SANTA VITTORIA MONTELEONE SABINO 24.04.1944

(Rieti - Lazio)

SANTA VITTORIA MONTELEONE SABINO 24.04.1944

SANTA VITTORIA MONTELEONE SABINO 24.04.1944
Descrizione

Località Santa Vittoria, Monteleone Sabino, Rieti, Lazio

Data 24 aprile 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 10

Numero vittime uomini 10

Numero vittime uomini adulti 8

Numero vittime uomini anziani 2

Descrizione: Il 24 aprile 1944, di primo mattino, viene rinvenuto il corpo senza vita di un militare tedesco diciannovenne, nei pressi della chiesa di Santa Vittoria e a breve distanza dall'abitazione di Felice Rossi. Il militare ucciso era solito da qualche settimana frequentare questa abitazione per acquistare generi alimentari e trascorrere il tempo libero con la moglie e le figlie di Rossi; recentemente, aveva anche chiesto ed ottenuto il servizio di lavargli la biancheria. Tra lui e la famiglia c'erano sempre stati rapporti sereni e cordiali.
In assenza del maggiore comandante del reparto di stanza a Monteleone, i suoi sottoposti iniziano a fermare chiunque si trovi casualmente a passare, a partire dalle 7 di mattina, per il luogo in cui giace il soldato morto. Non si sa con certezza quanti siano stati fermati, ma al suo rientro in paese il maggiore ordina l'immediata fucilazione per rappresaglia di dieci di loro, eseguita sul posto alle 19,30.
I dieci fucilati sono tutti uomini di Monteleone, tranne Fornara che stava tornando a piedi verso Varco Sabino, dove era nato e viveva, dopo essere stato a trovare alcuni parenti per portargli generi di conforto.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Vi sono anche notevoli incongruenze nelle ricostruzioni (in particolare fra quella delle due figlie di Rossi e quella del podestà, fornite entrambe alle autorità militari tedesche), soprattutto in merito all'autore dell'uccisione del soldato tedesco.

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-01 17:18:37

Vittime

Elenco vittime

Allegroni Angelo di Umberto, nato a Monteleone Sabino il 26/06/1905 e ivi residente.
Angelici Giuseppe di Antonio, nato a Monteleone Sabino il 17/03/1916 e ivi residente.
Bonanni Angelo di Giuseppe, di anni 31, nato a Monteleone Sabino e ivi residente.
Capitani Giovanni fu Antonio, nato a Monteleone Sabino il 16/06/1881 e ivi residente.
Fornara Egisto di Mariano, nato a Varco Sabino (Rieti) lo 08/04/1917, già militare a Roma fino all\'8 settembre 1943.
Lupi Giuseppe fu Angelo, di anni 40, nato a Monteleone Sabino e ivi residente.
Petrini Giuseppe fu Luigi, di anni 57, nato a Monteleone Sabino e ivi residente.
Petrini Luigi di Giuseppe, di anni 34, nato a Monteleone Sabino e ivi residente, figlio di Giuseppe.
Rossi Felice fu Domenico, di anni 45, coniugato e padre di sei figli, nato a Monteleone Sabino e ivi residente.
Tomassetti Angelo di Domenico, nato a Monteleone Sabino il 27/02/1911 e ivi residente.

Elenco vittime civili 10

Allegroni Angelo.
Angelici Giuseppe.
Bonanni Angelo.
Capitani Giovanni.
Fornara Egisto.
Lupi Giuseppe.
Petrini Luigi.
Rossi Felice.
Tomasetti Angelo.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Anno di realizzazione: 2005

    Descrizione: Con decreto del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in data 31 marzo 2005, la provincia di Rieti è stata decorata di medaglia d\'argento al Merito civile: «La Comunità provinciale del Reatino resisteva, con fierissimo contegno, all\'accanita

  • luogo della memoria a Monteleone Sabino, Santa Vittoria

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Monteleone Sabino, Santa Vittoria

    Descrizione: Sul luogo della fucilazione è stato realizzato un complesso, all\'interno di un\'area delimitata, con più cippi e una lapide. I cippi sono uno grande e gli altri piccoli a mo\' di tomba, uno ciascuno per le dieci vittime. Sono in tutto undici, perché ce n

Bibliografia


Antonio Cipolloni, La guerra in Sabina dall'8 settembre 1943 al 12 giugno 1944, Arti Grafiche Celori, Terni 2011, pp. 601-602, 718-728, 1026.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AS Rieti, Prefettura di Rieti, Gabinetto, bb. 192 e 203.