POSTIGNANO SELLANO 04.04.1944

(Perugia - Umbria)

POSTIGNANO SELLANO 04.04.1944

POSTIGNANO SELLANO 04.04.1944
Descrizione

Località Postignano, Sellano, Perugia, Umbria

Data 4 aprile 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: Due sono i problemi che inficiano l'esatta ricostruzione dell'episodio:
DATA: le fonti analizzate (sia memorialistica che documenti) riportano chi il 4, chi il 5 aprile; come riscontri oggettivi, la stele in loro memoria indica il 4, mentre i certificati di morte forniti dal Comune di Sellano il 5. In tale caso potrebbe trattarsi di una tardiva registrazione del decesso, dato che, con certezza, i cadaveri sono stati recuperati e composti il giorno successivo alla fucilazione. Si propende quindi per il 4 aprile 1944 come data della fucilazione.
AUTORI: non è del tutto fuori luogo sospettare che gli autori della fucilazione non siano i militari tedeschi impegnati nel grande rastrellamento in atto in quei giorni. Questo perché, oltre ad essere accertato che vi sia una partecipazione marginale e minoritaria di forze armate o di polizia della RSI già a partire dal 31 marzo, una loro presenza vi è con certezza a margine del passaggio dei tedeschi (e successivamente ad esso, mentre il rastrellamento prosegue in altri territori limitrofi), con catture e trasferimenti in carcere a Perugia, generalmente effettuate senza alcun criterio o ordine, in maniera totalmente casuale. Si ritiene comunque, vista anche l'analogia con altri casi verificatisi in occasioni analoghe in altre parti dell'Umbria e a breve distanza di tempo, che (oltre alla cattura, che è ovvio) inizio del trasporto verso Perugia e fucilazione siano avvenute a cura dei tedeschi. Nessuna delle fonti analizzate, sebbene non vengano mai specificati gli autori dell'eccidio, fa esplicito riferimento ad una fucilazione eseguita dalla GNR. Ulteriore conferma di una responsabilità tedesca può risiedere nel fatto che i cinque provengano dalla massa di rastrellati concentrati a Cerreto di Spoleto. Questa località è strategica nella viabilità, perché – posta lungo la statale della Valnerina – in corrispondenza della frazione a valle Borgo Cerreto si incrociano le strade che portato una verso Foligno (via, appunto, Sellano), l'altra verso Norcia e Cascia da un lato, Monteleone di Spoleto e Leonessa dall'altro. A Borgo Cerreto, già dal 1 aprile 1944, viene posizionato dai tedeschi il comando tattico dell'operazione di rastrellamento.

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-03-01 10:00:29

Vittime

Elenco vittime

Cesarini Salconi Enrico, nato a Spoleto (Perugia) il 18/11/1924, già militare in un reparto di artiglieria; riconosciuto partigiano della brigata “Melis” dal 01/03/1944 al 05/04/1944, «militare, caduto in combattimento».
Petrioli Eugenio, nato a Campello sul Clitunno (Perugia) il 07/05/1923, già militare; riconosciuto partigiano della brigata “Melis” dal 01/01/1944 al 04/04/1944, «militare, fucilato».
Piras Luigi Angelo, nato ad Alghero (Sassari) il 07/05/1908, già militare in un reparto di paracadutisti, sbandato dopo l\'Armistizio; riconosciuto partigiano della brigata “Melis” dal 01/01/1944 al 03/04/1944, «militare, caduto in combattimento».
Tarantino (a volte, errato, Tarantini) Pasquale, di anni 20, nato a Napoli; riconosciuto partigiano della brigata “Melis” dal 01/02/1944 al 03/03/1944, «caduto in combattimento».
Valentini Adriano, nato a Roma nel 1916, coniugato con Maria Frazza; in base al certificato in possesso dei famigliari, risulta essere appartenuto alle formazioni \"Bandiera rossa\"

Elenco vittime partigiani 5

Cesarini Salconi.
Petrioli Eugenio.
Piras Luigi.
Tarantino Pasquale.
Valentini Adriano.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Banden-Bekämpfungs-Stab von Kamptz

Tipo di reparto: Polizei

I./SS-Polizei-Regiment 20

Tipo di reparto: Polizei

II./Regiment 3. “Brandenburg”

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Alarmeinheiten/Platzkommandantur Rieti/14. Armee

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Luftwaffe reparto non precisato


Appartenenza: Luftwaffe

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Jürgen Kamptz von

    Nome Jürgen

    Cognome Kamptz von

    Ruolo nella strage Autore

    Note responsabile SS Gruppenführer.

    Nome del reparto nazista Polizei

    Nome del reparto Banden-Bekämpfungs-Stab von Kamptz

  • Werner Wilcke

    Nome Werner

    Cognome Wilcke

    Ruolo nella strage Autore

    Note responsabile SS Sturmbannführer.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • altro a Sellano, Postignano.

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Sellano, Postignano.

    Descrizione: Sul luogo della fucilazione esiste una stele, con indicati i nomi delle cinque vittime, eretta il 25 aprile 1992 per volontà dei Comuni di Sellano e Spoleto.

Bibliografia


Don Giuseppe Boccanera, Memorie personali della Resistenza, [s.n.t.], pp. 57-58.
Paolo Raspadori (a cura di), L'autorità debole. Il Comitato di Liberazione Nazionale di Spoleto attraverso i verbali delle sue riunioni (1944-1945), CRACE, Perugia, 2003, p. 8.
Tommaso Rossi, Tracce di memoria. Guida ai luoghi della Resistenza e degli eccidi nazifascisti in Umbria, Isuc, Perugia; Editoriale Umbra, Foligno, 2013, pp. 704-705, 759.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.

Fonti archivistiche

Fonti

AS Isuc, ANPI Terni, Resistenza/Liberazione, b. 2, Riconoscimento qualifiche (1946-1948).
AS Perugia, Cln provinciale, b. 13, f. 67, sf. O, cc. 2-8 «Elenco degli effettivi della brigata Melis», in particolare cc. 4, 6.
SC Sellano, RAM 1944.
Archivio famiglia Valentini