Fontanella Grazioli, Casalromano, 29.04.1945

(Mantova - Lombardia)

Fontanella Grazioli, Casalromano, 29.04.1945

Fontanella Grazioli, Casalromano, 29.04.1945
Descrizione

Località Fontanella Grazioli, Casalromano, Mantova, Lombardia

Data 29 aprile 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime donne 2

Numero vittime donne adulte 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Alla fine di aprile la provincia è liberata e attraversata di colonne di tedeschi in ritirata. Una di queste, composta di circa 100 uomini, giunge nella località di Fontanella e si nasconde in un fosso aspettando che i partigiani si allontanino per riprendere il cammino. Mentre sono nascosti vengono visti da un gruppo di armati che li fanno segno di raffiche di mitragliatrice provocando la morte di 6 o 7 uomini. I superstiti si danno alla fuga e giunti nei pressi di una casa isolata, detta I Boschi, si fanno aprire con l’intenzione di vendicarsi dei loro morti. Aggrediscono la donna che, con il figlio di tre anni in braccio, era andata ad aprire la porta: le strappano il bambino e la uccidono a colpi di calcio di fucile. Salgono ai piano superiore e allo stesso modo uccidono la suocera della donna. Il figlio di lei tenta di fuggire ma viene ucciso con una raffica a distanza ravvicinata nel granaio e poi defenestrato. Infine i militari imbrattano i muri, razziano le provviste e danno alle fiamme l’abitazione. Poi si allontanano portando con sé il bambino e in seguito abbandonandolo in un campo. Qui verrà ritrovato e messo in salvo da un passante.
Il fratello del Mariotti, avvertito dell’incendio, accorre sul posto, viene intercettato da un gruppo di tedeschi e ucciso con una raffica.
A questo punto un gruppo di patrioti apre le chiuse del canale in modo da tentare di salvare dal fuoco la cascina e di sbarrare la strada a eventuali sciacalli. Infine i tedeschi in ritirata vengono affrontati da un gruppo di partigiani e alleati e dopo un combattimento in cui perdono la vita molti tedeschi mentre non si hanno perdite dall’altra parte vengono infine costretti alla resa e fatti prigionieri

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: incendio di abitazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da Chiara Dogliotti e Igor Pizzirusso
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-12 07:20:45

Vittime

Elenco vittime

1. Bolsieri Adele, 56 anni, n. a Canneto il 24.04.1889
2. Ghiraldi Bruna, 35 anni, n. Pescarolo il 10.10.1910
3. Mariotti Ferruccio, 31 anni, n. a Casalromano il 29.03.1913
4. Mariotti Francesco, 34 anni, n. a Casalromano il 7.08.1911

Elenco vittime civili 4

Bolsieri Adele,
Ghiraldi Bruna,
Mariotti Ferruccio,
Mariotti Francesco,

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • altro a

    Tipo di memoria: altro

    Descrizione: Intitolazione di via ai fratelli Mariotti

Bibliografia


Carlo Benfatti, La resistenza della provincia mantovana. 1943-1945, Mantova, Editoriale Sometti, 2005.
Vanna Mignoli, 123^ La resistenza mantovana. 1943-45, Mantova, Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nel Mantovano, 1990.
Carlo Zaltieri, Dalla Prussia Orientale alla libertà, Trento, Artigianelli, 1990

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio privato Benfatti, Testimonianza di Luciana Bolsieri resa a Benfatti e Mignoli il 26.11.2003
Archivio privato Benfatti, Testimonianza di Giuseppe Dilda resa a Benfatti e Mignoli il 26.11.2003