio

Data 6 giugno 1944 - 8 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 33

Numero vittime uomini 32

Numero vittime uomini ragazzi 2

Numero vittime uomini adulti 24

Numero vittime uomini anziani 6

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Il 5 giugno il paese di Vignanello comincia ad essere attraversato da reparti tedeschi in ritirata. Durante la ritirata alcune bande partigiane cominciano ad agire attaccando reparti di passaggio. Un camion viene attacato all’ingresso del paese. Un altro camion e una moto con sidecar vengono fermati nei pressi del paese. I tedeschi vengono disarmati e costretti ad allontanarsi. Il primo italiano viene ucciso da una pattuglia tedesca che lo sorprende nel pomeriggio del 6 alla guida della moto. Nelle ore successive un reparto tedesco passa per il paese scortando dei militari americani prigionieri. Dei civili lanciano cibo e sigarette ma alcuni di loro vengono colpiti da raffiche di mitra sparate dai soldati di scorta. Nella notte tra il 6 ed il 7 il gruppo partigiano “Carosi” attacca il comando tedesco di Casale Nesbit (presso l’aeroporto di Piedilupo) disarmando e mettendo in fuga i militari tedeschi. L’attacco causa due morti tra i tedeschi. All’alba del 7 altri partigiani attaccano il campo di aviazione di Piedilupo, causando altri morti tra le truppe tedesche.
Il 7 giugno reparti delle SS entrano in paese ma vengono accolti da alcuni partigiani che piazzati sulla torre campanaria sparano ferendo un milite. Poco dopo il gruppo di fuoco partigiano viene eliminato con l’ausilio di una autoblinda, mentre altri reparti di SS entrano in paese cominciando un vasto rastrellamento che porta alla fucilazione di 32 persone. Gli ultimi caduti vengono uccisi il giorno 8.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: Le ricostruzioni e le testimonianze sono piuttosto confuse. Secondo il saggio di Bruno Di Porto le vittime complessive sarebbero 42, ma l’elenco di morti pubblicato tra i documenti del saggio ne enumera 33.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Memoria fortemente divisa sul ruolo dei partigiani, accusati da una parte di essere comuni banditi, dall’altra di aver provocato i tedeschi e, quindi, la strage.

Scheda compilata da Amedeo Osti Guerrazzi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-14 01:02:47

Vittime

Elenco vittime

1. Anselmi Plinio, n.1892
2. Bernardini Biagio, n.1926;
3. Bruni Delia, n.1898
4. Buzi Silvestro, n.1928
5. Ceccarelli Domenico, n.1925;
6. Ceccarelli Terenzio, n.1902;
7. Cioccolini Enrico, n.1887
8. Coaccioli Benvenuto, n.1896
9. Ermeti Luigi, n.1903
10. Farnielli Cesare, n.1908;
11. Fochetti Filippo, n.1923;
12. Gazzarini Irnerio, n.1928;
13. Gionfra Elio, n.1914;
14. Latini Carlo, n.1909;
15. Lisi Ottavio, n.1923;
16. Marcucci Luigi, n.1891;
17. Mastrangeli Angelo, n.1905;
18. Mastrangeli Stanislao, n.1902;
19. Mecozzi Pericle, n.1874;
20. Pacelli Onorio, n.1906;
21. Pacelli Renato, n.1916;
22. Pangrazi Pompeo, n.1901;
23. Porta Ottavio, n.1921;
24. Santori Emilio, n.1892;
25. Soprani Mario, n.1927;
26. Stefani Domenico, n.1883;
27. Tedeschini Raffaele, n.1885;
28. Testa Giuseppe, n.1887;
29. Testini Alfredo, n.1887;
30. Testini Gregorio, n.1890;
31. Tretta Paolo, n.1925;
32. Tusoni Evaristo, n.1905;
33. Olivieri Vittorio, n.1907;

Elenco vittime civili 32

Elenco vittime militari 1

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Comune di Vignanello

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Comune di Vignanello

    Descrizione: All’interno del Comune di Vignanello è posta una targa a ricordo delle vittime

  • commemorazione a Vignanello

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Vignanello

    Anno di realizzazione: 2014

    Descrizione: La strage è stata commemorata ufficialmente per la prima volta dal Comune il primo giugno 2014 con una tavola rotonda ed uno spettacolo teatrale.

Bibliografia


Bruno Di Porto, La Resistenza nel viterbese, in “Quaderni della Resisenza laziale”, n.3, 1977, pp.9-60;
Tommaso Marini, Quelle vite spezzate. L’eccidio del Corpus Domini. Vignanello, giugno 1944, Vallerano, s.e., 2014.

Sitografia


http://www.anpi.it/media/uploads/patria/2009/1/22-24_CALISTI.pdf;
http://www.ilpuzzoloso.com/7-fregnevarie/memoria_abate_bracci.htm

Fonti archivistiche

Fonti