VIA COPERNICO 32, MILANO, 10.04.1944

(Milano - Lombardia)

VIA COPERNICO 32, MILANO, 10.04.1944

VIA COPERNICO 32, MILANO, 10.04.1944
Descrizione

Località Via Copernico 32, Milano, Milano, Lombardia

Data 10 aprile 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Arrestato il 7 aprile dall’Upi della GNR milanese e condotto nella sede di via Copernico 32, dove, per fiaccarne la resistenza, viene torturato anche sotto gli occhi della moglie. Muore tre giorni dopo con la gola squarciata da una stilettata.

Modalità di uccisione: arma da taglio

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da LUIGI BORGOMANERI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-04-26 08:37:04

Vittime

Elenco vittime

1. Perotti Walter, nato a Milano il 24 luglio 1904. Operaio, comunista. Collaboratore della 1ª organizzazione Gap milanese (3ª brg Garibaldi Lombardia); nel gennaio 1944 trasferito al settore organizzativo Stampa e propaganda del Pci milanese

Elenco vittime partigiani 1

Perotti Walter

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Ufficio Politico Investigativo/GNR di Milano

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie
Bibliografia


Luigi Borgomaneri, Due inverni, un’estate e la rossa primavera. Le Brigate Garibaldi a Milano 1943-1945, Franco Angeli, Milano 1995
Luigi Borgomaneri, Li chiamavano terroristi. Storia dei Gruppi di azione patriottica milanesi 1943-1945, Milano, Unicopli, 2015.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Fondazione ISEC, Archivio Federazione del Partito comunista di Milano, Commissione federale di controllo, b. 54, fasc. 114, Biografie di caduti durante la lotta di liberazione. Il fascicolo contiene la testimonianza della moglie di Perotti, Virginia Sottocorno, sulle torture inflitte al marito e sui maltrattamenti da lei subiti prima nella sede dell’Upi in via Copernico 32 e poi nel carcere di San Vittore.