Opicina Trieste 26-5-1944

(Trieste - Friuli-Venezia Giulia)

Opicina Trieste 26-5-1944

Opicina Trieste 26-5-1944
Descrizione

Località Opicina, Trieste, Trieste, Friuli-Venezia Giulia

Data 26 maggio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: I due partigiani risultano essere fucilati presso il Poligono di tiro di Opicina. Il poligo¬no di tiro si trova sul lato sinistro della strada che da Opicina si diri¬ge al confine con la Slovenia (si raggiunge anche a piedi dal centro di Opicina)

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Giorgio Liuzzi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-11-03 10:52:19

Vittime

Elenco vittime

1. Lisiak Dusan (Dušan Lisjak), nato a Capriva (Gorizia) il 30.03.1925, residente a Trieste, celibe, partigiano della Brg. Garibaldi «Trieste», IV Btg. GAP.
2. Vrabec Giuseppe (Josip), nato a Capriva del Carso-Duttigliano (ora Slovenia) il 10.03.1922, residente a Trieste, celibe, partigiano della Brg. Garibaldi «Trieste» GAP.

Elenco vittime partigiani 2

1. Lisiak Dusan (Dušan Lisjak), nato a Capriva (Gorizia) il 30.03.1925, residente a Trieste, celibe, partigiano della Brg. Garibaldi «Trieste», IV Btg. GAP.
2. Vrabec Giuseppe (Josip), nato a Capriva del Carso-Duttigliano (ora Slovenia) il 10.03.1922, residente a Trieste, celibe, partigiano della Brg. Garibaldi «Trieste» GAP.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • luogo della memoria a

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Descrizione: In progetto. Il poligo¬no di tiro si trova sul lato sinistro della strada che da Opicina si diri¬ge al confine con la Slovenia (si raggiunge anche a piedi dal centro di Opicina). Tra il 1941 e il 1945 sul sito sono stati fucilati dai nazifascisti circa un centinaio di vittime, sloveni, italiani, croati. Oggi il poligono di tiro è ancora funzionante. Iniziative e interventi per la su abolizione al fine di una risistemazione monumentale del sito sono iniziate immediatamente dopo la fine della guerra. Il 15 luglio 2015, nella sede della Prefettura di Trieste, è stato raggiunto un accordo sulla sistemazione dell\'area commemorativa adiacente al Poligono di Tiro di Opicina. Gli enti (rappresentanti dell\'autorità militare, dell\'Agenzia del Demanio, dell\'Unione Tiro a Segno Nazionale, dell\'Associazione nazionale partigiani italiani - Anpi - e della \'comune di Opicina\') hanno partecipato al tavolo tecnico che ha studiato le ipotesi progettuali tra le quali, informa la Prefettura, è stata scelta quella che prevede la totale separazione della zona destinata all\'area commemorativa - che sarà ampliata e avrà un accesso indipendente - da quella del poligono, attraverso la costruzione di un muro di divisione. La fase esecutiva del progetto e l\'affidamento dei lavori partiranno dopo il trasferimento dell’area in questione dal demanio militare al demanio civile (Agenzia Entrate) e poi al comune di Trieste

Bibliografia


Stanka Hrovatin, Nori Jeric (a cura di), 1944-2004. Giorni del Ricordo (Dnevni Spamina) - Opcine-Opici¬na, Biblioteca Pinko Tomaži? e As¬sociazione culturale slovena Tabor, Trieste/Trst 2004.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti