Piazza Garibaldi, Esine, 06.02.1945

(Brescia - Lombardia)

Piazza Garibaldi, Esine, 06.02.1945

Piazza Garibaldi, Esine, 06.02.1945
Descrizione

Località Piazza Garibaldi, Esine, Brescia, Lombardia

Data 6 febbraio 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Bigatti Bortolo, già arrestato nel dicembre 1944 dai Tedeschi del comando della Waffenschule Oberbehfelshaber Südwest di Boario Terme, viene scovato dal maresciallo Maraun e da diversi soldati, forse grazie ad una delazione, nell’osteria Rebaioli di Esine, verso le 20.15. Legato e condotto per le vie del paese alla ricerca di compagni partigiani, giunge insieme ai Tedeschi presso la propria abitazione che viene perquisita e messa a soqquadro. Trovato un mitra modello Beretta Mab38 sotto il suo letto, Bigatti viene quindi condotto in piazza Garibaldi. I Tedeschi cercano di caricarlo sul loro camion, ma il ragazzo si rifiuta di salire. A questo punto viene freddato da un colpo d’arma da fuoco che lo colpisce in pieno volto.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: punitivo
--> Per saperne di più sulle tipologie

Estremi e note penali: Processo verso ignoti con sentenza della procura Militare di Verona del 05/12/1968 attestante il non doversi procedere per essere rimasti ignoti i militari tedeschi che commisero il reato.

Annotazioni: Quasi sempre, dalle testimonianze, emerge il fatto che, la sera dell’uccisione di Bortolo Bigatti, fossero presenti anche elementi della G.N.R. del vicino comando di Breno. Dai documenti non risulta invece alcuna presenza di militari italiani. Tra i tedeschi sembra ci fossero italiani con divise germaniche.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Non è mai emerso un nome definitivo ad identificare la spia che segnalò ai tedeschi la presenza di Bortolo Bigatti nell’osteria. Negli anni dal dopoguerra ad oggi vi furono molte ipotesi ma mai nessuna confermata.

Scheda compilata da Andrea Cominini e Chiara Dogliotti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-25 15:51:22

Vittime

Elenco vittime

Bortolo Bigatti, nato a Esine il 21 febbraio 1945. Partigiano della “Brigata Lorenzini” della divisione “Tito Speri” delle Fiamme Verdi di Valle Camonica

Elenco vittime partigiani 1

Bortolo Bigatti

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Werner Paul Maraun

    Nome Werner Paul

    Cognome Maraun

    Ruolo nella strage Autore

    Stato nominativo generico o non identificato emerso da testimonianze orali

    Note responsabile Maresciallo, identificato come responsabile insieme alla sua truppa sulla base di testimonianze di singoli.

    Note procedimento Processo verso ignoti con sentenza della procura Militare di Verona del 05/12/1968 attestante il non doversi procedere per essere rimasti ignoti i militari tedeschi che commisero il reato.

    Nome del reparto nazista Waffen-SS

    Nome del reparto Waffenschule Oberbefehlshaber Südwest/Sicherungsabschnitt 16 (Boario Terme)

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a piazza Garibaldi, Esine

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: piazza Garibaldi, Esine

    Anno di realizzazione: 1955

    Descrizione: Lapide in piazza Garibaldi ad Esine (1955): “In questa piazza, con l’umile ma eroico sacrificio della sua vita, Bortolo Bigatti (Fiamma Verde) il 5 febbraio 1945 univa il suo nome alla fulgida schiera dei martiri della libertà.”

  • museo a Esine

    Tipo di memoria: museo

    Ubicazione: Esine

    Descrizione: Museo della Resistenza in Valgrigna, presso i locali del municipio di Esine.

  • commemorazione a Esine

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Esine

    Descrizione: Ogni 6 febbraio, piccola cerimonia in ricordo dell’accaduto.

Bibliografia


“La neve cade sui monti – Dal diario di un ribelle”, Tani Bonettini, 1975, El Caròbe

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2131
Archivio storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Brescia