FORTE BRAVETTA ROMA 30.12.943

(Roma - Lazio)

FORTE BRAVETTA ROMA 30.12.943

FORTE BRAVETTA ROMA 30.12.943
Descrizione

Località Forte Bravetta, Roma, Roma, Lazio

Data 30 dicembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Il 20 dicembre 1943, durante un’operazione di polizia le SS tedesche di via Tasso, guidate dal collaboratore italiano Federico Scarpato, irrompono in un appartamento di Corso Sempione e arrestano Italo Grimaldi, del PCI di Montesacro/Valmelaina. Successivamente si recano nelle abitazioni di altri due partigiani dello stesso gruppo, Riziero Fantini e Antonio Feurra, li arrestano e li malmenano; poi li portano nel carcere di via Tasso. Il 30 dicembre, su ordine del Tribunale di guerra tedesco, i tre vengono fucilati a Forte Bravetta.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da AMEDEO OSTI GUERRAZZI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-12-26 23:50:50

Vittime

Elenco vittime

1. Fantini Riziero, nato a Coppito il 6 aprile 1892, operaio, partigiano; appartenente al PCI di Val Melaina;
2. Feurra Antonio, nato a Cagliari il 22 settembre 1893, fruttivendolo, partigiano, appartenente al PCI di Val Melaina;
3. Grimaldi Italo, nato a Budrio il 5 settembre 1899, macellaio, partigiano, appartenente al PCI di Val Melaina.

Elenco vittime partigiani 3

Fantini Riziero,
Feurra Antonio,
Grimaldi Italo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Militärgericht Rom

Tipo di reparto: Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Forte Bravetta, Roma

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Forte Bravetta, Roma

    Descrizione: Lapide ai caduti di Forte Bravetta esposta all’ingresso del Forte stesso.

Bibliografia


Augusto Pompeo, Forte Bravetta. Una fabbrica di mrte dal fascismo al primo dopoguerra, Odradek, Roma, 2012.

Sitografia


Riziero Fantini, in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=718], url consultata il 28 settembre 2018

Fonti archivistiche

Fonti