PIETRAGAVINA, VARZI, 10.07.1944

(Pavia - Lombardia)

PIETRAGAVINA, VARZI, 10.07.1944

PIETRAGAVINA, VARZI, 10.07.1944
Descrizione

Località Pietragavina, Varzi, Pavia, Lombardia

Data 10 luglio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: Per vendicare la morte di Alberto Guido Alfieri, comandante della polizia autonoma Sichereit, ucciso per errore da un suo milite, viene compiuta una rappresaglia a Crociglia. Sono catturati alcuni giovani: Giovanni Ballerini di Camillo viene immediatamente fucilato, il 9 luglio, perché trovato in possesso di un’arma, gli altri quattro verranno giustiziati il 10 nei pressi di Pietragavina (Varzi) ove Alfieri era stato ferito. Non sembra trattarsi di combattimento. Altri giovani sono arrestati.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Nei documenti fascisti non viene citato un quinto fucilato (uno solo dei due Ballerini). Ugo Scagni non dà tra gli uccisi Antonio Corradi, il cui nome non compare neppure sul cippo nel luogo della fucilazione a Pietragavina.

Cfr. scheda dell’episodio di Crociglia di Zavattarello del giorno precedente

Scheda compilata da MARIA ANTONIETTA ARRIGONI E MARCO SAVINI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-12 14:03:31

Vittime

Elenco vittime

Ballerini Giovanni di Luigi, nato a Zavattarello il 24 luglio 1916. GL
Corradi Antonio, 1919 (?) GL
Fiori Stefano, nato il 29 gennaio 1922 a Zavattarello, GL
Giannuzzi Arturo, nato l’8 agosto 1924 a Zavattarello, GL

Elenco vittime partigiani 4

Ballerini Giovanni di Luigi,
Corradi Antonio,
Fiori Stefano,
Giannuzzi Arturo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Polizia autonoma Sicherheits-Abteilung

Tipo di reparto: Reparto speciale

Memorie
Bibliografia


Giulio Guderzo, L’altra guerra. Neofascisti, tedeschi, partigiani, partigiani, popolo in una provincia padana. Pavia 1943 – 1945, Il Mulino, Bologna, 2002, p . 221.
Ugo Scagni, La Resistenza e i suoi caduti tra il Lesima e il Po, Guardamagna, Varzi, 20002, pp. 31, 67, 127, 128, 375.
Ugo Scagni, La Resistenza scolpita nella pietra, Guardamagna, Varzi, 2003, pp. 12, 36, 121, 169, 170, 458.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AS Milano. Carceri giudiziarie di Milano, Registri d’iscrizione dei detenuti, n. 230, Antonio Fiori, nato nel 1920, viene inviato il 7 febbraio 1945 in un campo di lavoro in Germania.
ISREC Pavia, Fondo Turri, c. 7, f. Ballerini ed altri fucilati
Istituto Gramsci di Roma, Archivio Brigate Garibaldi, Lo, c. 1, f. 9, d. 011496-8, In un elenco di prigionieri proposti per uno scambio dai partigiani il 17 novembre 1944 compaiono i nomi di Antonio Corradi e Antonio Fiori, in carcere a Pavia e di Luigi Frassone, in carcere a Milano, tutti arrestati a Crociglia.