BAGNI ORVIETO 14.06.1944

(Terni - Umbria)

BAGNI ORVIETO 14.06.1944

BAGNI ORVIETO 14.06.1944
Descrizione

Località Bagni, Orvieto, Terni, Umbria

Data 14 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Il 14 giugno 1944 mentre le truppe alleate (unità sudafricane, neozelandesi, britanniche della 6. South African Armoured Division e della 78. British Infantry Division) entravano a Orvieto, gli ultimi reparti tedeschi lasciavano la città abbandonandosi al saccheggio e commettendo violenze contro i civili. Nella mattina di questa convulsa giornata, un gruppo di famiglie contadine della frazione Bagni di Orvieto si erano rifugiate in una grotta, sita nel vocabolo Casaccia di quella località, per ripararsi dai bombardamenti a cui era sottoposta la zona da parte dell’aviazione alleata. Attorno alle ore 11 sopraggiunsero nella grotta due soldati tedeschi, i quali sotto la minaccia delle armi costrinsero i cinque uomini presenti a seguirli in una casa vicina e, forse credendoli partigiani, senza dire una parola all’improvviso iniziarono a sparare: tre dei cinque uomini rimasero uccisi, due feriti. Prima di allontanarsi, i due tedeschi esplosero un’altra scarica di fucile mitragliatore sui corpi delle vittime ormai riverse a terra.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Secondo la testimonianza rilasciata ai carabinieri di Orvieto il 17 settembre 1944 dai due sopravvissuti all’eccidio, i tedeschi avrebbero prelevato i cinque uomini e proceduto alla loro fucilazione credendoli partigiani. In particolare, Armando Casaccia nella sua deposizione sostiene che «eravamo effettivamente dei partigiani e dei patrioti essendo noi armati di bombe a mano che non facemmo in tempo di lanciarle contro di loro». Tuttavia, non risulta che le vittime di questo eccidio abbiano ottenuto il riconoscimento di partigiano o di patriota.

Scheda compilata da Angelo Bitti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-01 10:50:00

Vittime

Elenco vittime

Casaccia Vincenzo, nato a Orvieto il 03/09/1897 e ivi residente in frazione Bagni, mezzadro, coniugato.
Spaccini Luigi, nato a San Vito in Monte nel Comune di San Venanzo (Terni) nel 1924, residente a Orvieto in frazione Bagni, mezzadro, celibe.
Spaccini Odoardo, nato a San Vito in Monte nel Comune di San Venanzo (Terni) l’08/08/1891, residente a Orvieto in frazione Bagni, mezzadro, coniugato.

Elenco vittime civili 3

Casaccia Vincenzo
Spaccini Luigi
Spaccini Odoardo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Angelo Bitti, La guerra ai civili in Umbria (1943-1944). Per un Atlante delle stragi nazifasciste, Editoriale Umbra, Isuc, Foligno-Perugia, 2007, p. 190.
Claudio Biscarini, Il passaggio del fronte in Umbria (giugno-luglio 1944), Fondazione Ranieri di Sorbello, Perugia 2014, pp. 115-133.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.

Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, b. 2132, f. Documentazione atti di barbarie commessi dai nazifascisti in Italia Centrale (Toscana, Umbria), Prospetto delle violenze commesse dai nazifascisti in provincia di Terni; Dichiarazione di Amedeo Purgatori ai carabinieri di Orvieto, 17 settembre 1944; Dichiarazione di Armando Casaccia ai carabinieri di Orvieto, 17 settembre 1944.
AS Isuc, ANPI Terni, Resistenza/Liberazione, b. 2 «Riconoscimento qualifiche 1946-1945».