APOLEGGIA RIVODUTRI marzo 1944

(Rieti - Lazio)

APOLEGGIA RIVODUTRI marzo 1944

APOLEGGIA RIVODUTRI marzo 1944
Descrizione

Località Apoleggia, Rivodutri, Rieti, Lazio

Data 1 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Alcuni militari tedeschi, forzata la porta dell'abitazione del settantaduenne Romolo Bandini ad Apoleggia di Rivodutri, vi entrano e obbligano il proprietario, minacciandolo con una pistola, a consegnare due prosciutti. Usciti si danno alla fuga, sparando all'impazzata colpi di pistola, uno dei quali colpisce mortalmente il sessantenne Domenico Colarieti. Gli spari e le grida di Bandini attirano alcuni uomini di Apoleggia, fra cui Luigi Cecilia che riesce a bloccare il soldato responsabile dell'uccisione, poi prelevato da tre suoi commilitoni nel frattempo sopraggiunti e trasferito al comando per indagini.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Annotazioni: Secondo l'unica fonte bibliografica disponibile sull'episodio, sarebbe accaduto «nei giorni precedenti» alla Grossunternehmen gegen die Banden, iniziata il 31 marzo 1944, proprio dal territorio di Rivodutri e in particolare dalla frazione Apoleggia.

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-31 15:48:10

Vittime

Elenco vittime

Colarieti Domenico, di anni 60, residente ad Apoleggia nel comune di Rivodutri.

Elenco vittime civili 1

Colarieti Domenico

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Feldpostamt 36063

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Sconosciuto Kamba

    Nome Sconosciuto

    Cognome Kamba

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di indagine o di procedimento italiano

    Note responsabile sergente che ha dichiarato di essere in compagnia di altri due parigrado e di un soldato.

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto Feldpostamt 36063

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Rivodutri

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Rivodutri

    Anno di realizzazione: 1957

    Descrizione: Domenico Colarieti è fra gli 11 civili ricordati da una lapide che a Rivodutri ricorda civili e militari morti nella Seconda guerra mondiale (scoperta il 2 novembre 1957, adiacente a quella dedicata ai Caduti della Grande guerra) è stata successivamente r

  • cippo a Rivodutri, Apoleggia

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Rivodutri, Apoleggia

    Descrizione: Colarieti è ricordato anche nel cippo che ad Apoleggia accomuna tutti i 18 Caduti civili e militari delle due guerre mondiali, provenienti da quella frazione.

  • onorificenza alla città a Rieti

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Rieti

    Anno di realizzazione: 2005

    Descrizione: Con decreto del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in data 31 marzo 2005, la provincia di Rieti è stata decorata di medaglia d\'argento al Merito civile: «La Comunità provinciale del Reatino resisteva, con fierissimo contegno, all\'accanita

Bibliografia


Antonio Cipolloni, La guerra in Sabina dall'8 settembre 1943 al 12 giugno 1944, Arti grafiche Celori, Terni 2011, pp. 191-192.
Bruno Zenoni e Ambrogio Filipponi (a cura di), La Resistenza incisa nelle pietre. Documentazione del contributo di sangue per la libertà della Patria nel triangolo Umbro-Laziale-Marchigiano ove operò la Brigata Garibaldina “ANTONIO GRAMSCI”, ANPI Terni, Terni 1977, pp. 48-51.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.

Fonti archivistiche

Fonti

AS Rieti, Questura di Rieti, b. 17.