DARFO, 13.10.1944

(Brescia - Lombardia)

DARFO, 13.10.1944

DARFO, 13.10.1944
Descrizione

Località Darfo, Darfo Boario Terme, Brescia, Lombardia

Data 13 ottobre 1944

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Descrizione: Catturati da reparti non identificati nella zona di Cerveno (Bs), durante un rastrellamento e tradotti a Darfo (Bs) venivano fucilati il 13.10.1944 nel locale cimitero dopo esser stati sottoposti a crudeli sevizie.
A Martino Guarinoni fu fatta scavare la fossa.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: sevizie-torture

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: C’è una disparità nella data tra le fonti. Inizialmente incluso nell'episodio del 16 ottobre, Albertinelli risulta invece ucciso in questo episodio in base ai dati raccolti dal Comune di Angolo Terme per l’inserimento del nome in uno dei monumenti ai caduti eretti nella zona,

Scheda compilata da Elena Pala e Luigi Borgomaneri
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-25 14:51:53

Vittime

Elenco vittime

Andrea Gelfi, fu Antonio e Zani lucia, nato a Breno (Bs) l’8.4.1914, residente a Breno, celibe, figlio unico, muratore, provvisto di licenza elementare, fante, l’8 settembre non era alle armi. Appartenente alla Brg. FFVV Giacomo Cappellini.
Lorenzo Pelamatti, di Bortolo e Ducoli Caterina, nato a Breno (Bs) il 28.8.1923, residente a Breno, celibe, tre fratelli, operaio, provvisto di licenza elementare, fante, ha partecipato alle operazioni di guerra nei Balcani; l’8 settembre, mentre era in servizio al CV btg. Mitraglieri di CA divizione Fanteria Bergamo dislocato in Croazia, si sottraeva alla cattura. Appartenente alla Brg. FFVV Giacomo Cappellini.
Martino Guarinoni, di Giovanni Maria e Ravazzoli Maddalena, nato a Cerveno (Bs) il 15.3.1924, residente a Cerveno, celibe, cinque fratelli, contadino, provvisto di licenza elementare, fante; l’8 settembre, mentre era in servizio al 67° reggimento Fanteria dislocato a Como, si sottraeva alla cattura. Appartenente alla Brg. FFVV Giacomo Cappellini.
Giuseppe Gelfi, di Nazzareno e Salvetti Margherita, nato a Breno (Bs) il 17.3.1926, residente a Breno, celibe, tre fratelli, operaio, provvisto di licenza elementare, non ha prestato servizio militare. Appartenente alla Brg. FFVV Ferruccio Lorenzini.
Albertinelli Raimondo, nato a Malegno 30.12.1920, contadino celibe. Artigliere,. Appartenente alla brigata Fiamme Verdi “Antonio Lorenzetti”, fu ferito e catturato nella zona di Cervino e poi tradotto a Darfo dove fu fucilato il 13 ottobre 1944 (dai dati raccolti dal Comune di Angolo Terme per l’inserimento del nome di Albertinelli in uno dei monumenti ai caduti eretti nella zona).

Elenco vittime partigiani 5

Andrea Gelfi,
Lorenzo Pelamatti,
Martino Guarinoni,
Giuseppe Gelfi,
Albertinelli Raimondo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Romolo Ragnoli, I caduti per la Resistenza in valle Camonica, in «La Resistenza Bresciana», 1981, n. 12, pp. 52-53, 57 e 72.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Storico della Resistenza bresciana e dell’Età contemporanea, Fondo Morelli, b. 33/b, maggio 1945.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Magiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2131
CPI 19/61, 19/62, RG 1822; 1823