PIETRALUNGA 10.07.1944

(Perugia - Umbria)

PIETRALUNGA 10.07.1944

PIETRALUNGA 10.07.1944
Descrizione

Località Pietralunga, Pietralunga, Perugia, Umbria

Data 10 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Sin dagli ultimi giorni di giugno 1944 Pietralunga vive in una condizione di sostanziale permanenza sulla linea del fronte, con frequenti avvicendamenti dei reparti tedeschi e sporadiche puntate, presso i partigiani, di manipoli di militari alleati. Il 10 luglio giunge improvvisamente nella piazza centrale (oggi piazza 7 maggio 1944) una pattuglia della Wehrmacht con alla testa un capitano, comandante del reparto in quel momento di stanza in zona, che ordina di radunare tutti gli uomini ancora presenti in paese, che ritiene responsabili dei colpi che continuano a subire per colpa dei partigiani. Si presentato in sessanta e ad un soldato, già prigioniero della “San Faustino Proletaria d'Urto”, viene ordinato di indicarne sei da considerare senza dubbio partigiani. Questi sono immediatamente messi al muro dell'antica rocca longobarda per la fucilazione; all'esplosione di rabbia di donne e anziani presenti segue il pronto arrivo dell'arciprete don Pompilio Mandrelli, che offre la sua vita giurando sull'innocenza dei sei. Il capitano ritorna sulla sua decisione, stabilendo comunque di considerali ostaggi con l'ordine di presentarsi ogni giorno in piazza per l'appello e garantendone la fucilazione in caso di nuovi atti ostili (la quasi immediata fuga di uno dei sei, a quanto pare uno sfollato da altra regione, rischia di compromettere tutto). Proprio nelle fasi più concitate della discussione il segretario comunale Francesco Sette sta risalendo in città e, temendo che sia in corso una rappresaglia, si dà alla fuga. Viene visto da un militare che lo atterra con una raffica; ai presenti la ferita non sembra letale, se nonché l'impossibilità di prestargli cure e la totale assenza di medicinali lo porta rapidamente alla morte.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata

Scheda compilata da Tommaso Rossi, Alvaro Tacchini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-14 22:20:00

Vittime

Elenco vittime

Sette Francesco di Berardino, nato il 29/11/1905 a Pizzoli (L’Aquila) e residente a Pietralunga, segretario comunale, coniugato con Clara Gentile; riconosciuto partigiano della brigata San Faustino Proletaria d\'Urto, senza indicazioni temporali, «fucilato il 10 luglio 1944».

Elenco vittime civili 1

Sette Francesco.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Annuali e molto partecipate come in tutta l\'alta valle del Tevere. A Pietralunga in particolare, un momento di partecipata commemorazione è anche il 7 maggio, anniversario del rastrellamento.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Anno di realizzazione: 1952

    Descrizione: Pietralunga è città decorata di medaglia di bronzo al Valore militare per la Resistenza, con decreto del presidente della Repubblica Luigi Einaudi del 3 ottobre 1952: «Durante l\'occupazione tedesca, susseguente all\'armistizio, la popolazione di Pietralunga, con patriottica ed animosa decisione, sosteneva la resistenza dei suoi figli migliori che avevano preso le armi nella lotta partigiana. Venuto a trovarsi sulla linea del fronte preso e ripreso nel fluttuare della lotta, da alleati e tedeschi, il Comune di Pietralunga, subiva devastazioni e rappresaglie senza mai deflettere dal patriottico atteggiamento – Pietralunga, settembre 1943-28 luglio 1944».

  • altro a Pietralunga

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Pietralunga

    Anno di realizzazione: 1954

    Descrizione: Stele ai Caduti per la Libertà, Pietralunga (1954).

  • luogo della memoria a 1983

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: 1983

    Descrizione: “Monumento e parco al Partigiano umbro”, Pietralunga, realizzato per volontà della Regione Umbria nel 1983.

Bibliografia


? Comune di Pietralunga, Pietralunga “zona libera”. Pietralunga – settembre 1943-luglio 1944, Pietralunga 1954.
Don Pompilio Mandrelli, Pietralunga. I giorni della Resistenza. Settembre 1943-luglio 1944, Edizioni Nemo, s.l., 1974; [don Pompilio era l'arciprete di Pietralunga, largamente impegnato con i partigiani e soprattutto nella mediazione fra le varie forze in campo nel travagliato periodo attraversato da Pietralunga fra la fine di aprile e la fine di luglio – è fonte più che credibile].
Pierino Monaldi (a cura di), Il sangue versato. Caduti militari e civili dell'Alta Valle del Tevere nella seconda guerra mondiale, Sabbioni, Città di Castello 2004, p. 114.
Tommaso Rossi, Tracce di memoria. Guida ai luoghi della Resistenza e degli eccidi nazifascisti in Umbria, Isuc, Perugia; Editoriale Umbra, Foligno 2013, pp. 301-303, 362-364.
Alvaro Tacchini, Guerra e resistenza nell’alta Valle del Tevere 1943-44, Petruzzi, Città di Castello, 2015, di prossima pubblicazione.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.

Fonti archivistiche

Fonti

AS Isuc, ANPI Terni, Resistenza/Liberazione, b. 2 «Riconoscimento qualifiche 1946-1948».