CACIAFFO VALTOPINA 21.06.1944

(Perugia - Umbria)

CACIAFFO VALTOPINA 21.06.1944

CACIAFFO VALTOPINA 21.06.1944
Descrizione

Località Caciaffo, Valtopina, Perugia, Umbria

Data 21 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Circostanze ignote.
La data di morte è desunta dagli elenchi della Commissione regionale riconoscimento Partigiani dell'Umbria. Essendo il 21 giugno, in località al confine fra i comuni di Nocera Umbra e Valtopina, può verosimilmente trattarsi di un episodio connesso con la ritirata.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: indefinita

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-01 10:24:07

Vittime

Elenco vittime

Rondelli Vittorio, nato a Nocera Umbra (Perugia), residente a Valtopina, coniugato. Riconosciuto partigiano della IV brigata Garibaldi “Foligno” dal 01/11/1943 al 21/06/1944, «ucciso a Nocera».

Elenco vittime civili 1

Rondelli Vittorio.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Arturo Scanziani

    Nome Arturo

    Cognome Scanziani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Arturo Scanziani, nato a Milano il 7.7.1897. Qualifica: maggiore della Gnr.

    Note procedimento Imputato di concorso in 13 omicidi aggravati per avere concorso della fucilazione di Biancotto Francesco, Basso Attilio, D’Andrea Ernesto, Felisati Giovanni, Gressani Angelo, Gusso Enzo, Levorin Gustavo, Momesso Violante, Nardean Venceslao, Peruch Amedeo, Tamai Giovanni, Tronco Giovanni e Bertazzolo Stefano, la mattina del 28 luglio 1944 in Venezia commettendo il fatto con premeditazione e allo scopo di eseguire il delitto di collaborazione. Fece parte del Tribunale Straordinario che condannò a morte i 13 innocenti Con sentenza del 16 giugno 1948 la Cassazione annulla senza rinvio nei suoi confronti per amnistia.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto GNR di Venezia

Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti