Gualzi di Sant’Anna, Sondrio, 26.04.1945

(Sondrio - Lombardia)

Gualzi di Sant’Anna, Sondrio, 26.04.1945

Gualzi di Sant’Anna, Sondrio, 26.04.1945
Descrizione

Località Gualzi di Sant’Anna, Sondrio, Sondrio, Lombardia

Data 26 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Il Tenente Colonnello Edoardo Alessi, partigiano “Marcello”, era diventato Comandante del Gruppo territoriale CC.RR di Sondrio dal 12 aprile 1942; monarchico, dopo l'8 settembre si attiva per dare aiuto agli sbandati, ai perseguitati politici e razziali e si rifiuta per due volte di prestare giuramento alla Repubblica Sociale Italiana. L'8 di dicembre espatria in Svizzera con la consorte Vincenzina Scorza, lasciando ai suoi collaboratori Maresciallo Giovanni Lei e Mario Torti “Claudio”, Comandante della Brigata partigiana “Mortirolo”, precisi ordini di organizzazione e resistenza. Per questo sarà condannato in contumacia a trent'anni di reclusione dal Tribunale Straordinario provinciale di Sondrio.
Rientrò in Italia il 5 febbraio 1945, su richiesta del Comando delle forze partigiane dell'Alta Valtellina, per assumere il comando della 1/a Divisione Alpina Valtellina Volontari della Libertà, subentrando al Capitano Motta “Camillo”. Riorganizzò militarmente le forze partigiane dell'Alta Valle, sganciandole da “Giustizia e Libertà”, cercò contatti con le Fiamme Verdi della Val Camonica e pose le basi per la costituzione del Comando Unificato di Zona a Sondrio, con i rappresentanti delle formazioni Garibaldine della Media e Bassa valle. In ogni sua azione era coadiuvato da Adriano Cometti “Cesare”.
Dopo varie trattative, era stato concordato un incontro per la costituzione del Comando unificato della Resistenza in Valtellina e Valchiavenna, da attribuirsi al Tenente Colonnello Edoardo Alessi, a casa Parravicini a Castione. L'incontro non avvenne mai, in quanto Edoardo Alessi e Adriano Cometti furono intercettati dai militi della GNR di Sondrio e della BN “Manganiello”, nella notte tra il 25 e il 26 aprile 1945, mentre era in corso un rastrellamento preparatorio al RAR: ridotto alpino repubblicano. L'estrema difesa fascista in Valtellina non avvenne mai, in quanto la colonna fascista in fuga da Milano assieme ai tedeschi venne fermata sul Lago di Como.

Modalità di uccisione: arma da taglio,uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Il 26 luglio 1946 la Corte d'Assise straordinaria di Sondrio condannò Mario Vignale (Torino 1901) a trent'anni di reclusione, di cui dieci condonati, per aver ucciso un uomo già a terra ferito. Tutti gli altri imputati furono assolti.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): L\'uccisione del Colonnello Alessi e del Tenente Adriano Cometti venne da subito strumentalizzata per creare divisione all\'interno delle forze resistenziali. Corsero voci che la presenza dei due partigiani in casa Lorenzini a Gualzi di S.Anna fosse stata segnalata, così da permetterne la cattura e questo avrebbe impedito che il comando unificato delle forze partigiane fosse attribuito ad un carabiniere monarchico. La letteratura ha tuttavia dimostrato che tale unificazione era stata concordata e accettata da tutte le parti, comprese le forze garibaldine che operavano nella media e bassa valle.

Scheda compilata da Fausta Messa
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-06 14:28:21

Vittime

Elenco vittime

Alessi Edoardo “Marcello”, Aosta 4 marzo 1897- Colombera (SO) 26 aprile 1945.
Partigiano comandante delle forze unificate della Valtellina e della Valchiavenna.
Cometti Adriano “Cesare”, Gardone Riviera 1919- Colombera 26 aprile 1945.
Già partigiano in Valdossola, fuggito in Svizzera per un rastrellamento nazi-fascista, era diventato Aiutante Maggiore del Colonnello Alessi, inquadrato nella I Divisione Alpina Valtellina.

Elenco vittime partigiani 2

Alessi Edoardo “Marcello”,
Cometti Adriano “Cesare”

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto GNR non precisato

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Mario Vignale

    Nome Mario

    Cognome Vignale

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Il 26 luglio 1946 la Corte d\'Assise straordinaria di Sondrio condannò Mario Vignale (Torino 1901) a trent\'anni di reclusione, di cui dieci condonati, per aver ucciso un uomo già a terra ferito. Gli altri imputati vennero assolti

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Ogni anno il 26 aprile viene celebrata una S. Messa di suffragio a cura dell\'arma dei carabinieri. Nel corso delle celebrazioni del 25 Aprile, le autorità rendono omaggio al busto del Col. Alessi, nell\'atrio della caserma dei Carabinieri di Sondrio.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Descrizione: Medaglia d\'Argento al valor militare per la Resistenza alla provincia di Sondrio.

  • lapide a Sentiero Sondrio-Mossini, tra Colombera e S.Anna Sondrio sale verso Mossini, tra Colombera e S.Anna

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Sentiero Sondrio-Mossini, tra Colombera e S.Anna Sondrio sale verso Mossini, tra Colombera e S.Anna

    Descrizione: Sul sentiero della memoria che da Sondrio sale verso Mossini, tra Colombera e S.Anna si trova una lapide che ricorda l\'uccisione di Alessi e Cometti.

  • luogo della memoria a Aosta

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Aosta

    Descrizione: Ad Aosta è stata intitolata ad Alessi la caserma dei carabinieri.

  • luogo della memoria a Sondrio

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Sondrio

    Descrizione: A Sondrio è stata intitolata una via centrale ad Edoardo Alessi, come anche la caserma dei Carabinieri. La salma di Alessi riposa nel piccolo cimitero di Mossini, vicino al luogo della sua uccisione, viene tenuta in ordine dalla popolazione locale e da u

Immagini delle memorie di pietra
Bibliografia


Pietro Buttiglieri- Michele Maurino, Un eroe valdostano. Il Tenente colonnello dei Carabinieri Reali Edoardo Alessi, Stylos 2005.
Vanni Farinelli, Noi c'eravamo. La Benemerita da Tirano all'Alta Valle nei suoi 150 anni in Valtellina, Tip. Poletti, Tirano 2009.
Marco Fini-Franco Giannantoni, La resistenza più lunga. Lotta partigiana e difesa degli impianti idroelettrici in Valtellina: 1943-1945, Sugarco 2008.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia, Fondo Alessi, b.1
Archivio Istituto Sondriese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Piccoli fondi Sondrio
Archivio di Stato di Sondrio, Fondo Angelantonio Bianchi, b.2 , fasc.2.
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2123 bis