PERUGIA 11-15.02.1944

(Perugia - Umbria)

PERUGIA 11-15.02.1944

PERUGIA 11-15.02.1944
Descrizione

Località Cimitero civico, Perugia, Perugia, Umbria

Data 11 febbraio 1944 - 15 febbraio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Marcello Lisa, nato in una povera famiglia colonica di Deruta, ha prestato servizio in guerra (in Jugoslavia poi in Francia) fino all'Armistizio, con il grado di sergente. Rientrato a casa, si è arruolato nella 102. legione GNR ed è stato inviato in zona di operazioni sulla Maiella. Fuggito e tornato a Deruta, i genitori spingono affinché si ripresenti, temendo ulteriori rappresaglie dato che hanno già ricevuto minacce. In questi frangenti l'11 febbraio 1944 viene catturato in casa del fratello nel centro storico a Perugia (armato e in divisa secondo le ex autorità fasciste, disarmato e in borghese secondo il giudice e i familiari – nelle conclusioni del Procuratore generale si afferma che «sembra» che in casa sia stata trovata soltanto una rivoltella in condizioni tali da non potere funzionare), riconosciuto disertore e fucilato dalla Polizia repubblicana verso le 11:30 del 15 febbraio, legato ad un palo della luce poco fuori dal muro di cinta del Cimitero civico, a pochi passi dal tempio crematorio. Allorché il corpo viene presentato a due ufficiali sanitari del Comune, obbligati fino a quel momento ad attendere fuori dal cimitero, per registrare l'avvenuto decesso, questi si accorgono che non è ancora spirato. Il sottufficiale della Polizia Adolfo Matteucci (uno dei tre militi presenti all'esecuzione) estrae allora la pistola ed esplode il colpo di grazia, affermando «Mi è dispiaciuto sciupare un'altra pallottola perché avrebbe potuto servire per qualcun altro».

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Procedimento penale contro Matteucci Adolfo «Imputato […] per avere con tre colpi di pistola cagionato la morte di Lisa Marcello […]; per avere, quale sergente della Polizia Provinciale Repubblicana, collaborato militarmente col nemico sopprimendo il suddetto Lisa Marcello il quale aveva abbandonato il posto di milite del 102° Btg. Camicie Nere in zona d'impiego e circolava armato. In Perugia il 15-2-1944».

Annotazioni: Il 4 luglio 1945 la Corte d'Assise di Perugia dichiara Matteucci colpevole per entrambi i capi d'imputazione ma sulla base di conclusioni difformi da quelle del Giudice istruttore, ossia sostenendo la violazione di un altro articolo del Codice penale militare di guerra diverso, condannandolo quindi alla pena di morte mediante fucilazione alla schiena.
Come recita la motivazione della sentenza, «compiuta l'istruttoria formale […] il Procuratore Generale del Regno chiedeva il rinvio [...] a giudizio davanti a questa Corte di Assise per rispondere di omicidio aggravato […] e di collaborazione militare con il tedesco invasore […]. Senonché il Giudice Istruttore del Tribunale di Perugia, con sentenza 10 giugno 1945, ordinava il rinvio a giudizio del Matteucci per rispondere, oltre al delitto di omicidio aggravato, di semplice collaborazione politica con il nemico […]».

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-31 22:20:15

Vittime

Elenco vittime

Lisa Marcello, di Egisto e Tritoni Annunziata, nato a Deruta (Perugia) il 14 agosto 1921, ivi residente, contadino, celibe, milite GNR.

Elenco vittime disertori 1

Lisa Marcello.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Adolfo Matteucci

    Nome Adolfo

    Cognome Matteucci

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile sergente, nato a Passignano sul Trasimeno (Perugia) il 21 maggio 1912, riconosciuto reo di omicidio aggravato e collaborazione militare con il tedesco invasore, detenuto (dopo essere stato catturato dagli Alleati e consegnato successivamente alle autorità italiane; all\'emissione del mandato di cattura il 19 dicembre 1944 risultava ancora latitante) dal 6 aprile 1945, condannato a morte il 4 luglio successivo, fucilato alla schiena il 7 aprile 1946. Il suo avvocato difensore Carlo Vischia (rappresentante democristiano nel CLN provinciale di Perugia e presidente della Deputazione provinciale) aveva presentato ricorso in Cassazione, rigettato il 14 settembre 1945.

    Note procedimento Procedimento penale contro Matteucci Adolfo «Imputato […] per avere con tre colpi di pistola cagionato la morte di Lisa Marcello […]; per avere, quale sergente della Polizia Provinciale Repubblicana, collaborato militarmente col nemico sopprimendo il suddetto Lisa Marcello il quale aveva abbandonato il posto di milite del 102° Btg. Camicie Nere in zona d\'impiego e circolava armato. In Perugia il 15-2-1944».

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo di Perugia

  • Antonio Volpi

    Nome Antonio

    Cognome Volpi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile milite presente all\'esecuzione. Riparato al nord dopo la liberazione di Perugia, ucciso a Lecco il 28 aprile 1945

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo di Perugia

  • David Vantaggi

    Nome David

    Cognome Vantaggi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile seniore, capo dell\'UPI della Polizia provinciale repubblicana di Perugia.

    Note procedimento nel procedimento sull\'uccisione di Lisa viene assolto e successivamente amnistiato.

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo di Perugia

  • Sconosciuto Biscarini

    Nome Sconosciuto

    Cognome Biscarini

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile milite presente all\'esecuzione.

    Nome del reparto Ufficio Politico Investigativo di Perugia

Memorie
Bibliografia


Angelo Bitti, La guerra ai civili in Umbria (1943-1944). Per un Atlante delle stragi nazifasciste, Isuc, Perugia; Editoriale Umbra, Foligno, 2007, p. 113n.
Tommaso Rossi, Tracce di memoria. Guida ai luoghi della Resistenza e degli eccidi nazifascisti in Umbria, Isuc, Perugia; Editoriale Umbra, Foligno, 2013, pp. 140-142, 187, 223.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AS Perugia, Armando Rocchi, b. 3, f. 1, cc. 1-6 (documentazione processuale concernente Rocchi sta anche in AS Firenze, ATMT Firenze, Processi penali, f. 9130).
AS Perugia, Corte d\'Appello di Perugia, Processi penali, b. 21, f. 334.
Cimitero civico di Perugia, Registro delle tumulazioni.
SC Perugia, RAM 1944.