CROCI DI ARRONE 02.04.1944

(Terni - Umbria)

CROCI DI ARRONE 02.04.1944

CROCI DI ARRONE 02.04.1944
Descrizione

Località Croci, Arrone, Terni, Umbria

Data 2 aprile 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Tra la fine del marzo e l’aprile 1944 la fascia appenninica umbro-marchigiana sino alla provincia di Rieti è investita da una grande operazione di rastrellamento, scatenata dalle forze armate tedesche con l’appoggio delle formazioni armate della RSI, per eliminare la presenza delle bande partigiane operanti in un’area di estrema importanza strategica per gli alti comandi tedeschi, in quanto costituente ormai la retrovia della Linea Gustav. Anche la zona di Arrone, nella Valnerina ternana, una delle roccaforti della brigata garibaldina “Antonio Gramsci” e area di provenienza di molti componenti della brigata subisce il rastrellamento. E’ in questo contesto che Di Lorenzo e De Angelis vengono arrestati nei pressi della località di Croci di Arrone da militari tedeschi: accusati di connivenza con i partigiani sono immediatamente fucilati.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: Pietro De Lorenzi [sic] e Venanzio De Angelis, sono inseriti nell’elenco dei partigiani riconosciuti della brigata garibaldina “Antonio Gramsci”, redatto nel dopoguerra. Secondo tale documento, sarebbero stati inquadrati nella formazione partigiana dal 28 settembre 1943 al 31 marzo 1944 e sarebbero caduti ad Arrone. Con riferimento a De Lorenzi [per Di Lorenzo] si indica, probabilmente per errore, come luogo di uccisione Cascia.
Nella scarna documentazione su tale uccisione redatta dai carabinieri si riporta come data dell’uccisione dei due il 14 giugno 1944, all’indomani della liberazione da parte delle truppe alleate della vicina Terni. Nel certificato di morte del Di Lorenzo, si indica invece il 2 aprile 1944, data compresa nell’arco di tempo in cui avviene il rastrellamento nella zona da parte delle forze nazifasciste, che corrisponde peraltro con il periodo di militanza nella brigata “Gramsci”, secondo quanto risulta dall’elenco di riconoscimento della qualifica di partigiano di Di Lorenzo e De Angelis.

Scheda compilata da Angelo Bitti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-10-22 15:36:54

Vittime

Elenco vittime

De Angelis Venanzio, nato nel 1884, coniugato.
Di Lorenzo Pietro, nato ad Arrone il 16/12/1907 e ivi residente, coniugato.

Elenco vittime partigiani 2

De Angelis Venanzio.
Di Lorenzo Pietro.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Terni, palazzo del Podestà

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Terni, palazzo del Podestà

    Descrizione: I nomi di Venanzio De Angelis e Pietro Di Lorenzo sono inseriti nella lapide posta a Terni, nel palazzo del Podestà, attualmente sede della locale Biblioteca comunale, dedicata ai caduti della Brigata Gramsci e del Gruppo di Combattimento Cremona del rico

  • monumento a Arrone

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Arrone

    Anno di realizzazione: 1977

    Descrizione: Ad Arrone nel 1977 è stato inaugurato, lungo una strada intitolata alla Resistenza, un monumento costituito da un’alta colonna di forma triangolare, con in evidenza semplicemente: 1943, 1944 e Resistenza.

Bibliografia


Angelo Bitti, La guerra ai civili in Umbria (1943-1944). Per un Atlante delle stragi nazifasciste, Editoriale Umbra, Isuc, Foligno-Perugia, 2007, pp. 190.
Tommaso Rossi, Tracce di memoria. Guida ai luoghi della Resistenza e degli eccidi nazifascisti in Umbria, vol. 1, Editoriale Umbra, Istituto per la storia dell’Umbria contemporanea, Foligno-Perugia 2013, p. 610.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

- AUSSME, b. 2132, f. Documentazione atti di barbarie commessi dai nazifascisti in Italia Centrale (Toscana, Umbria), Prospetto delle violenze commesse dai nazifascisti in provincia di Terni.
- Archivio storico Isuc, ANPI Terni, Resistenza/Liberazione, b. 2, Riconoscimento qualifiche 1946-1948.