Doberdò del Lago 15-1-1944

(Gorizia - Friuli-Venezia Giulia)

Doberdò del Lago 15-1-1944

Doberdò del Lago 15-1-1944
Descrizione

Località Doberdò del Lago, Doberdò del Lago, Gorizia, Friuli-Venezia Giulia

Data 15 gennaio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 6

Numero vittime uomini adulti 6

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne senza informazioni 1

Descrizione: Il 15 gennaio 1944 giunge nel Paese di Doberdò del Lago una colonna motorizzata tedesca che dopo aver circondato il paese e bloccato ogni via di accesso, costringe gli abitanti a radunarsi nella Piazza del Municipio. Tra i militi tedeschi c’è anche Walter Gherlaschi, ex partigiano del “Battaglione Triestino” che dopo la cattura si era messo a collaborare con le forze di occupazione. Lui stesso indica ai tedeschi sei uomini e una donna appartenenti al movimento di Resistenza che vengo subito fermati e rinchiusi in una casa disabitata del paese dove vengono interrogati e picchiati. Solo dopo alcune ore gli abitanti radunati in piazza vengono autorizzati a rientrare nelle loro case. In serata i tedeschi trasferiscono i sette nella casa della famiglia Jelen che, prima di lasciare il paese, fanno saltare in aria con la dinamite.
Per alcuni giorni i parenti degli scomparsi, convinti che i loro congiunti fossero stati deportati si recano al comando tedesco in cerca di informazioni. Il 9 febbraio gli abitanti del paese, scavando tra le macerie, riportano alla luce i sette cadaveri.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Giorgio Liuzzi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-06 09:45:14

Vittime

Elenco vittime

1. Ferfoglia Emilio, nato a Doberdò del Lago il 20.05.1924, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
2. Gergolet Giuseppe, nato a Staranzano il 28.10.1918, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino.
3. Jarc Beniamino, nato a Doberdò del Lago il 13.05.1913, residente a Doberdò del Lago, coniugato, operaio. Partigiano Btg. Triestino.
4. Lakovi? Rodolfo, nato a Doberdò del Lago il 22.06.1925, residente a Doberdò del Lago, celibe, carpentiere. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
5. Marusi? Giuseppe, nato a Doberdò del Lago il 18.08.1914, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
6. Žuži? Andrea, nato a Doberdò del Lago il 29.07.1913, residente a Doberdò del Lago, coniugato, commerciante. Partigiano Intendenza «Montes».
7. Tomažin?ic Matilde non meglio identificata.

Elenco vittime civili 1

Tomažin?ic Matilde non meglio identificata.

Elenco vittime partigiani 6

1. Ferfoglia Emilio, nato a Doberdò del Lago il 20.05.1924, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
2. Gergolet Giuseppe, nato a Staranzano il 28.10.1918, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino.
3. Jarc Beniamino, nato a Doberdò del Lago il 13.05.1913, residente a Doberdò del Lago, coniugato, operaio. Partigiano Btg. Triestino.
4. Lakovi? Rodolfo, nato a Doberdò del Lago il 22.06.1925, residente a Doberdò del Lago, celibe, carpentiere. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
5. Marusi? Giuseppe, nato a Doberdò del Lago il 18.08.1914, residente a Doberdò del Lago, celibe, operaio. Partigiano Btg. Triestino del Carso.
6. Žuži? Andrea, nato a Doberdò del Lago il 29.07.1913, residente a Doberdò del Lago, coniugato, commerciante. Partigiano Intendenza «Montes».

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Walter Gherlaschi

    Nome Walter

    Cognome Gherlaschi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile “Bleki” ex partigiano del “Battaglione Triestino” dopo essere stato catturato dai tedeschi si mette al loro servizio come collaboratore e spia.

Memorie
Bibliografia


Luciano Patat, Percorsi della Memoria Civile. La resistenza nella Provincia di Gorizia, IFSML, Udine, 2005.

A. Buvoli - F. Cecotti - L. Patat (a cura di), Atlante storico della lotta di liberazione italiana nel Friuli Venezia Giulia: una Resistenza di confine, 1943-1945, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione - Centro Isontino di ricerca e documentazione storica e sociale L. Gasparini - Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia - Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione e dell’età contemporanea, Udine-Gradisca d’Isonzo-Trieste-Pordenone, 2006.

Giovanni Angelo Colonnello, Guerra di Liberazione in Friuli-Venezia Giulia – Zone Jugoslave, s.e., Udine, 1965.

Luciano Patat, Terra di frontiera. Fascismo, guerra e resistenza nell’Isontino e nella Bassa Friulana, Gorizia, 2002

Bruno Steffè, La lotta antifascista nel Basso Friuli e nell’Isontino, Vangelista Editore, Milano, 1975.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti