PIZZOLO, SANTA GIULETTA, 06.02.1945

(Pavia - Lombardia)

PIZZOLO, SANTA GIULETTA, 06.02.1945

PIZZOLO, SANTA GIULETTA, 06.02.1945
Descrizione

Località Santa Giuletta, Santa Giuletta, Pavia, Lombardia

Data 6 febbraio 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Ecco la ricostruzione della vicenda tratta dalla cronaca del processo a carico del delatore Onofrio Stoppini.
“Lo si dice inasprito da un furto perpetrato in suo danno da alcuni partigiani: sono stati loro a sottrargli, a quanto si dice, un cavallo e il carretto. Per questo motivo egli ha dovuto allontanarsi dal paese medesimo e rimanervi assente per qualche tempo. C’è anche chi l’ha sentito, in questa occasione, proferire delle oscure minacce all’indirizzo di tutto il paese e dei suoi abitanti. Adesso è tornato a S. Giuletta, è in servizio e veste la divisa. Tutti hanno paura di lui: lo si ritiene «influente» e i poveri diavoli gli si vanno a raccomandare. È il caso di due giovani renitenti al governo repubblicano, i quali, tramite i loro parenti, fanno richiedere allo Stoppini una raccomandazione per entrare alla Todt. Ma egli si dichiara impossibilitato a favorirli ed offre viceversa l’iscrizione e il servizio nella G.N.R. Gli eventi hanno un corso diverso. I due giovani non si danno per vinti, chiedono e ottengono (...) di entrare alla Todt. (...) È la sera del 25 febbraio ed essi si trovano a casa in permesso. È nevicato in modo abbondante e le strade sono pressoché impraticabili. Ma l’indomani alle sei bisogna partire. (...) l’abitazione del Barbieri è circondata. Una finestra del piano di sopra è sfondata e il Fughini, uno dei più crudeli scherani della Sicherheitz, piomba nella stanza, intima ai terrorizzati presenti di aprire e al giovane Remo di alzarsi e venire con loro. A nulla valgono i documenti esibiti e comprovanti la sua regolare appartenenza alla Todt. Trascinato fuori dall’abitazione il giovane semisvenuto dalla paura, la macabra schiera si dirige alla casa del Mezzadra. Si ripete la medesima scena, con la seguente appendice: i due disgraziati vengono spinti alla finestra del piano superiore e costretti a cantare «bandiera rossa» e a salutare col pugno chiuso… la notte. Poco dopo sulla strada che porta a Mornico, una scarica di mitra abbatte i due innocenti”

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: La squadra era guidata da Livio Campagnolo, ucciso in uno scontro con i partigiani il 14 febbraio 1945. Ne faceva parte anche Lilio Aloisi, deceduto prima dei processi del dopoguerra.
Onofrio Stoppini, di Santa Giuletta, telefonista della G.N.R, a Casteggio, viene accusato di essere il mandante dell’uccisione da parte della Sichereit dei due giovani del suo paese .
Stoppini subisce una condanna a morte dalla Corte d’assise straordinaria di Voghera il 18.7.45, ma viene poi amnistiato il 29.3.47.
Tribunale competente:Corte d’assise straordinaria di Voghera

Scheda compilata da MARIA ANTONIETTA ARRIGONI E MARCO SAVINI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-12 20:23:03

Vittime

Elenco vittime

Barbieri Remo, 28 luglio 1921, Mornico Losana, residente a Santa Giuletta. Operaio.
Mezzadra Gino, 17 agosto 1922, S. Giuletta. Contadino.

Elenco vittime sbandati 2

Barbieri Remo,
Mezzadra Gino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Polizia autonoma Sicherheits-Abteilung

Tipo di reparto: Reparto speciale

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Onofrio Stoppini

    Nome Onofrio

    Cognome Stoppini

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Onofrio Stoppini, di Santa Giuletta, telefonista della G.N.R, a Casteggio, viene accusato di essere il mandante dell’uccisione da parte della Sichereit dei due giovani del suo paese

    Note procedimento Stoppini subisce una condanna a morte dalla Corte d’assise straordinaria di Voghera il 18.7.45, ma viene poi amnistiato il 29.3.47. Tribunale competente:Corte d’assise straordinaria di Voghera

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Santa Giuletta, Pizolo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Santa Giuletta, Pizolo

    Descrizione: Una stele ricorda i fucilati nel luogo dell’uccisione.

Bibliografia


Giulio Guderzo, L’altra guerra. Neofascisti, tedeschi, partigiani, partigiani, popolo in una provincia padana. Pavia 1943 – 1945, Bologna, Il Mulino, 2002, p. 693.
I processi alla «Corte Straordinaria d’Assise» di Voghera, Voghera, Ed. Cronache dell’Oltrepò, 1945, Documentario n. 1, pp. 9-10.
Ugo Scagni, La Resistenza e i suoi caduti tra il Lesima e il Po, Varzi, Guardamagna, 20002, pp. 57, 344, 377, 429.
Ugo Scagni, La Resistenza scolpita nella pietra, Varzi, Guardamagna, 2003, pp. 95, 346, 349.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ACS, M.G.G., Collaborazionisti, b. 22.