Greco, Milano, 15.07.1944

(Milano - Lombardia)

Greco, Milano, 15.07.1944

Greco, Milano, 15.07.1944
Descrizione

Località Greco, Milano, Milano, Lombardia

Data 15 luglio 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: In seguito a un nuovo sabotaggio contro un locomotore, avvenuto l’11 luglio 1944, i tedeschi fucilano per rappresaglia presso il deposito locomotive di Greco (Milano) i ferrovieri Mariani, Marzetti e Antonio Colombo, già arrestati su denuncia di delatori dopo il sabotaggio agli impianti e alle locomotive effettuato con bombe nella notte fra il 24 e il 25 giugno 1944 da appartenenti alla 3. brigata Garibaldi Gap.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione
Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove
Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove

Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

Scheda compilata da Giovanni Scirocco e Luigi Borgomaneri
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-17 15:03:34

Vittime

Elenco vittime

1. Colombo Antonio, n. a Monza il 2 ottobre 1901, ferroviere
2. Mariani Carlo, ferroviere
3. Marzetti Siro, n. a Milano il 27 agosto 1896, ferroviere

Elenco vittime antifasciste 3

Colombo Antonio,
Mariani Carlo,
Marzetti Siro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Angelo Salvioni

    Nome Angelo

    Cognome Salvioni

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione

    Note procedimento Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

  • Giovanni Bertotto

    Nome Giovanni

    Cognome Bertotto

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove

    Note procedimento Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

  • Giovanni Carlini

    Nome Giovanni

    Cognome Carlini

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove

    Note procedimento Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

  • Ugo Uggeri

    Nome Ugo

    Cognome Uggeri

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

    Note procedimento Salvioni Angelo, capo tecnico delle ferrovie, accusato di aver indicato ai fascisti i tre ferrovieri, fu condannato il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano a otto anni e 4 mesi di reclusione. La Corte di Cassazione il 2 aprile 1946 annullò senza rinvio la sentenza perché il fatto non era previsto dalla legge e ne ordinò la immediata scarcerazione Bertotto Giovanni, capo tecnico delle ferrovie, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Carlini Giovanni, capo del personale, accusato per non aver impedito il fatto, fu assolto il 17 settembre 1945 dalla Cas di Milano per insufficienza di prove Ugo Uggeri, imputato di aver preso parte al plotone che fucilò i ferrovieri Siro Marsetti, Antonio Colombo e Carlo Mariani, venne condannato il 7 luglio 1947 (anche per altri capi di imputazione) alla pena complessiva di trent’anni di reclusione. In data 29 novembre 1948 la Corte di Cassazione accolse il ricorso presentato e inviò il procedimento alla Corte di Assise di Pisa.

Memorie
Bibliografia


Luigi Borgomaneri, Hitler a Milano. I crimini di Theodor Saevecke capo della Gestapo, Datanews, Roma 1997, pp. 132-133
Cristina Palmieri, La libertà sulle rotaie. Tramvieri e ferrovieri a Milano dal fascismo alla Resistenza, Unicopli, Milano 2011

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio di stato di Milano, Corte d\'Assise straordinaria di Milano, Sentenza N. 180 del 17 settembre 1945, n. 102 del 7 luglio 1947