Cascina Punte Alte, Caselle Landi, 01.04.1945

(Lodi - Lombardia)

Cascina Punte Alte, Caselle Landi, 01.04.1945

Cascina Punte Alte, Caselle Landi, 01.04.1945
Descrizione

Località Cascina Punte Alte, Caselle Landi, Lodi, Lombardia

Data 1 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Nei primi mesi del 1945 erano continuati nel Lodigiano i rastrellamenti di renitenti e disertori. Tra i molti sbandati, che lavoravano pacificamente presso cascine senza svolgere attività ribelli, a parere dell’autorità militare si mimetizzavano anche gruppuscoli di partigiani contro i quali soprattutto puntava l’opera di repressione della GNR.
Quando Silvano Campagnoli era tornato in famiglia per trascorrervi il giorno di Pasqua, il milite Mario Agosti notò il suo arrivo e lo segnalò; il distaccamento GNR di Caselle Landi chiese rinforzi a quelli dei paesi vicini.
Nel primo pomeriggio del 1° aprile 1945 la cascina Punte Alte fu circondata. Gli assedianti, guidati dal comandante della brigata nera di Codogno, Alessandro Midali, iniziarono a sparare. Silvano Campagnoli rispose ai colpi ferendo mortalmente il milite Oltolini. Fu appiccato allora il fuoco al fienile, stanando il partigiano che fu ucciso. Poi venne ferito il fratello Lino, di 16 anni. Accorse, al rumore degli spari, Amedeo Cigognini, cugino dei Campagnoli, che ottenne dagli assedianti di entrare in cascina e di portare in salvo i sei figli minori dei Campagnoli: Edvige, Adriana, Anna, Sergio, Angelo e Arrigo (di appena due anni): non poté trasportare Lino, non ancora sedicenne, perché già gravemente ferito. Il padre Pietro e la madre Teresa Berselli, in evidente stato di gravidanza, non vollero abbandonare la cascina e quando uscirono sull'aia furono a loro volta trucidati. Sopraggiunse il fittabile della cascina Luigi Losi, nell’intento di salvare il bestiame dall’incendio. Anch’egli fu ucciso.
I corpi delle 5 vittime furono poi abbandonati tra le fiamme del cascinale.
Il parroco del paese, don Giuseppe Patti, richiamato dagli spari e dal fumo, giunse alla cascina dopo aver incrociato i fascisti apostrofandoli con parole di condanna. Estrasse i corpi dal fuoco, li adagiò su un carretto e trainandolo lui stesso a braccia – per non esporre a rischi nessuno dei suoi parrocchiani - portò le vittime in paese. Ai funerali partecipò l’intera popolazione.

Modalità di uccisione: fucilazione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,incendio di abitazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

Scheda compilata da Simona Distante
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-25 22:27:46

Vittime

Elenco vittime

Campagnoli Pietro, n. 26 - 06 - 1904 a Caselle Landi.
Berselli Teresa, n. 13 -03 - 1904 a Caselle Landi.
Erano fittabili presso la cascina Punte alte, proprietà di Luigi Losi; avevano 8 figli e Teresa era al settimo mese di gravidanza.
Campagnoli Lino, n. 23 – 06 – 1929 a Caselle Landi, figlio di Pietro e Teresa.
Losi Luigi, n. 25 – 05 – 1903 a Caselle Landi, agricoltore della cascina Punte Alte.

Elenco vittime civili 4

Campagnoli Pietro,
Berselli Teresa,
Campagnoli Lino,
Losi Luigi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR, distaccamento di Caselle Landi

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

GNR, distaccamento di Codogno

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

GNR, distaccamento di Castelnuovo Bocca d\'Adda

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Alessandro Midali

    Nome Alessandro

    Cognome Midali

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Dalla cronaca del processo emergono le seguenti dichiarazioni: Angelo Riboldi, che aveva contattato i partigiani per fuggire dalla GNR, ma era stato invitato a rimanere per fare il doppio gioco, al processo testimoniò: il capitano Midali aveva dato ordine a coloro che si trovavano nella casa di uscire nello spazio di 5 minuti, altrimenti avrebbe fatto incendiare tutto. Scaduto il tempo, Midali diede ordine di uccidere tutti coloro che erano dentro la cascina. Tidor Giordano [della GNR di Castelnuovo Bocca d\'Adda] confermò di aver ucciso lui il Losi e di aver sparato contro il Campagnoli Lino per ordine del Midali. Secondo la testimonianza di Giuseppe Losi, figlio del fittabile Gino Losi, il padre fu fucilato per ordine del Midali (il Cittadino di Lodi, 1 aprile 2011, la testimonianza è consultabile in rete alla pagina Secondo la testimonianza di Giuseppe Losi, figlio del fittabile Gino Losi, il padre fu fucilato per ordine del Midali (il Cittadino di Lodi, 1 aprile 2011, la testimonianza è consultabile in rete alla pagina Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

  • Amedeo Colombo

    Nome Amedeo

    Cognome Colombo

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Dalla cronaca del processo emergono le seguenti dichiarazioni: Amedeo Colombo affermò che mentre si avvicinava alla cascina, il Campagnoli gli sparò contro un paio di fucilate e che egli allora reagì sparando a sua volta; ritenne di aver ferito Silvano Campagnoli perché lo vide mettersi una mano al petto e scappare nella stalla. Imputati nel processo della Corte d’Assise straordinaria di Lodi, novembre 1946.

  • Fulvio Mariani

    Nome Fulvio

    Cognome Mariani

    Note procedimento Dalla cronaca del processo emergono le seguenti dichiarazioni: Fulvio Mariani disse che fu il sergente [Carlo] Sari a fare accerchiare la cascina e a dire ai suoi dipendenti di rimanere di guardia mentre egli andava a chiedere rinforzi. Imputato nel processo della Corte d’Assise straordinaria di Lodi, novembre 1946.

  • Giordano Tidor

    Nome Giordano

    Cognome Tidor

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Dalla cronaca del processo emergono le seguenti dichiarazioni: Tidor Giordano [della GNR di Castelnuovo Bocca d\'Adda] confermò di aver ucciso lui il Losi e di aver sparato contro il Campagnoli Lino per ordine del Midali. Imputato nel processo della Corte d’Assise straordinaria di Lodi, novembre 1946. Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

  • Marco Ravazzoli

    Nome Marco

    Cognome Ravazzoli

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

  • Mario Agosti

    Nome Mario

    Cognome Agosti

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Dalla cronaca del processo emergono le seguenti dichiarazioni: L\'imputato Mario Agosti confermò di aver segnalato alla GNR che il partigiano Silvano Campagnoli era rientrato in famiglia. Fu presente all\'eccidio ma non vi prese parte. Imputato nel processo della Corte d’Assise straordinaria di Lodi, novembre 1946. Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

  • Mario Peviani

    Nome Mario

    Cognome Peviani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

  • Sconosciuto Zanotti

    Nome Sconosciuto

    Cognome Zanotti

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Il processo contro gli autori della strage fu celebrato presso la Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi e la sentenza fu emessa il 3 novembre 1945: il capitano Alessandro Midali e il tenente Marco Ravazzoli, condannati a morte; i militi Giordano Tidor e Zanotti a 25 anni, Agosti a 12 anni, Peviani a 8 anni.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Descrizione: Lapide posta sul muro della cascina Punte Alte con i nomi delle 5 vittime.

  • lapide a Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Descrizione: Lapide con l’intestazione di C.V.L. e A.N.P.I., sezione di Codogno, posta dai partigiani del codognese il 25 aprile 1966.

  • lapide a Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caselle Landi, Cascina Punte Alte

    Anno di realizzazione: 2011

    Descrizione: Lapide sul muro della cascina Punte Alte “a ricordo di una creatura la cui vita nel grembo materno fu negata dalla violenza”, posta dall’Amministrazione Comunale di Caselle Landi il 3 aprile 2011.

  • lapide a Caselle Landi, Piazza della Chiesa

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caselle Landi, Piazza della Chiesa

    Descrizione: Il nome di Campagnoli Silvano compare sulla lapide ai Caduti in guerra posta sull’omonimo monumento in Piazza della Chiesa.

  • lapide a Caselle Landi, Piazza della Chiesa

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caselle Landi, Piazza della Chiesa

    Descrizione: I nomi di Campagnoli Silvano e Losi Gino compaiono tra i partigiani su un’altra lapide ai Caduti in guerra posta nell’omonima cappella in Piazza della Chiesa.

  • luogo della memoria a Caselle Landi

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Caselle Landi

    Descrizione: Il Comune di Caselle Landi ha intitolato due vie rispettivamente ai Martiri della Resistenza e ai Martiri della Libertà.

Bibliografia


Gennaro Carbone, Memoria di pietra, Quaderni ILSRECO n.27, dicembre 2011, pp. 38-41.
M. Montanari, Pasqua di sangue, in Partigiani di pianura tra Oglio, Adda e Po. Racconti, Stampa Alternativa - Nuovi Equilibri, Viterbo 2004, pp. 3-37.
Ercole Ongaro, Guerra e Resistenza nel lodigiano 1940-1945, Il Papiro Editrice “Altrastoria”, Sesto San Giovanni, 1994, pp. 221-222.
Ercole Ongaro, Caselle Landi 1945: strage a Pasqua, testo preparato per la decima edizione di “Resistere, pedalare, resistere”, Cascina Punte alte, 25 aprile 2012 (unicamente su cronache giornalistiche relative al processo conclusosi con la sentenza del 3 novembre 1945 presso la Corte d'Assise Straordinaria di Lodi).

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Gli atti del processo celebrato a Lodi, scorporati dal corpus dei documenti della Corte d\'Assise Straordinaria di Lodi, sono conservati presso l\'Archivio di Stato di Pavia; la loro consultazione non è stata possibile perché sono in deposito in outsourcing.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2131