BELMONTE IN SABINA 16-23.04.1944

(Rieti - Lazio)

BELMONTE IN SABINA 16-23.04.1944

BELMONTE IN SABINA 16-23.04.1944
Descrizione

Località Belmonte in Sabina, Belmonte in Sabina, Rieti, Lazio

Data 16 aprile 1944 - 23 aprile 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: La sera del 16 aprile una pattuglia tedesca fa irruzione in una casa privata, situata in località imprecisata del comune di Belmonte in Sabina, dove si sta tenendo una festa da ballo. Alcuni giovani vengono perquisiti e condotti per accertamenti nel carcere di Rocca Sinibalda; con loro anche l\'ex carabiniere Livio Carnassale, trovato armato di pistola d\'ordinanza carica. Qualche giorno dopo vengono rimessi tutti in libertà, tranne Carnassale reo di violazione delle vigenti norme emanate dall\'alto comando tedesco sul porto di armi da fuoco (secondo una fonte viene anche trasferito nel carcere di Rieti). Carnassale viene ucciso dai tedeschi la mattina del 23 aprile, dopo essere stato riportato nei pressi dell\'abitazione dove era stato arrestato.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Scheda compilata da Tommaso Rossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-01 15:54:02

Vittime

Elenco vittime

Carnassale Livio (o Lino), ex carabiniere sbandato, nato a Rocca Sinibalda (Rieti) il 17/04/1915 e ivi residente, contadino.

Elenco vittime sbandati 1

Carnassale Livio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Con decreto del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in data 31 marzo 2005, la provincia di Rieti è stata decorata di medaglia d\'argento al Merito civile: «La Comunità provinciale del Reatino resisteva, con fierissimo contegno, all\'accanita

Bibliografia


Antonio Cipolloni, La guerra in Sabina dall\'8 settembre 1943 al 12 giugno 1944, Arti Grafiche Celori, Terni 2011, pp. 559-560, 564.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AS Rieti, Prefettura di Rieti, Gabinetto, bb. 181, 230.