CELENZA VAL FORTORE, 05.10.1943

(Foggia - Puglia)

CELENZA VAL FORTORE, 05.10.1943

CELENZA VAL FORTORE, 05.10.1943
Descrizione

Località Celenza Val Fortore, Celenza Valfortore, Foggia, Puglia

Data 5 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime bambini 2

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: I tedeschi sono in fase di ripiegamento incalzati dall’esercito alleato. Il paese insorge contro i tedeschi.
Il ponte 13 archi sul fiume Fortore, una delle strutture più importanti per le comunicazioni con il Molise fu minato; il tentativo di alcuni cittadini e del maresciallo di artiglieria Nicola Loria di sminare il ponte determinò la rabbiosa reazione
Un diciassettenne e due bambini vengono uccisi dalle retrovie tedesche che aprirono il fuoco sui civili con mitragliatrici e artiglieria

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: ritirata

Annotazioni: Supervisione di Vito Antonio Leuzzi

Scheda compilata da CHIARA DOGLIOTTI E IGOR PIZZIRUSSO
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-10-24 09:25:17

Vittime

Elenco vittime

Esposito Corrado, 2 anni
Esposito Michele, 9 anni
Vaira Giovanni, 17 anni

Elenco vittime civili 3

Esposito Corrado
Esposito Michele
Vaira Giovanni

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Il M.llo Nicola Sernia, antifascista e organizzatore della lotta contro i nazifascisti, caduto mentre tentava di sminare la strada, viene insignito della Medaglia d’Oro al VM

Bibliografia


Vito Antonio Leuzzi, Giulio Esposito, L’8 settembre 1943 in Puglia e Basilicata. Documenti e testimonianze, Modugno, Edizioni del Sud, 2003.
Aldo Pedretti, La lunga vigilia della libertà. Antifascismo e resistenza in terra di Capitanata, Foggia, Comune di Foggia, 1970.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti