Via Ludovico Il Moro, Milano, 08.04.1945

(Milano - Lombardia)

Via Ludovico Il Moro, Milano, 08.04.1945

Via Ludovico Il Moro, Milano, 08.04.1945
Descrizione

Località Via Ludovico Il Moro, Milano, Milano, Lombardia

Data 8 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Arrestati su delazione e fucilati in via Lodovico il Moro in seguito a una fallita azione contro un fascista residente in via Giambellino.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: Paride Ruggioni, imputato per aver partecipato attivamente all'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di componente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne giudicato incolpevole il 25 marzo 1947 per non aver commesso il fatto e venne scarcerato.
Leonida della Bella, imputato per aver partecipato attivamente all'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di sergente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne ritenuto incolpevole per questo fatto.

Scheda compilata da Giovanni Scirocco e Luigi Borgomaneri
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-17 22:39:44

Vittime

Elenco vittime

1. Frazzei Giuseppe n. 29.9.1926 (113. Brigata Garibaldi)
2. Migliavacca Francesco (Giulio, Appartenente Alla 113. Brigata Garibaldi) n. 4.12.1924
3. Paschini Luciano n. 17.7.1927 (113. Brigata Garibaldi)

Elenco vittime partigiani 3

Frazzei Giuseppe,
Migliavacca Francesco,
Paschini Luciano

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


8. Brigata nera “Aldo Resega” di Milano

Tipo di reparto: Brigata Nera

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Leonida Della Bella

    Nome Leonida

    Cognome Della Bella

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Leonida Della Bella, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di sergente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne ritenuto incolpevole per questo fatto.

    Note procedimento Paride Ruggioni, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di componente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne giudicato incolpevole il 25 marzo 1947 per non aver commesso il fatto e venne scarcerato. Leonida della Bella, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di sergente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne ritenuto incolpevole per questo fatto.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 8. Brigata nera “Aldo Resega” di Milano

  • Paride Ruggioni

    Nome Paride

    Cognome Ruggioni

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Paride Ruggioni, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di componente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne giudicato incolpevole il 25 marzo 1947 per non aver commesso il fatto e venne scarcerato.

    Note procedimento Paride Ruggioni, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di componente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne giudicato incolpevole il 25 marzo 1947 per non aver commesso il fatto e venne scarcerato. Leonida della Bella, imputato per aver partecipato attivamente all\'uccisione di Francesco Migliavacca, Luciano Paschini e Giuseppe Frazzei in qualità di sergente della Brigata Nera “Aldo Resega”, venne ritenuto incolpevole per questo fatto.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 8. Brigata nera “Aldo Resega” di Milano

Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio di stato di Milano, Corte d’assise straordinaria di Milano, sentenza n. 50 del 25 marzo 1947