TORPIANA, ZIGNAGO, 05-07.041944

(La Spezia - Liguria)

TORPIANA, ZIGNAGO, 05-07.041944

TORPIANA, ZIGNAGO, 05-07.041944
Descrizione

Località Torpiana, Zignago, La Spezia, Liguria

Data 5 aprile 1944 - 7 aprile 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Nel corso del rastrellamento italiano e tedesco contro i gruppi partigiani attivi intorno al monte Gottero iniziato il 4 aprile 1944 reparti italiani della X MAS investono nella mattinata del 5 aprile Torpiana di Zignago, allora centro dell'organizzazione militare clandestina del Partito d'Azione nello spezzino. Inizialmente i rastrellatori sparano contro ogni persona sospetta e verso le finestre delle case trovate aperte, mentre la popolazione del paese si da in buona parte alla fuga. Due persone sono ferite nell'area circostante Torpiana, inoltre le sorelle Virginia e Iride Ferretti, che erano sul terrazzo della loro abitazione, sono ferite mentre rientravano in casa. Virginia Ferretti, colpita gravemente all'addome, è trasportata all'ospedale della Spezia, dove muore due giorni dopo, il 7 aprile. Una volta preso il controllo del paese, i rastrellatori non compiono altre violenze.
Gli esponenti del Partito d'Azione presenti a Torpiana riescono a sfuggire al rastrellamento.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: Secondo la maggior parte delle fonti, l'episodio è opera di un reparto della X MAS non meglio identificato.
Il parroco di Torpiana Don Ravini riferisce che il rastrellamento fu effettuato da un reparto antisom, probabilmente da identificare con il comando Antisom (aliquota “Terra”, circa 130 uomini) di stanza alla Spezia utilizzato in funzione antipartigiana (nel 1944 aggregato alla X MAS con la denominazione “X° Flottiglia Mas - Mezzi d'Assalto - Unità Antisom”)
Se si dà credito alla versione di Don Ravini, si può supporre una responsabilità nell'episodio del sottotenente di vascello Franco Uccelli, comandante del reparto Antisom “Terra” di stanza alla Spezia.
Nel rastrellamento furono impegnati reparti della 135. Brigata da Fortezza (attivi nel territorio di Sesta Godano) e della X MAS, nonché altre unità minori e militi della GNR.

La vittima Ferretti Virginia fu in seguito riconosciuta come partigiana della Colonna Giustizia e Libertà del Partito d'Azione in quanto si sarebbe esposta per avvertire alcuni partigiani del paese dell'arrivo dei rastrellatori (vedi fonte Bertonelli in bibliografia), ma le modalità del rastrellamento e il fatto che gli stessi marinai si adoperassero per trasportare la ferita in ospedale fanno pensare a un'uccisione casuale di una civile.

Scheda compilata da Maurizio Fiorillo
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-01 13:04:38

Vittime

Elenco vittime

Ferretti Angiolina Antonietta Virginia, di 23 anni, residente a Torpiana (Zignago), contadina, civile.

Elenco vittime civili 1

Ferretti Angiolina Antonietta Virginia

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


X MAS

Tipo di reparto: Reparto speciale

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Nel 1984 è stata concessa al Comune di Zignago Croce al Valore Militare in considerazione del fondamentale contributo dato dalla popolazione locale alla lotta di Resistenza.

Bibliografia


Giulio Bertonelli, Tra Magra e Val di Vara, Le forze spezzine di G.L., in AA.VV., Più duri del carcere, Emiliano Degli Orfini, Genova 1946, pp. 245-246.
Gerolamo Bollo, Tra Vara e Magra. La Resistenza a La Spezia, La Moderna, La Spezia 1969, p. 47.
Libro Cronistorico della parrocchia di Torpiana e Valgiuncata in appendice a M.Maggi, Vicende civili e religiose in Val di Vara durante la Resistenza, tesi discussa presso l’Università di Genova, relatore G.B. Varnier, AA 1991-92.
Giorgio Pisanò, Storia delle forze armate della Repubblica sociale italiana 1943-1945, Visto, Milano 1967, vol. 2, p. 957.
Giulivo Ricci, La Colonna Giustizia e Libertà, FIAP-Ass.Partigiani Mario Fontana-ISR La Spezia, La Spezia 1995, pp. 88, 96, 436.
Testimonianze per proposta conferimento Medaglia d'Oro al Comune di Zignago, ISR La Spezia 1970, inedito.

Sitografia


Nel sito dell\'Istituto spezzino per la storia della Resistenza e dell\'età contemporanea (www.isrlaspezia.it), nella sezione “Le vie della Resistenza” è presente una scheda, curata da Maria Cristina Mirabello e dedicata a via Virginia Ferretti di Torpiana di Zignago, che ricostruisce l\'episodio.

Fonti archivistiche

Fonti

Registro degli Atti di Morte del Comune di Zignago, anno 1947.